club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Sunday, 23 February 2020 @ 14:41 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2684/1)
Racconti (1025/0)
Saggi (19/0)

Eventi  
Eventi nel sito

Thursday 02-Jan -
Monday 30-Mar
  • XXVII Giro d'Italia delle Poesie in cornice 2020

  • Friday 03-Jan -
    Thursday 30-Apr
  • Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2020

  • Saturday 04-Jan -
    Friday 15-May
  • Premio Letterario Nazionale Poesia a Chiaromonte 2020

  • Sunday 05-Jan -
    Sunday 31-May
  • Premio Ebook in…versi 2020

  • Tuesday 07-Jan -
    Thursday 30-Jul
  • XXV Edizione Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2020

  • Tuesday 07-Jan -
    Tuesday 30-Jun
  • Premio Letterario Nazionale «Versi e parole in Lomellina» 2020
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    Nessun nuovo contributo

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • San Valentino [+5]
  • Il tulipano femmi...

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Meno altrove   
     Monday, 10 February 2020 @ 16:00
     Leggi il profilo di: ablablabla
     Visualizzazioni: 359

    Poesie

    Ferocemente risucchio tutto dentro
    la stanza i mobili ogni sua carezza.
    Lo so resterò cosi per sempre imperfetto.
    Con Te scompare all'orizzonte
    anche l’ultimo pezzettino di sole.
    .. ..
    -Dai Amò.. aiutami a portare un po’ di cose. (A.bla)

    “La gloria di colui che tutto move
    per l’universo penetra, e risplende
    in una parte più e meno altrove. “
    (Paradiso canto I)


    Meno altrove


    Il crociato sta cedendo per lo sfarzo.
    [Origami corpo a corpo
    organi senza argini
    feroci forze centrifughe.]
    Sword and sandal
    tortura la carne
    incarna l’amo fatti male.
    Ma è solo quando scompare
    che finalmente appare.
    Comedian (comico) pensavo.
    [Con un Crocifisso tutto sarebbe
    stato meno corruttibile.]
    Ma fu solo una lampo nella notte
    su e giù su e giù.

     



    Meno altrove | 9 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Meno altrove
    Contributo di: Riflessi on Monday, 10 February 2020 @ 16:44
    Mi piacevi di più ai tempi di Moby Dick quando mescolavi in modo irriverente poesia e amnesia, senso e senza, serio e delirio, c6 e cfai. ICQ, 'ndo vai, suppergiù? ciao

    [ ]

    Meno altrove
    Contributo di: marco cinque on Wednesday, 12 February 2020 @ 15:02
    Meno il can per l'aia
    o meno come un fabbro?
    Meno male oppure me la meno?
    Ma in questo “meno altrove”
    si muovono “feroci forze centrifughe”
    che raccolgono macedonie di parole
    dirette ovunque e da nessuna parte
    magari come fingere l'arte
    per sentirsi un po' più veri
    per esserci in sentieri di nuovi altrove
    più o meno oppure poco e niente
    chissàcchilosà? Ah blablablà
    dal romanzo di Giuseppe Culicchia
    o dalla biografia di Patty Pravo?
    Dalle note di Gigi D'Agostino
    o dal programma di Lillo & Greg?
    Che fare, rileggere ad oltranza
    per capire il senso o chieder lumi
    alla stringa googliana? Magari no
    torno all'uncinetto a filar lana.

    saluti meno altrove
    ma solo se non piove
    xhigth jk ojiah lòkkdp
    su e giù, qui e là
    lu e lò, bi e bòh


    ---
    marco cinque

    [ ]

    Meno altrove
    Contributo di: Carmen on Thursday, 13 February 2020 @ 09:06
    Ferocemente risucchio tutto dentro
    la stanza i mobili ogni sua carezza.
    Lo so resterò cosi per sempre imperfetto.
    Con Te scompare all'orizzonte
    anche l’ultimo pezzettino di sole.

    SALVO QUESTO STRALCIO E BASTA. IL TITOLO È
    ATTRAENTE PERÒ PER UN ATTIMO QUEL "MENO"
    MI HA FATTO PENSARE ALL'ATTO DEL MENARE.



    ---
    Non c'è amore del vivere senza disperazione del vivere. Albert Camus

    [ ]

    Meno altrove
    Contributo di: vincenzocusimano on Thursday, 13 February 2020 @ 13:02
    Son pigro oggi... concordo con Carmen al 100%. Molto musicale e suggestiva la prima strofa, tutto il resto è noia... Ma l'autore non sono io. Alla prossima. --- Vincenzo Cusimano --- «Hai la debolezza di voler stupire. Cerchi versi splendidi per cose lontane; dovresti trovarli per cose che ti sono vicine» (Basho)

    [ ]

    Meno altrove
    Contributo di: Elysa on Thursday, 13 February 2020 @ 16:02
    Ferocemente risucchio tutto dentro la stanza i mobili ogni sua carezza. Lo so resterò cosi per sempre imperfetto. Con Te scompare all'orizzonte anche l’ultimo pezzettino di sole. .. .. salvo questa parte che realmente mi piace --- Elysa

    [ ]

    Meno altrove
    Contributo di: nino vicidomini on Friday, 14 February 2020 @ 11:01
    Cca nun legge niscjuno Abblablabà..

    ---
    nino vicidomini

    [ ]

    Meno altrove
    Contributo di: joshua on Sunday, 16 February 2020 @ 12:40
    riflettere ecfrasticamente sul MENO ALTROVE (umana limitazione o teodicea divina che sia) è roba di pasta poetica levitatissima (all'incirca fino all'Empireo, almeno). L’approssimazione mai terminata è la realtà estetica a cui guarda, senza mai punti fermi su dove si vada (perché è a questa che la poesia si dedica, sperando che, nel trasformare se stessa, cambi di poco anche l'aiuola che ci fa tanto feroci). Uno sforzo diventa sfarzo, crucciando il crociato (sembra di vedere un donchisciotte impegnato a fermare le pale del mulino di Amleto) e precipitando ogni diletto in una lotta infedele in cui si dibatte perfino il pesce prima di scomparire per sempre, meno altrove che hic et nunc, ovviamente. Varrebbe a dire che se il Tempo non c’è ( o non c’è più tempo) siamo all’Aufhebung - sorpasso o superamento - della presunta beltà del momento/memento, perché se siamo ciò che pensiamo, è anche vero che se non ci pensiamo non ci siamo.

    Sì, amo questo modo di tirare fuori ciò che siamo da ciò che abbiamo impensato, ma non perché i castelli di parole siano meno caduchi di quelli di pietra e mattone, ma per la sola ragione che uno li vede (legge) e non pensa che sia meglio sognare, anzi, guarda un po' !, spesso continua a rifletterci insonne. Se poi la costruzione si dirocca e ci fischia il vento e ci urla la bufera, chi se ne frega? Tanto si sa che una poesia bella sarà sempre quella che non ci corbella, appellandosi alle budella, anzi all’accoratella, come farebbe Cetto dal palchetto.

    STELLE FISSE (ça va sans l’assurer)
    j

    [ ]

    Meno altrove
    Contributo di: cordaccia on Sunday, 16 February 2020 @ 20:14
    Nel periodo di San rosso Valentino,ecco una
    Poesia d'amore senza smancerie.
    Quel meno esclude il "niente" e offre
    l'amore incondizionato divino o l"amore
    camaleontico di noi terrestri adattabile ad
    ogni situazione.
    Parallelismi
    crociato,crocifisso,paradiso,quella lampo
    nella notte da cui tutto parte , rendono la
    poesia molto dinamica,interessante.
    Un bel leggere. ciao:)

    [ ]

    Meno altrove
    Contributo di: LoSpettro on Friday, 21 February 2020 @ 13:04
    Ognuno ci vede quel che vuole. Cordaccia e joshua spannano, altri vedono solo un barlume di ragione nelle citazioni, io invece proporziono il componimento e l'accompagnamento insieme. Va detto che è diversa materia quel che cita di suo e non impegna come questa e qualsivoglia altra sua celeberrima composizione: inutile essere irrequieti come "M.5": da ablablabla occorre affinare il palato. Assaporare e cercar di entrare nella psiche contorta del blaterone è d'obbligo. Si parla d'amore dicono, disimpegnato...diciamo che si parla fondamentalmente di sesso in modo larvato. Nulla di male. L'è tutto quel che move per l'universo. E poi c'è molta derisione del maschio. Le donne non proveranno offesa. E son sicuro di vederci giusto. Premetto, la mia astinenza non dura più di due giorni. Sesso dunque, a più riprese, ovviamente con polisemia e stropazzando qualche parola. Al "Il crociato sta cedendo per lo sfarzo" mi vedo l'autore (egli bada a non metterci un io, ma nel proseguo cede con un "pensavo") in un'enorme e difficile prova virile, non per disfunzione erettile, ma per spinte pelviche inefficaci, ed in affanno per dolori congiunti. "Incarna l'amo fatti male" sembra esclamare alla partner insoddisfatta per poi illuminarsi in modo deluciDante "Ma è solo quando scompare che finalmente appare" aggiungerei -la soddisfazione -. E sempre ombrato di pensieri, al caro poeta amatore in procinto di una terribile défaillance pensa a La Banana incerottata al muro di Maurizio Cattelan (Comedian). Che pure io debba appenderla al muro (al chiodo) sarà il suo pensiero? E chiodo scaccia chiodo ecco apparire il crocifisso. Ma chi me la fatto fare, ma per dinci, solo per aver abbassato una lampo nella notte. Stella, oramai chiederò il permesso agli spannatori di entrar nella cricca. La bellezza del poetare del blaterunnn ablablabla stà proprio nel veder qualsiasi cosa che si vuole. (Ma che cxxzo ci ha visto joshua?)

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2020 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.