‘A solita ‘miricanata

Monday, 27 May 2019 @ 13:00

Leggi il profilo di: A.Sal.One

‘A SOLITA ‘MIRICANATA.

(ovverosia: non si capisce che e` un Western?)

Lo sparo parti` come uno sputo. Silenzioso e attutito, dal modello Q-LOTSPE68 della Jager & Sund: ogni bossolo a stampo con rinQLO sincronizzato.
Il proiettile, del tutto insensibile, lo colpì di striscio e lo cicatrizzo` all’altezza dell’esculapio sinistro, andandosi a conficcare nella marmellata di fronte.

La tromba d’Eustachio rintrono` dal dolore, trasmettendo un leggero brivido di piacere su tutta la pelle del cavallo vicino.
Era stato tutto un susseguirsi di eventi pubblici, mentre El Zefiro fischiettava da lontano in Si-Bemolle Minore la quinta strofa della terza “arrabbiata”
di Cavallo d’un pezzo e Toro seduto un po’ più in la`.

L’atmosfera si era fatta rarefatta tutta d’una tratta. Come per dire che qui a momenti cascano pianoforti, armoniche a bocca e dentiere fasulle.
I protagonisti si guardarono biechi dietro le capocce sode e preferirono con voce bassa e altisonante: “un uovo sodo! Un uovo sodo!”

Non c'è che dire; in quella stanza aleatoria il fumo delle lunghe pipe rilassanti si era diradato di quel tanto che basta a fare sentire una mosca,
la fatidica mosca. Poi cominciò il macello: chi dava a destra e chi dava a sinistra (in verità c’era pure chi prendeva). Nella foga pochi riuscirono a
scansare quella che fu la vera tragedia di tutta la serata: una battuta poco riuscita di un noto cabarettista di periferia, dal nome ambiguo,
un chicchessia… Pinco Pallino.

Calò il sipario su metà della scena, no anzi, mezzo sipario su tutta la scena. Aspetta, aspetta! Com’era quella del mezzo bicchiere vuoto con tutta
l’acqua dentro o forse era solo mezza birra? Su certi tipi di indecisioni sembra non ci siano appigli, nemmeno in racconti di questo genere.
Come non ti piace "lo" genere? E che vuol dire? Se leggi commenta, no? E che vuol dire (di nuovo)? Te ne esci così, senza dire niente?
Non e` il tuo genere? Allora: alla prossima!

Vallo a dire a Cavallo d’un pezzo. Quello e` li` con tutti i suoi Ceiennes, Siucks e i Cugini di montagna a farsi una partita a briscola, pronto a saltarti
addosso e farti un Q al quadrato con elevazione posteriore ambidestra e impalcatura ellissoidale e tu ti astieni dal commentare solo perché sei
"politically correct"?

Ma che vordì? Di questi tempi se ne inventano di tutti gli odori. C'è U-tub dove puoi dire e fare quello che vuoi, se ti pare, ma fino a un certo punto
cioè da un punto A a un punto B, meno la circonferenza cercando di centrare l’ Iperbolica di Monza.

Tu però sei grammatically correct e vorresti correggermi col dire che a Monza si dice Parabolica e che il nuvoloso e` riapparso per caso sul track,
ma era travestito da dittongo e che magari questo e` un altro discorso e non c’entra con la ruota di scorta di tuo cognato.

Ora, non mi si fraintenda, qui sempre di un Western si tratta e pertanto l’orologio scocca alla mezz’ora, le piste si fanno calde e si mangiano fagioli
con la cotica del nonno il quale aveva un Winchester ‘73 senza calibro ne` smagliature e col quale fece fuori l’ultimo degli Accalappiacani.

E poi la storia dovette finire così a causa di mancanza di attori, atti all’atto I, scena I di questa portentosa commedia di Euripide Scamorza, leggendario
eroe del West che fu assoldato per un dollaro in meno e non riuscì nemmeno a farsi il bucato nella gavetta del sergente di lato.

Più Western di così ? E questa e` solo la prima puntata, anzi il primo puntato che, non solo rima con lato, ma fa più Western della Colt e del Winchester.

12 Commenti



http://vetrina.clubpoeti.it/article.php?story=20190527072743878