DIS-guido

Wednesday, 31 July 2019 @ 10:15

Leggi il profilo di: gricio

DIS-Guido

Striscio e rammendo buche
livore antico
scompare nel flusso veloce
nebbia trafitta da
mano maldestra al volante
altri fanali
s'incrociano, parlano
si fuggono di spalle

Da cosa
da dove
perchè
scappare mi chiedevo
non c'è più scampo
rispose il cameriere affranto
Io assentii,
in effetti non c'ero più già da un po'
tolsi la mano dalla sedia
accanto
e il bel cu.o della bionda
finalmente respirò.
Mi porti un aperol
Apperò -disse lui guardando il cu.o
semovente farsi fianchi ampi poi
stringersi in capelli
allo schienale.
Al conto tornò serio
il cameriere
con la mano rossa
dov'era stato un altro cu.o
forse
o il mio brodino
chissà.
Ma si
si, si, ora riparto
ora monto -magari- in macchina
-magari- come una volta a vent'anni
o forse erano sedici
no saranno stati
venti secchi
sabbia dal deserto
e ora basta autostrada
basta neve
senza catene, nessun legame
nemmeno con l'asfalto
Torno a casa e mi metto
nudo a letto
poi spengo la luce col pensiero
e con la mano sghemba
sotto al lenzuolo
ti scopo a sangue finche...
..Ca..o suoni pirla,
sei giù di mano non lo vedi...?
ci fosse quella bionda capirei
ma sul vicolo in campagna
...azz...
che triste il fosso visto da qui.


7 Commenti



http://vetrina.clubpoeti.it/article.php?story=20190730150545900