club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Sunday, 23 February 2020 @ 15:37 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2684/1)
Racconti (1025/0)
Saggi (19/0)

Eventi  
Eventi nel sito

Thursday 02-Jan -
Monday 30-Mar
  • XXVII Giro d'Italia delle Poesie in cornice 2020

  • Friday 03-Jan -
    Thursday 30-Apr
  • Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2020

  • Saturday 04-Jan -
    Friday 15-May
  • Premio Letterario Nazionale Poesia a Chiaromonte 2020

  • Sunday 05-Jan -
    Sunday 31-May
  • Premio Ebook in…versi 2020

  • Tuesday 07-Jan -
    Thursday 30-Jul
  • XXV Edizione Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2020

  • Tuesday 07-Jan -
    Tuesday 30-Jun
  • Premio Letterario Nazionale «Versi e parole in Lomellina» 2020
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    Nessun nuovo contributo

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • San Valentino [+5]
  • Il tulipano femmi...

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Il tulipano femmina (favola)   
     Monday, 10 February 2020 @ 17:30
     Leggi il profilo di: vincenzocusimano
     Visualizzazioni: 362

    Racconti

    Sai amico mio, io sono come un contadino che, scorto un tulipano selvatico nel suo campo, non lo colse e lo lasciò crescere e lo protesse dalle intemperie, dal vento salino, dal sole bruciante.
    Lo chiamò con un nome segreto... di femmina.
    Aveva cura di “lei”, la coltivava con estremo amore e desiderava che quel bellissimo fiore profumasse sempre ed i suoi colori vividi come quelli dell'arcobaleno vivessero in eterno nel suo cuore.
    Sai amico mio, quel tulipano selvaggio dai colori cangianti e dall’odore inebriante e dal nome di femmina era Lei, il suo amore disperato, inutile… era il suo amore impossibile per lei.
    E il tulipano femmina, poiché si sentiva protetta, sbocciò e profumò come mai nessun altro fiore aveva mai fatto, colma di gratitudine per l'amore da lui ricevuto ed idealmente con la sua corolla l'abbracciò e lo volle teneramente bene per sempre.

     



    Il tulipano femmina (favola) | 9 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Il tulipano femmina (favola)
    Contributo di: Elysa on Thursday, 13 February 2020 @ 16:09
    l'idea non è male...ovviamente donna-fiore è un'immagine
    consueta ma mai banale, ancor di più al giorno d'oggi dove
    la
    violenza verso le donne è diventata notizia quotidiana,
    sarebbe bello che gli
    uomini si sentissero tutti come contadini votati a
    proteggere e curare i loro fiori...e a riceverne l'amore.

    ---
    Elysa

    [ ]

    Il tulipano femmina (favola)
    Contributo di: frank69 on Thursday, 13 February 2020 @ 16:34


    Caro Vincenzo scusami ma la storia per quanto favola mi appare molto inverosimile.
    (un tulipano femmina poi)
    Io avrei raccontato di un contadino solitario, coltivatore di tulipani che rimase incantato
    da una donna affascinata dal suo campo fiorito
    e, come in ogni favola, vissero in seguito felici e contenti.

    [ ]

    Il tulipano femmina (favola)
    Contributo di: zio-silen on Thursday, 13 February 2020 @ 21:14
    Se vuoi dichiarare amore eterno, lascia perdere le rose,
    scegli il tulipano. Consiglio del fioraio sottocasa.
    Se poi, paziente, hai la possibilità di coltivare quel
    fiore/amore disperato e impossibile, vedrai che prima o poi
    sboccerà colorato e profumato. Inoltre, colmo di
    gratitudine per quanto ricevuto, saprà ripagarti:
    "Amor, ch'a nullo amato amar perdona", Dante docet.

    Un saluto

    ---
    zio-silen

    [ ]

    Il tulipano femmina (favola)
    Contributo di: nino vicidomini on Saturday, 15 February 2020 @ 14:47
    Sai amico mio,
    io sono come un contadino
    che, scorto un tulipano selvatico nel suo campo,
    non lo colse e lo lasciò crescere
    e lo protesse dalle intemperie,
    dal vento salino,
    dal sole bruciante.

    Lo chiamò con un nome segreto... di femmina.

    Aveva cura di “lei”,
    la coltivava con estremo amore
    e desiderava che quel bellissimo fiore
    profumasse sempre ed i suoi colori vividi.
    come quelli dell'arcobaleno.
    vivessero in eterno nel suo cuore.

    Sai amico mio:
    - quel tulipano selvaggio dai colori cangianti
    e dall’odore inebriante e dal nome di femmina
    era Lei, il suo amore disperato, inutile
    … era il suo amore impossibile per lei.

    E il tulipano femmina,
    poiché si sentiva protetta, sbocciò e profumò
    come mai nessun altro fiore aveva mai fatto,
    Colma di gratitudine
    per l'amore da lui ricevuto ed, idealmente,
    con la sua corolla
    l'abbracciò e gli volle teneramente bene per sempre.


    ---
    nino vicidomini

    [ ]

    Il tulipano femmina (favola)
    Contributo di: Carmen on Thursday, 20 February 2020 @ 10:51
    ".....e lo volle teneramente bene per sempre"
    SI DICE:
    GLI VOLLE BENE!!!!!

    Ma la vogliamo smettere di scrivere e di parlare alla
    carlona?
    E poi vi giustificate dicendo:
    E' un errore di battitura!!!
    NO, NO e NO. e' IGNORANZA QUESTA!

    In un altro racconto, ho letto:
    a detto, senza la h !

    A parte questo, trattasi di racconto puerile, direi da 3
    elementare, massimo 4a, che disconosce le sfumature
    dell'amore e di ogni sentimento, persino dell'odio.
    Mi domando come un uomo adulto possa scrivere una simile
    scipitaggine.

    Inoltre, il famoso aforisma dantesco:
    "AMOR CHE A NULLO AMATO AMOR PERDONA", qui citato, è una
    boiata.
    Non è vero che l'amore suscita amore, assolutamente!



    ---
    Non c'è amore del vivere senza disperazione del vivere. Albert Camus

    [ ]

    Il tulipano femmina (favola)
    Contributo di: marco cinque on Thursday, 20 February 2020 @ 12:14
    Pur non condividendo i toni insopportabilmente aggressivi
    di Carmen, sposo il contenuto del suo commento, aggiungendo
    che l'arcaica, stereotipata visione dei ruoli
    maschio/femmina, anche se in versione amorosa
    baciperuginesca, non è proprio il massimo per l'evoluzione
    della specie... e tanto meno della letteratura. Grazie
    comunque

    ---
    marco cinque

    [ ]

    Il tulipano femmina (favola)
    Contributo di: Riflessi on Friday, 21 February 2020 @ 13:32
    Riprendo la nota di zio-silen e Carmen sul famoso verso di Dante: Francesca, contro il suo destino all'inferno, si appellava al fatto che di tanto amore ricevuto non si poteva che ricambiare e quindi dice "sono qui per questo". In quel contesto però si parlava di adulterio, uxoricidio, punizione divina in conseguenza del classico "al cuor non si comanda". Mi ha sempre dato fastidio questa visione punitiva in mancanza di alternative (oggi per fortuna c'è il divorzio, anche se la prepotenza del partner non amato, specialmente maschile, rimane).
    In questo racconto, invece, si parla di amore puro, incondizionato, senza attesa di ritorno: non era previsto venisse ricambiato. L'unico neo può essere quell'anacronistico "femmina" che riporta a un amore ricambiato come semplice premio per la protezione che il "maschio" tende a offrire alla sua partner. Ma si sa, l'amore ha mille forme e ognuno lo sperimenta e lo vive a modo proprio.

    [ ]

    Il tulipano femmina (favola)
    Contributo di: Titta on Friday, 21 February 2020 @ 13:46
    Uno tra i miei fiori preferiti: sembra gracile ma nei campi, ai bordi delle strade di campagne resiste e non sfugge agli occhi più attenti. Così come non sfugge qui il quieto ammettere che a volte il lieto fine esiste. Spesso solo nelle favole, ahimè. --- Titta

    [ ]

    Il tulipano femmina (favola)
    Contributo di: vincenzocusimano on Friday, 21 February 2020 @ 18:17
    Quando ho postato questa favoletta ero ben consapevole dell'estrema semplicità (ma non puerilità) del testo, ma non ho desistito perché ho così tentato di "compensare" il barocchismo, talvolta estremo (me ne rendo conto,) di alcune mie poesie. Non posso che ringraziare chi l'ha comunque apprezzata e anche chi l'ha criticata. Siamo qui per questo no? Infine chiedo venia per l'imperdonabile errore (sono serio non ironico) relativo al pronome complemento. E' vero, si scrive "gli" (oppure "le") voglio bene e non "lo" o "la" voglio bene. Errore dovuto probabilmenmte alla lingua parlata qui in Sicilia dove è esattamente l'opposto; ma non non voglio, con ciò, affatto giustificarmi.

    ---
    Vincenzo Cusimano ---
    «Hai la debolezza di voler stupire. Cerchi versi splendidi per cose lontane; dovresti trovarli per cose che ti sono vicine» (Basho)

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2020 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.