club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Sunday, 23 February 2020 @ 14:05 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2684/1)
Racconti (1025/0)
Saggi (19/0)

Eventi  
Eventi nel sito

Thursday 02-Jan -
Monday 30-Mar
  • XXVII Giro d'Italia delle Poesie in cornice 2020

  • Friday 03-Jan -
    Thursday 30-Apr
  • Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2020

  • Saturday 04-Jan -
    Friday 15-May
  • Premio Letterario Nazionale Poesia a Chiaromonte 2020

  • Sunday 05-Jan -
    Sunday 31-May
  • Premio Ebook in…versi 2020

  • Tuesday 07-Jan -
    Thursday 30-Jul
  • XXV Edizione Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2020

  • Tuesday 07-Jan -
    Tuesday 30-Jun
  • Premio Letterario Nazionale «Versi e parole in Lomellina» 2020
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    Nessun nuovo contributo

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • San Valentino [+5]
  • Il tulipano femmi...

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Labirinti   
     Monday, 10 February 2020 @ 16:30
     Leggi il profilo di: zio-silen
     Visualizzazioni: 330

    Poesie

    Percorre labirinti la mia notte
    di spettri muti e scrocchi di fasciame.
    La rotta ora è smarrita. L'onda schiuma,
    rabbiosa m'inacerba le ferite.
    Son cieco, sulla tolda, alzo le mani
    al vento di tempesta malandrino.
    E mi stringo al tuo seno. La paura
    dispare come raffica sicaria
    a un niente dal bersaglio designato.






     



    Labirinti | 15 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Labirinti
    Contributo di: trimacassi on Tuesday, 11 February 2020 @ 09:05
    Dice e non dice, ma fa capire(percorsi della mente nei
    notturni).Non le solite frasi, ma segue un suo filo logico,
    con lemmi originali e raffinati. Roba per intenditori, per
    capirci...Un saluto.

    ---
    trimacassi



    [ ]

    Labirinti
    Contributo di: Paolo_C on Tuesday, 11 February 2020 @ 12:43
    Perdersi e ritrovarsi grazie ad un affetto caro.
    Il tutto scritto con garbo e pesando il verso.
    Peccato per i termini desueti, in modo particolare “malandrino” , di cui a
    mio avviso non si sente il bisogno.

    Ciao

    ---
    Paolo C.

    Adoro unire il futile al dilettevole!

    [ ]

    Labirinti
    Contributo di: frank69 on Tuesday, 11 February 2020 @ 19:10


    Originale descrizione della notte, quando non si riesce a dormire
    e/o si sogna con terrore la rotta smarrita.
    Piacevole l’uscita da quel labirinto prima del risveglio.
    Impeccabile poesia secondo il mio parere per la sobrietà dei versi..

    [ ]

    Labirinti
    Contributo di: marco cinque on Tuesday, 11 February 2020 @ 19:45
    Descrizione con lessico ri-cercato, testo ben costruito, ma
    è come se la forma (non attualissima) prendesse il
    sopravvento sulla sostanza e il vestito prevalesse sul
    corpo delle parole. Nel suo genere direi che è una buona
    poesia, comunque non vicina ai miei gusti personali e
    soggettivi. In ogni caso, grazie.

    ---
    marco cinque

    [ ]

    Labirinti
    Contributo di: Riflessi on Wednesday, 12 February 2020 @ 12:48
    come Paolo_C. Suggerisco "clandestino". Ciao

    [ ]

    Labirinti
    Contributo di: vincenzocusimano on Thursday, 13 February 2020 @ 12:36
    Da una prima lettura, sovviene immediato il richiamo al primo Luzi, quello per intenderci della stringatezza e del puro ermetismo. Componimento evocativo e lirico in cui il Poeta descrive, più non dicendo che dicendo (coerentemente d’altronde con la sua poetica), il dipanarsi della propria anima, tra un accenno di disperazione (“La rotta ora è smarrita. L'onda schiuma,/rabbiosa m'inacerba le ferite”) e l’ausilio dall’amore (“E mi stringo al tuo seno”) che apre infine ad una dolce speranza (“La paura dispare come raffica sicaria”). Lessico ricercato ma non stucchevole, anzi molto elegante. Piccola nota critica rivolta a chi mi ha preceduto: ma cosa vuol dire “termini desueti”? Ovviamente è una domanda retorica. Scusate, se la nostra meravigliosa lingua italiana, ricchissima di lemmi, (dei quali purtroppo ne viene utilizzata una minima parte) e già così bistrattata, non viene rivaluta in poesia, dove dovrebbe esserlo? A parte che “malandrino” non mi pare un termine tanto raro… --- Vincenzo Cusimano --- «Hai la debolezza di voler stupire. Cerchi versi splendidi per cose lontane; dovresti trovarli per cose che ti sono vicine» (Basho)

    [ ]

    Labirinti
    Contributo di: Empatia on Thursday, 13 February 2020 @ 15:09
    Mi ricorda un incubo che sopraggiunge nella notte per far perdere la rotta alla ragione ma dove ad un certo punto una presenza femminile, come un ancora di salvezza, riporta tutto alla realtà. Magari appena prima di perdere il senno. Empatia

    [ ]

    Labirinti
    Contributo di: Elysa on Thursday, 13 February 2020 @ 15:57
    elegante e sobria, i termini marinareschi sono nel tuo
    stile e parlano di te e della tua terra, molto bella.

    ---
    Elysa

    [ ]

    Labirinti
    Contributo di: Carmen on Thursday, 13 February 2020 @ 17:21
    Insolita, ermetica (non si comprende
    un'acca) ma suggestiva.
    È la chiusa che non c'entra niente con
    tutto il resto e stona.

    ---
    Non c'è amore del vivere senza disperazione del vivere. Albert Camus

    [ ]

    Labirinti
    Contributo di: indio on Friday, 14 February 2020 @ 15:16
    ...ho apprezzato la tua poesia e il commento di Elysa che
    ovviamente prendo in prestito...



    ---
    mitakuye oyasin

    indio

    [ ]

    Labirinti
    Contributo di: Pale shelter on Saturday, 15 February 2020 @ 14:26
    Rende benissimo l'accavallarsi di brevi stati d'animo in endecasillabo serrato: compattezza, ritmo, pathos e la curva finale, il bersaglio mancato, l'uscita da un incubo.
    Magistralmente interpretata e di conseguenza molto apprezzata.

    Un caro saluto.

    Franco

    [ ]

    Labirinti
    Contributo di: Titta on Monday, 17 February 2020 @ 12:17
    E dopo l'inquietudine, si torna alla realtà. --- Titta

    [ ]

    Labirinti
    Contributo di: LoSpettro on Tuesday, 18 February 2020 @ 13:07
    Credo di non sbagliare se dico che questa poesia è un dar corpo al pensiero in un momento di dissonanza del vivere, in un mondo ignoto. E' un sospendere la riflessione che s'intima, ma lasciando un tu palpitare segreto. Nel farlo apparire d'improvviso non si può non accorgersi quanto sia importante per L'Io poetico: gli aspetti mutevoli e problematici che dovrebbero scivolare al climax raggiunto non si smorzano invece. Quel che visto in solitudine si ricalibra, esiste, non è immaginazione, né incubo. E' tremendamente violento e formalmente il modo migliore per rafforzare l'importanza del non esistere soli. Assolutissimamente d'accordo con vincenzocusimano nell'affiancare Luzi a questa splendida poesia.

    [ ]

    Labirinti
    Contributo di: frame on Wednesday, 19 February 2020 @ 15:59
    Endecasillabi in scioltezza e qualche perla lessicale non bastano a farmela piacere del tutto. Peccato, prometteva bene, forse troppo corta la miccia prima del botto finale. Un saluto. --- Frame

    [ ]

    Labirinti
    Contributo di: A.Sal.One on Thursday, 20 February 2020 @ 00:03

    l'impalcatura dei versi
    da al componimento l'idea
    vaga, ma discernibile dei

    Labirinti

    di cui al titolo.

    L'andamento prosastico e`
    piuttosto piacevole e la
    scelta semantica si addice.

    La poesia appare piu` bella
    nei passaggi piu` colmi di
    pathos e in quel verso, ormai
    classico:

    E mi stringo al tuo seno.

    Un Sal.uto


    ---
    Il troppo stroppia
    soprattutto in poesia.

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2020 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.