club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Wednesday, 27 March 2019 @ 01:44 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2677/2)
Racconti (1021/0)
Saggi (15/0)

Eventi  
Eventi nel sito

Wednesday 02-Jan -
Saturday 30-Mar
  • XXVI Giro d'Italia delle Poesie in cornice 2019

  • Thursday 03-Jan -
    Tuesday 30-Apr
  • Premio Letterario Marguerite Yourcenar 2018

  • Saturday 05-Jan -
    Friday 10-May
  • Concorso Internazionale di poesia Città di Montegrotto Terme 2019

  • Sunday 06-Jan -
    Thursday 30-May
  • Premio Ebook in…versi 2019

  • Monday 07-Jan -
    Sunday 30-Jun
  • XXIII Edizione Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2018

  • Thursday 10-Jan -
    Monday 30-Sep
  • Premio Letterario Città di Melegnano 2018
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    Nessun nuovo contributo

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Familiari della T... [+5]
  • Il mio spirito la... [+6]
  • Talvolta la montagna [+3]
  • Soluzioni alterna... [+2]
  • Trompe l'oeil [+2]
  • Scegli il cielo [+2]
  • Pharmakon [+2]
  • Podalico
  • Succede di maggio - 
  • Oro nero
  • ciliegia blu 2
  • Non farmi più cad...
  • La sposa

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     l'anima in bocca   
     Thursday, 03 January 2019 @ 16:00
     Leggi il profilo di: sghemba
     Visualizzazioni: 657

    Poesie


    ... e tre e due e uno
    l'ora di zero
    è l’attimo che sballa i polsi nel frastuono
    per sfatare l’inganno
    propinato dal tempo che trasborda

    il botto ha la sua arte nel frattempo
    se preceduto dal lampo nelle crepe

    c’è bordello per strada
    e fino all’alba
    tira le briglie il cuore senza freno

    ha contorni spietati
    il senso della vita che non c’è
    priva di sogni

     



    l'anima in bocca | 20 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    l'anima in bocca
    Contributo di: Carmen on Thursday, 03 January 2019 @ 16:58
    Che strano,
    ma non è che questa tua doveva
    intitolarsi Capodanno e non la poesia
    di Titta?
    Mah...


    "ha contorni spietati
    il senso della vita che non c’è
    priva di sogni".

    Bella chiusa che racchiude tutto il
    non-senso di talune festività.
    Che vogliamo fare...anche questo non-
    senso è vita che passa.



    ---
    Non c'è amore del vivere senza disperazione del vivere. Albert Camus

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: Lorens on Thursday, 03 January 2019 @ 17:07
    ... mi sembrano dei pensieri che intonano festeggiamenti per
    l'anno che verrà tra tumulti e botti in strada con
    l'amarezza per un contorno che trasborda senza logica di
    vita, il cui senso umano si smarrisce nel convulso battito
    del cuore con l'anima che sale in bocca sbigottita dal "no
    sense" generale in caos non onirico ...

    L'ho interpretata così questa tua breve lirica dallo sfondo
    in sconnessa umanità di facciata.

    Apprezzata l'idea e l'apparato scenico risultante.

    Auguri ...
    ciao Lorens

    ---
    Lorens

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: cordaccia on Thursday, 03 January 2019 @ 22:15
    classica poesiola da concorso,con silenzi
    assordanti et similia.Un nastrino di
    malinconia e il pacchetto è pronto.
    Gemella a quella sotto.
    ciao :)

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: epitteto on Friday, 04 January 2019 @ 10:22
    Quando l'ispirazione non c'è è meglio tacere.
    Trimalcione

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: Titta on Friday, 04 January 2019 @ 10:49
    L'ispirazione c'è eccome. L'amarezza indossa un vestito stretto, verrebbe voglia di gridare ma il fiato si fa corto.








    Ai saccenti che si aggirano ancora qui, voglio dire per l'ennesima volta che nessuno li obbliga a sostare presso quelle che loro definiscono poesiole.



    Buon anno.



    ---
    Titta

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: A.Sal.One on Friday, 04 January 2019 @ 11:50

    Vale piu` una poesiola con

    l'anima in bocca

    che mille parolone

    senz'anima.

    ---
    Io faccio poesia,
    la letteratura
    la lascio fare ai
    critici.

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: zio-silen on Friday, 04 January 2019 @ 13:55
    L'anima in bocca c'è, si sente... pur con qualche espressione un tantino fuori dai denti :-):
    "l'ora di zero" "c’è bordello per strada" "il senso della vita che non c’è/priva di sogni".

    Sghemba - son certo - mi permetterà un ritocchino sbieco... o bieco (stravolto), penseranno le vestali
    dell'intangibilità dei testi altrui:

    "... e tre e due e uno
    evviva!
    è l’attimo che sballa i polsi nel frastuono
    per sfatare l’inganno
    propinato dal tempo che trasborda

    il botto ha la sua arte nel frattempo
    se preceduto dal lampo nelle crepe

    baraonda nelle strade
    e fino all’alba
    tira le briglie il cuore senza freno

    ha contorni spietati
    il sole nuovo".

    Un saluto

    ---
    zio-silen

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: frame on Friday, 04 January 2019 @ 14:36
    Bella domanda Marzulliana: "Sono i sogni che danno un senso alla vita, oppure la vita senza sogni non ha senso? Un po' tutte e due le cose secondo me. In ogni caso questa tua coglie nel segno. --- Frame

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: ablablabla on Friday, 04 January 2019 @ 21:25


    Trasborda trasborda eccome!

    Bellissima poesia




    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: Anais on Saturday, 05 January 2019 @ 11:04
    Anche a me non dispiace.
    Ciao.

    L'anima in bocca: non evoca un po' come quando si dice:
    "vomitare anche l'anima"? espressione non piacevolissima, ma rende l'idea di un malessere, di uno star male di cui liberarsi.

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: guido ja on Saturday, 05 January 2019 @ 13:13
    Come ablablabla: è una bellissima poesia.

    ---
    Un uomo pieno di sé è sempre vuoto.
    C. Régismanset

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: joshua on Sunday, 06 January 2019 @ 02:13
    
    Molto fumus – neanche di buon tabacco - e
     zero sostanza stupefacente (l’attimo
     che sballa i polsi mi sembra una metafora
     insulsa, come anche l’inganno propinato
     dal tempo che trasborda, insulsaggine
     allungata dalla congiunzione relativa
     raddoppiata. Dico sempre che troppi CHE
     non fanno mai un vero brodo poetico,
     semmai brodaglia). Non conosco altresì
     l’arte del botto, ma credo di saper
     riconoscere il tonfo dell’artificio
     verboso (specie se preceduto dal lampo
     nelle crepe; lampo che, comunque, sta
     sempre bene un po’ ovunque, anche dove
     crepe non ci sono ed il manto stradale
     è stato risistemato). Neanche sentivo
     la mancanza del cuoricino d’ordinanza
     (qui a tirare le briglie anche della
     pazienza del lettore di fronte
     all’usura dell’immaginazione.
     Sì, chi dice CUORE
     in poesia sta proprio aggrappandosi
     agli specchietti retrovisori). Sul
     senso della vita poi, assentire che
     ha contorni spietati non credo faccia
     avanzare d’un passo l’incomprensione
     che ne resta comunque ai lettori, o
     almeno a questo lettore. Insomma
     componimento di grado zero (a partire
     dai puntini di capodanno su cui più
     che stare sospesa mi sembra che
     ruzzoli malamente indietro al 31
     Dicembre 1800 e giù di lì).
    
    
    j
    
    p.s.: l'anima in bocca più che un
     titolo mi sembra il nome di un chewing
     gum di pessima marca in offerta
     scontata alla fiera dei palloncini
     lavati a mano.
    

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: sghemba on Sunday, 06 January 2019 @ 17:17
    Ehi joshua.
    Quanta prosopopea nicolino, nickykelly, jelo o johsua (scegli tu).
    Possibile che, dall’alto o dal basso (credo da basso) della tua smisurata cultura, non riesci a sintetizzare un pensiero e fai sperpero di tanta energia neuronica,
    che potresti economizzare per chi sa quali imprevisti (non si sa mai) o evenienze di vita?
    Sarebbe bastato dire che ritieni questo testo una porcheria.
    Te la saresti cavata con poco e ti avrei detto grazie;
    e invece no!
    Cascate di cazzate (brodaglia, metafore insulse, manti stradali, specchietti retrovisori, chewing gum di pessima marca in offerta
    scontata alla fiera dei palloncini lavati a mano e –ciliegina ad inizio del tuo turpiloquio- neanche
    di buon tabacco - e zero sostanza stupefacente), dettate, appunto, da molto probabile alterazione psichica,
    causata non da fumi di buon tabacco ma certo d’altri fumi o miscugli stupefacenti.
    Dove credi di parare?
    Pensi veramente di infinocchiare la platea con queste tue erudizioni? (erudizioni, poi?).
    Dimmi. Mi vuoi genuflessa o prona? Scegli tu, ma sappi che io sono disobbediente assai e a volte anche rissosa.
    Sei riuscito a spazientirmi (è noto, vero, che la pazienza ha un limite?) sì, proprio così, mi hai fatto spazientire
    e per questo scendo al tuo basso rango per dirti dei tuoi zero: zero in intelligenza (che la cultura non sta all’intelligenza e viceversa.
    Si può essere otri pieni di vuotezza) e zero in umiltà.
    Sei un “tamarrrrrrrazzo,con sette erre che ti metto nella calza della befana perché te le possa coniugare a tuo sollazzo e piacimento.
    Ho apprezzato la schiettezza di cordaccia che ha parlato di poesiola (sta per porcheria, con riserva sul resto del tutto opinabile o quantomeno frutto di superficialità)
    e la durezza di epitteto (che fa epitteto? il mercatino ambulante delle ispirazioni, per caso?).
    il tuo turpiloquio, credimi, mia ha fatto cadere le braccia per terra (l’avrai sentito il tonfo, immagino).
    non scrivevi così un tempo?:

    “Nelle caverne abituali
    diversi o uguali
    siamo tutti buio.”

    e anche cosi?:

    non spiegherei mai una poesia, mia o di altri, a nessuno....per rispetto....perchè ritengo che chi legge sia sullo stesso piano di chi scrive.....chi stimo, su quel piano ci sta al cubo....cioè penso che ne capisca più di me.....se chi legge non capisce è colpa di chi scrive....o delle fonti, che possono non essere comunicanti o troppo distanti......fa parte dello snobismo dei poeti(leggilo sottolineato) pensare che le fonti siano comuni......o forse non è snobismo, ma umiltà....... e autentica......
    Poi c'è chi crede di essere il poeta a mille.....e chi crede di bere poesia nella poemillastreria(si dice?..o è troppo ircocervino?).....ma quella è tutta un'altra barzelletta......
    baciamo le mani (....mi fa un pò impressione dirlo....ma dirti perchè sarebbe una lunga storia....)
    Nicky e con stima

    Ebbenemi fermo qui. nessunrancorejoshua.
    Peccatocheil tuopost-modernoamenondispiaceaffatto.
    Epperò non ti darò mai la mia benedizione (finchè non cambi d’indole) toh!
    porca miseria!
    sghemba.

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: jane on Wednesday, 09 January 2019 @ 08:43
    Non sarà il capolavoro ma alcuni versi sono buoni. Joshua, sei er peggio! Ha ragione Shemba in toto. --- Jane

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: Viridis on Wednesday, 09 January 2019 @ 16:29

    Wooow! Il tuo autocommento supera
    di gran lunga l'esile afflato della tua poesia.
    Senza briglie il tuo cuore, meglio per me
    di quello frenato del tuo Capodanno.

    ---
    viridis

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: Elysa on Wednesday, 09 January 2019 @ 21:34
    L'anima in bocca è ciò che ti fa dire
    quello che pensi con dolore e rabbia ma
    con passione... bella, brava

    ---
    Elysa

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: LoSpettro on Thursday, 10 January 2019 @ 01:41
    Io abbatterei con una motosega, quella "di" al secondo verso - l'ora di zero - e quel "sballa" ai polsi; terrei volentieri quel "per sfatare l’inganno propinato dal tempo che trasborda" lasciando quel trasborda appeso ad un filo nello spazio, appunto, non allungandomi oltremisura sul dove t.: li', pericolante, sta da Dio. Poi lascerei volentieri anche il verso successivo: geniale, mica sghembo il quadrumviro botto/arte frattempo/lampo. Addosserei del plastico a "bordello": non se pò vede! Smeriglierei quel "tira le briglie il cuore senza freno", lucidandolo fin che i polsi si sballino per render un qualcosa di diverso e farei fuori con una Colt mimando il buon osannatissimo Clint Eastwood il "spietati" ai contorni. Un saluto. Non ti manca sicuramente nulla. Ma manca quel qualcosa a questa tua poesia. E ti porterei di persona una scatola di cioccolatini, per l'attacco a quel Joshua! Fenomenale, d'accordo con Viridis. Ma in fondo, ci vogliamo tutti bene. E non possiamo fare a meno nè dell'uno nè dell'altro.

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: federicosecondo on Thursday, 10 January 2019 @ 15:47
    Due piccoli ritocchi io li farei:
    - di;
    - nel frastuono.

    ... e tre e due e uno
    l'ora zero
    è l’attimo che sballa i polsi
    per sfatare l’inganno
    propinato dal tempo che trasborda

    il botto ha la sua arte nel frattempo
    se preceduto dal lampo nelle crepe

    c’è bordello per strada
    e fino all’alba
    tira le briglie il cuore senza freno

    ha contorni spietati
    il senso della vita che non c’è
    priva di sogni


    Che dici?
    Ciao alla prossima.

    ---
    Niente è più facile dello scrivere difficile - KARL POPPER -

    federicosecondo

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: Armida Bottini on Friday, 11 January 2019 @ 11:01
    Sto con Titta, ciao.

    ---
    Midri

    [ ]

    l'anima in bocca
    Contributo di: gianna.curto on Monday, 14 January 2019 @ 12:46
    A me è arrivato il significato . ---** --- Gianna

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2019 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.