club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Tuesday, 10 December 2019 @ 14:31 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2683/1)
Racconti (1023/0)
Saggi (17/0)

Eventi  
Eventi nel sito

Friday 18-Jan -
Monday 30-Dec
  • Premio Il Club degli autori 2019-2020 Trofeo Umberto Montefameglio

  • Sunday 20-Jan -
    Monday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2020

  • Friday 01-Nov -
    Friday 31-Jan
  • Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2020

  • Saturday 02-Nov -
    Monday 30-Mar
  • XXVII Giro d'Italia delle Poesie in cornice 2020

  • Sunday 03-Nov -
    Thursday 30-Apr
  • Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2020

  • Tuesday 05-Nov -
    Friday 15-May
  • Premio Letterario Nazionale Poesia a Chiaromonte 2020

  • Wednesday 06-Nov -
    Sunday 31-May
  • Premio Ebook in…versi 2020

  • Friday 08-Nov -
    Tuesday 30-Jun
  • XXV Edizione Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2020
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    2 Contributi nelle ultime 24 ore

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Alzheimer testimo...
  • L'amica mia [+3]
  • La Giustizia del ... [+4]
  • -
  • Arkansas
  • Sfide [+5]
  • Silver
  • Katia
  • Mamma Africa [+3]
  • Pulviscolo
  • Ipoteca sulla fel...
  • Ti racconto, Luna
  • realtà di Stati u... [+2]
  • Il teatrino

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     A mia madre   
     Monday, 07 October 2019 @ 16:00
     Leggi il profilo di: Riflessi
     Visualizzazioni: 236

    Poesie

    Ancora manchi, certo.
    Nella spirale del ricordo
    c'è il momento di un saluto,
    la tua veste bianca, il tuo respiro,
    una goccia di rosso sul lenzuolo.
    "Dai... ti prego, rimani. Aspetta. Aspetta..."
    Il mio mare di speranza
    asciugato da un sussulto,
    da una lancetta volta
    al suo minuto più lento,
    poi a ritroso scatto immobile
    in automatici sensi di colpa:
    saresti qui se solo avessi saputo
    annientare il passato
    con un immenso grido,
    con un unico fendente di rabbia
    far cadere in ginocchio
    l'avanzare inesorabile,
    sollevare le braccia fino al cielo,
    chiudere le porte al paradiso,
    far tremare la terra e l'inferno
    col calore di una mia sola lacrima.
    Si, saresti qui.
    Vicino.

     



    A mia madre | 11 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    A mia madre
    Contributo di: Carmen on Monday, 07 October 2019 @ 16:56
    Brutta poesia per varie ragioni.
    Inizia con un rapido indugio sui soliti
    steretipi della madre angelicata per poi
    tramutarla quasi in un angelo satanico
    dai versi

    "con un immenso grido" fino alla fine.

    Noto infatti un crescendo di rabbia che il
    figlio prova sostituendosi alla madre
    scomparsa:

    "con un unico fendente di rabbia
    far cadere in ginocchio
    l'avanzare inesorabile,
    sollevare le braccia fino al cielo,
    chiudere le porte al paradiso,
    far tremare la terra e l'inferno"...

    La madre diventa matrigna vendicativa,
    inca..atissima, e mi pare che ne abbia ben
    donde, almeno nel desiderio filiale.
    Insomma,una madre molto ambivalente, e il
    figlio tale la sente, e direi che questo
    la connota di autenticità, a differenza
    dell'essere diafano dell'incipit.


    ---
    Non c'è amore del vivere senza disperazione del vivere. Albert Camus

    [ ]

    A mia madre
    Contributo di: zio-silen on Monday, 07 October 2019 @ 20:55
    Grande rispetto per il sentimenti filiali.
    Qualche perplessità nasce in postazione mediana
    con quei "sensi di colpa" che mal si attagliano
    ai versi successivi - dal tono poetico alto -
    i quali (in antifrasi) esprimono impotenza
    e fatalità.

    Stelle e un saluto

    ---
    zio-silen

    [ ]

    A mia madre
    Contributo di: natacarla on Monday, 07 October 2019 @ 23:25
    Nel rispetto del contenuto della tua poesia - e non sai
    quanto mi sia caro - devo però dirti un pio di cose.
    Buonissimo l'incipit, moderno e sereno. Gli fai seguire
    quel "Nella spirale del ricordo" con cui fa a botte.
    Appesantisce la poesia come un sacco di sassi legati al
    collo. Magari un "tra i tanti ricordi" (è solo un
    esempio. Tu ne troveresti altri molto più validi, appena
    riesci a respirare in mezzo a quel dolore).
    Anche "poi a ritroso scatto immobile" è un verso poco
    felice: inciampa su se stesso, intacca il fluire della
    poesia. Toglierei anche "automatici" (io, per me, avrei
    detto immancabili). Impeccabile la chiusa, all'altezza
    dell'incipit.

    Fuori dal contesto poesia, so quanto è difficile. Per
    quanto si è fatto, sembra che avremmo potuto comunque
    fare di più. Magari solo pregare. Non credo funzioni
    così, ma è l'unica cosa a cui io non pensai.
    Ti abbraccio, se posso.


    ---
    La poesia ha una struttura inamovibile, costruita in modo che nessun elemento possa essere spostato o modificato senza rischiare di alterare il messaggio.

    [ ]

    A mia madre
    Contributo di: Titta on Tuesday, 08 October 2019 @ 12:21
    Una lirica a mio avviso molto
    bella colma di quelle
    contraddizioni che spesso
    accompagnano quei momenti cosi'
    dolorosi. Non mi sento proprio
    di fare mie quelle parole
    cosi'intime, mi basta il
    ricordo di quelle che ho
    sussurato, gridato, trattenuto
    accanto al letto di mio padre.
    Ogni passaggio riflette in un
    istante un legame che ha dovuto
    fare i conti con la vita. La
    comprensione latita qui e mi
    spiace. : BELLA:

    ---
    Titta

    [ ]

    A mia madre
    Contributo di: vincenzocusimano on Tuesday, 08 October 2019 @ 16:30
    Rischio immenso scrivere della Mamma e ancor di più in poesia. Credo che qui, Riflessi, tu abbia scommesso e vinto. Poesia impeccabile per contenuto e forma. Solo, io avrei cominciato col secondo verso ed evitato il punto alla fine dopo “saresti qui”: sarebbe bastato lo stacco. D’accordo con Carla per la parola “automatici”, ma non per il resto e neanche ci vedo, come Carmen, una metamorfosi da da angelo a demone. A presto. --- Vincenzo Cusimano ---- «Hai la debolezza di voler stupire. Cerchi versi splendidi per cose lontane; dovresti trovarli per cose che ti sono vicine» (Basho)

    [ ]

    A mia madre
    Contributo di: Lorens on Tuesday, 08 October 2019 @ 19:35
    ..."A mia madre"... una dedica che non si discute nel
    sentimento volto a ricordare "Lei" l'adorata mamma anche nel
    rimpianto gridato a squarciagola, laddove si annidano ancora
    di più dolore, rammarico e nostalgia d'amore perduto.

    Bene così, un grido poetico paragonabile all'Urlo di Munch in
    versi.

    ciao
    Lorens

    ---
    Lorens

    [ ]

    A mia madre
    Contributo di: frame on Wednesday, 09 October 2019 @ 01:22
    --- Frame

    [ ]

    A mia madre
    Contributo di: Empatia on Thursday, 10 October 2019 @ 16:33
    Come siamo brave a prenderci colpe che non abbiamo
    o meglio come è bravo il dolore a farci credere che
    avremmo potuto/ dovuto fare qualcosa anche se siamo
    coscienti dell'ineluttabilità di certi eventi. Mi
    piace tutta. Nella prima parte il tuo sentimento è
    molto dolce quasi idealizzato, poi ti senti
    sopraffatta dai sensi di colpa per non essere stata in
    grado di fermare il tempo. Perciò usi termini come
    lancetta, minuto, scatto, automatici? Sento la rabbia
    che ti preme perché non ti rimane altro che piangere.
    È una poesia piena. Di immagini, di sentimento.

    Brava
    Un saluto, Empatia

    [ ]

    A mia madre
    Contributo di: nino vicidomini on Saturday, 12 October 2019 @ 13:26


    Fermarel'avanzare inesorabile non è da tutti, non ce l'avresti fatto di sicuro...

    Ciao_____________nivi

    ---
    nino vicidomini

    [ ]

    A mia madre
    Contributo di: indio on Wednesday, 16 October 2019 @ 13:37
    ...no oso dire nulla visto l'argomento molto intimo e delicato --- mitakuye oyasin indio

    [ ]

    A mia madre
    Contributo di: federicosecondo on Friday, 18 October 2019 @ 11:58
    Nella spirale del ricordo. --- Niente è più facile dello scrivere difficile - KARL POPPER - federicosecondo

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2019 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.