club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Saturday, 23 February 2019 @ 10:24 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2677/1)
Racconti (1021/0)
Saggi (14/0)

Eventi  
Eventi nel sito

Wednesday 02-Jan -
Saturday 30-Mar
  • XXVI Giro d'Italia delle Poesie in cornice 2019

  • Thursday 03-Jan -
    Tuesday 30-Apr
  • Premio Letterario Marguerite Yourcenar 2018

  • Saturday 05-Jan -
    Friday 10-May
  • Concorso Internazionale di poesia Città di Montegrotto Terme 2019

  • Sunday 06-Jan -
    Thursday 30-May
  • Premio Ebook in…versi 2019

  • Monday 07-Jan -
    Sunday 30-Jun
  • XXIII Edizione Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2018

  • Thursday 10-Jan -
    Monday 30-Sep
  • Premio Letterario Città di Melegnano 2018
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    1 Contributo nelle ultime 24 ore

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Pur ferma germoglio
  • barbecue e ritorno [+2]
  •                 G... [+10]
  • La risposta. [+12]
  • carezze [+3]
  • Borderline
  • Stalker
  • Io e la patente
  • Una storia come t...
  • Il mio primo baci...
  • Assenze
  • Tu sei il ferro e...
  • Finalmente

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     I racconti dalla fine del mondo   
     Tuesday, 05 February 2019 @ 16:45
     Leggi il profilo di: gricio
     Visualizzazioni: 252

    Racconti

    Mi chiamo Alejandro Peralta.

    Gestisco la “Taberna del Marinero”, un vecchio locale senza pretese dalle pareti un po' scrostate che si trova lungo la strada che dal porto conduce al faro di San Juan de Salvamento.

    La leggenda dice che ho trascorso la mia vita navigando oceani. Tutto sommato può essere considerato anche un bel modo di vivere, in realtà ho sempre vissuto qui in attesa di un'occasione che non è mai arrivata. E ora, vecchio e sgangherato, aspetto che insieme ai radi avventori del luogo, ogni tanto arrivino loro.

    Li riconosco da come aprono in modo deciso la porta della taverna. Spesso hanno uno zaino in spalla portato con noncuranza. I capelli sono arruffati dal vento e dalle barbe incolte spuntano gote rosse per il gran freddo. Entrano e con uno sguardo di sfida perlustrano avidi il locale, si soffermano sulle reti attorcigliate e appese o sulle antiche foto di memorabili battute di pesca e individuano subito la posizione migliore, il tavolo più vicino alla piccola stufa accesa al centro della stanza.

    Da dietro il banco io li vedo, riflessi nello specchio, togliersi lo zaino e sistemare il giaccone nell'attaccapanni presso la porta del bagno. Poi, tornando a sedersi, osservare con curiosità le vecchie carte nautiche ormai sbiadite dagli anni che tengo appese alle pareti. Sono mappe di queste acque, ma per la loro fantasia sono come miele per le mosche; li osservo seguire con la mano la rotta intorno a Capo Horn, indugiando su qualche ignoto segno di matita o su di un foro del compasso. Poi la rotta riprende e giungono infine a puntare il dito qui, a Ushuaia, tralasciando il polo Sud, quasi fosse quella una mèta impossibile anche solo a pensare.

    Li osservo tornare soddisfatti al tavolo e a un loro cenno rispondo:

    - Prego Senor, cosa le posso portare ?

    - Qualcosa di caldo, magari un caffè

    - Bueno

    - ...e poi le vorrei rubare un poco del suo tempo, lei è Don Juan, vero...?

    - In realtà mi chiamo Alejandro, ma tutti mi conoscono come Don Juan. Fu un capitano inglese che tanti anni fa mi volle soprannominare così, a ricordo di uno sciamano che aveva conosciuto in Messico e che lui diceva mi somigliasse molto.. Io ero molto giovane e non mi opposi, così......ma ora le preparo il caffè e arrivo.

    Mi trascino lentamente verso la macchina del caffè e penso che anche oggi avrò da raccontare le solite vecchie storie. Mi aggiusto il pesante maglione da marinaio che uso come una divisa mentre preparo la tazza con lo zucchero e intanto lancio uno sguardo fuori dalla finestra.

    Il grigio è quello di sempre, forse ancora più sbiadito dall'autunno che avanza inesorabile. In questo posto in fondo al mondo non c'è colore sufficiente a sentirsi un poco più vivi, e nemmeno uno che ci colori le giornate come vorremmo. Il mare prosegue ininterrotto il suo viavai, a volte è piombo, a volte argento, qualche volta è solo acqua.

    Avvicinandomi al tavolo osservo il mio interlocutore. E' giovane, e come tanti altri prima di lui è arrivato in questo posto credendo di trovare risposte. Povero illuso. Non basteranno le sue domande, nemmeno dovesse durare questo chiedere muto sino alla fine dei tempi. Che il termine delle cose su questa immensa palla d'acqua e catrame non è qui dove finisce la terra, a Ushuaia, ma ben più in là. Si trova in un posto che nessuno, nemmeno io che vivo qui da sempre, può davvero dire di aver mai conosciuto.

    Tuttavia lui, come gli altri prima, vuole risposte. Sono poeti che arrivano qui coi taccuini già colmi di scarabocchi, e cantautori maledetti con lo sguardo sognante, o scrittori in crisi d'ispirazione. Hanno attraversato la Patagonia intera con le loro biciclette colme di stracci o su auto sgangherate per la tanta ghiaia masticata. I più fortunati sono scesi riposati dagli aerei o dai bus che arrivano e poco dopo ripartono, poco bagaglio e tanta curiosità dietro quegli occhiali da sole. E tutti loro sono convinti che in questo luogo estremo ci sia davvero un perchè ai loro dubbi. Cosa diavolo cercano qui che non possano trovare già dentro di loro ? Chissà.

    Così si beano ad ascoltarmi raccontare di antiche storie di baleniere e marinai audaci con fiocine e forconi; io li accontento evocando improbabili Achab di tempi andati e tralasciando le più solide verità. Come quella di Pepe Monzon, ferito al ventre dal gancio d'una gru e che sul molo correva tenendosi le viscere, perdendo per strada pezzi della sua stessa mer.da per poi cadere terrorizzato a terra, e lì morire ad occhi aperti dopo una breve agonia.

    Si freddano i caffè nelle tazze mentre narro di caccia ai condor, lassù nei ghiacci lontani tra le Ande. E accendendomi la pipa ammicco, mentre il mio ricordo corre a Juanita, data in sposa bambina dai suoi genitori per un maiale e un sacco di farina. Rammento ancora il villaggio, ed il suo sguardo che sarebbe diventato di donna spegnersi su di me ragazzo mentre il suo nuovo padrone la caricava sul carro che l'avrebbe portata lontano, a nord.

    Furiosamente scribacchiano appunti confusi nel sentirmi raccontare la violenza del vento che capovolse navi ed equipaggi, del freddo che morse le loro anime sino a vederne il sangue gelare a lato delle orecchie. Io parlo e parlo ancora, ma taccio loro della mia vita così usuale, delle mie mani da muratore col bianco onesto di calce e sabbia a far domenica da messa e al lunedì da pane quotidiano.

    Io racconto solo storie, lo faccio per loro. Sono sempre le stesse, che mascherate da verità confusa faranno parte di canzoni, o di pagine stampate di chissà quale altra fantasia. Ma a loro bastano e avanzano questi scampoli di vita, in un continente soggetto a regole come ogni altrove, ma che narrato dalla mia voce roca prende profumi d'avventura come fosse un altro mondo.

    La sua tazza adesso è vuota, fuori i lampioni bianchi agitati dal vento tremolano insicuri sulla strada deserta, mentre nel porto in lontananza brillano le luci da cattedrale di una grande nave da crociera che si presenta a sirene spiegate. Quel suono nella notte che sta scendendo è come il segnale che non è più tempo d'invenzioni, ed è' come un richiamo ineludibile anche per lui che con gesto plateale richiude il taccuino, si alza e si riveste. E mentre mi guarda con rispetto riporre la pipa nella sacca la sua voce soddisfatta mi comanda:

    - Alejandro, la cuenta por favor.

    Dentro di me sorrido, anche per oggi la recita è andata a buon fine.

     



    I racconti dalla fine del mondo | 11 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    I racconti dalla fine del mondo
    Contributo di: Armida Bottini on Tuesday, 05 February 2019 @ 18:06
    Sei davvero la fine del mondo, Gricio, anche se hai detto una sola unica grande verità Bisogna guardare dentro sè stessi,sempre. Solo lì si trova la verità, ed è quello che anch'io cerco di fare, ma poi, come il tuo "don", chiacchiero, chiacchiero, senza rivelare nulla. Con buona pace di Carmen ti mando Ciao. --- Midri

    [ ]

    I racconti dalla fine del mondo
    Contributo di: percefal on Tuesday, 05 February 2019 @ 18:52
    Migliore il mondo continui e i racconti si facciano più pressanti. Questo un buon oste deve fare! Espresso nei tempi opportuni. Un bel racconto. --- «La figura del mio caos ha dimensione alcuna, punto.».

    [ ]

    I racconti dalla fine del mondo
    Contributo di: A.Sal.One on Wednesday, 06 February 2019 @ 00:50

    Molto belli

    I racconti dalla fine del mondo

    di Don Juan.

    ---
    In poesia non si esagera.

    [ ]

    I racconti dalla fine del mondo
    Contributo di: zio-silen on Wednesday, 06 February 2019 @ 08:40
    Da discepolo dell'Ideatore della Battuta Esegetica (nonchè Precursore dell'Oh! e Fautore del Sincretismo Poetico)
    quale sono e fui, mi esercito qui di seguito:

    Il racconto de"I racconti dalla fine del mondo" è la fine del mondo!


    Stelle e un saluto

    ---
    zio-silen

    [ ]

    I racconti dalla fine del mondo
    Contributo di: Riflessi on Wednesday, 06 February 2019 @ 10:01
    Davvero bello questo racconto, mi sono immaginato di essere lì ad assistere alla conversazione tra "Don Juan" e l'avventore. È davvero bravo a trasmettere immagini e riflessioni, dovrebbe fare lo scrittore non il barista :) complimenti

    [ ]

    I racconti dalla fine del mondo
    Contributo di: vincent on Wednesday, 06 February 2019 @ 13:19
    Bello. E beffardo.
    E, nonostante la frequente subordinazione
    di terzo grado, il racconto fluisce veloce
    e ti porta subito alla conclusione.

    ---
    "Visto da vicino nessuno è normale"

    [ ]

    I racconti dalla fine del mondo
    Contributo di: Empatia on Monday, 11 February 2019 @ 12:30
    Wow, che bello! Ti fa proprio venir voglia di conoscerlo questo Alejandro. Vendere sogni deve essere il mestiere più bello che esista anche quando non te ne rendi conto. La fine del mondo intesa come il posto più remoto della terra l'ho trovato molto poetico. Piaciuto tutto anche le illustrazioni. Empatia

    [ ]

    I racconti dalla fine del mondo
    Contributo di: frame on Monday, 11 February 2019 @ 14:47
    Se la memoria non mi inganna, questo bel racconto credo d'averlo trovato sul tuo blog un po' di tempo fa e mi domandavo quando ti saresti deciso a condividerlo con gli amici del club. Hai fatto bene a postarlo perché merita un applauso. Bravo. --- Frame

    [ ]

    I racconti dalla fine del mondo
    Contributo di: Pale shelter on Monday, 11 February 2019 @ 22:35
    Bella scrittura, bella lettura. Come sempre, bravo.

    Un saluto.

    Franco

    [ ]

    I racconti dalla fine del mondo
    Contributo di: tendre on Saturday, 16 February 2019 @ 15:39
    Questo è il passo che mi piace di piu:

    Il grigio è quello di sempre, forse ancora
    più sbiadito dall'autunno che avanza
    inesorabile. In questo posto in fondo al
    mondo non c'è colore sufficiente a
    sentirsi un poco più vivi, e nemmeno uno
    che ci colori le giornate come vorremmo.
    Il mare prosegue ininterrotto il suo
    viavai, a volte è piombo, a volte argento,
    qualche volta è solo acqua.

    Bravo

    ---
    tendre

    [ ]

    I racconti dalla fine del mondo
    Contributo di: frank69 on Sunday, 17 February 2019 @ 16:31


    Non sembra che Ushuaia sia proprio la fine del mondo se si eccettuano le montagne
    che si possono ammirare ricoperte di neve e il cielo plumbeo, anche d’estate.
    Ma pare verosimile che tu sia un vecchio lupo di mare dalla sapiente descrizione
    in prima persona dei dettagli in quella calma taberna
    dove si sente solo la tua voce raccontare storie…
    Sembra tutto vero, e forse lo è. Bravo.


    (anche a me pare d’aver già letto il tuo racconto …)

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2019 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.