club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Saturday, 17 November 2018 @ 22:04 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2672/1)
Racconti (1019/0)
Saggi (12/0)

Clubpoeti.it sostiene la coscienza degli animali  

Eventi  
Eventi nel sito

Wednesday 28-Mar -
Friday 30-Nov
  • Premio Il Club degli autori 2018-2019 Trofeo Umberto Montefameglio

  • Sunday 01-Apr -
    Sunday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2019

  • Wednesday 03-Oct -
    Wednesday 30-Jan
  • Premio Il Club dei Poeti 2019
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    Nessun nuovo contributo

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Intermittenze - O... [+5]
  • Speranza
  • Ottimismo  [+3]
  • Aperto
  • Non so
  • Senza titolo [+4]
  • Il Ventriloquo
  • La legge del pens...
  • Col grande falò d...
  • Tu sei
  • Sazi di cielo

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Nu   
     Wednesday, 07 November 2018 @ 10:30
     Leggi il profilo di: Kenji
     Visualizzazioni: 298

    Poesie

    NU


    Che Miriana fosse scema come la merda
    lo si sapeva dalla seconda risposta
    non congrua al discorso,
    e dalla terza rotazione degli occhi
    verso il cielo
    si capiva che su face aveva almeno
    100 like a posa
    come tutte le marilyn vip star da bar
    appetibilmente atte alla
    neo-riproduzione
    di storie su insta

    Per Marta invece ci son stato male un giorno e mezzo su 3
    e per lei
    mi sono fatto un bel bagno
    nella brodaglia notturna del Lido Venere
    e una camminata sotto
    il sole d'agosto
    e mi sono rovinato una sagra
    in cui ho sacrificato le mulignane 'mbuttunate
    per un bicchiere di vino aspro
    e ho speso 40 euro al Carrubo
    per un Giggi Dag invecchiato fuori forma
    e come tutte le stupende storie d'amore
    è finito tutto con un
    CIA'
    tipo un romantico sapido addio
    come a dire
    non c'è bisogno di attendere un mese per una lettera d'amore
    ai primi del '900
    se neanche per chat, in qualsiasi caz.o di momento
    sappiamo che dirci

    Ma Miri, dicevo
    mi ha invitato al bar dove lavora
    per la serata burlesque
    è stata gentile dalla seconda volta
    che mi poggiò una mano sulla spalla
    nel mentre del porgerci il conto
    mentre io dentro portavo il conto
    delle gocce traboccate
    dal vaso

    Il fattaccio è che Miria
    quando le scrivo alle 4:30 e mi risponde alle 6:30

    "lo avete fatto poi il burlesque?"
    mi risponde soltanto

    "nu"

    e io davvero non ho avuto più nulla da replicare
    mi ha zittito le dita e spento il display
    mentre lei se ne andava dalla sua brutta esperienza ad Agnone
    affanculo per le sue rotazioni
    per il sentiero tracciato dal make-up
    mentre la saluto sbuffando il sigaro in cielo
    dall'amaca del bar
    che ste stelle non le vuole più nessuno
    anche i geni come me
    hanno esaurito i desideri mai esauditi
    e le dico
    "non ci vedremo più"
    "aee ma dai"
    "mai più" penso in testa
    mentre un signor Rossi
    accanto a lei mi guarda circospetto
    aspettando che mantenga la promessa
    in testa

    non provo più un barlume
    di niente

     



    Nu | 9 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Nu
    Contributo di: indio on Thursday, 08 November 2018 @ 15:54
    l'incipit è notevole
    e la rimanente parte non è da meno...
    bravo

    è sempre un piacere leggerti.



    ---
    mitakuye oyasin

    indio

    [ ]

    Nu
    Contributo di: Lorens on Thursday, 08 November 2018 @ 16:13
    ... "Nu" Poesia? Prosa poetica di tendenza? Poesia
    prosastica postmoderna? No, di tutto ciò, semplicemente un
    testo corrispondente all'ultima parola della prima strofa
    del primo rigo della tua "Nu" ...

    ...“La Kenji Universal film international" è lieta di
    presentare:

    "Nu”

    Lingua originale = Kenjiota (antipoetico di tendenza)
    Paese di produzione = Italia
    Anno = 2018
    Durata = medio lunga (meno di una serata burlesque)
    Colore = marroncino chiaro (liquame imbarazzato)
    Audio = schiamazzo cianciante
    Rapporto = 2,35 : 1
    Genere = litania tendente affanculo
    Regia = Kenji
    Soggetto = chat da bar ("nu de' che?")
    Sceneggiatura = un'amaca al bar (?)
    Produttore = Kenji (Miriana e Marta pagano)
    Casa di produzione = La Kenji Universal film international
    Distribuzione (Italia)= nei locali coffee-shop (Nu LSD)
    Fotografia = impressive look (make up di tendenza Nu)
    Montaggio = schizoide concatenazione versi e scene a caso
    Musiche = Paranoid (Black Sabbath)
    Scenografia = allestimento demenziale (cast alienato)
    Costumi = adamitici in folk atipico e psicopatico uso

    Voti da (1 : 10)
    incipit = smarrito ad Agnone (?)
    musicalità = "Bella stronza" Marco Masini (8)
    fantasia = ridotta al lumicino (bancone da bar) (3)
    verso = libero da "imparamose a scrive" (3)
    contenuto = Nu (?)
    messaggio = Marta e Miriana al bar (e stìcaz.zi?) (2-)
    scrittura = merda e affanculo (?)
    narrativa = parolacce in corso dìopera (1+)
    emozionalità = non pervenuta
    interesse = personale chattarolo (3)

    Un imponente personaggio di spessore del teatro e dello
    schermo nonché uomo nobile e di grande spirito umoristico
    oltre che principe conosciuto con il nome di Antonio De
    Curtis e ancor più famoso con il nome d'arte "Totò", egli
    sicuramente avrebbe così esclamato:

    "Alla faccia del bicarbonato di sodio!?!
    Quisquilie, bazzecole, pinzillacchere, sciocchezzuole!
    Ma mi faccia il piacere!?!"

    ciao
    Lorens


    ---
    Lorens

    [ ]

    Nu
    Contributo di: Carmen on Thursday, 08 November 2018 @ 17:07
    Stavolta dopo aver letto, mi ha preso
    una grande nausea.
    Non mi va di tollerare il "Nu" che mi
    sa tanto di Nu-Nulla, questo gergo
    stolto che si vuole fare accettare ad
    ogni costo, questo "non dirsi nulla",
    martoriando le parole, spezzandole,
    facendone moncherini di una
    comunicazione superficiale e
    interrotta.
    Non mi piace questo putt.naio che
    stavolta viene fuori da una mente in
    disordine, annebbiata dal poco sonno e
    dall' alcool, ma ostentata come fosse
    il più fulgido esempio valoriale a cui
    si possa ambire: fine storia con
    quella, con quell' altra ecc...ecc...,
    senza costruire, senza costruirsi, ché
    in ogni tuo componimento pare si
    scenda sempre più in basso, stessi
    luoghi, stesse vicende ( tranne l'
    Ateneo di Salerno a cui qui manca ogni
    allusione, presumo perché ti sei
    laureato? Boh), stesso spleen, addii
    veloci senza dolore, come si sputa una
    cicca a lato del marciapiede,
    giovinezza mal vissuta che si illude
    di vivere a pieno ritmo e si
    addormenta stordita e infelice dopo
    aver atteso due ore una risposta vacua
    da una ragazza vacua :"Nu".



    ---
    Non c'è amore del vivere senza disperazione del vivere. Albert Camus

    [ ]

    Nu
    Contributo di: trimacassi on Friday, 09 November 2018 @ 08:36
    Un tipo di poesia così può anche piacere, ma a lungo andare
    stanca, se non c'è una qualche originalità nelle parole,
    nelle frasi, nelle trovate, che non siano il solito via vai
    di vita mediocre.
    Mio parere, un saluto

    ---
    trimacassi



    [ ]

    Nu
    Contributo di: federicosecondo on Friday, 09 November 2018 @ 08:57
    Come dice indio l'incipit con Miriana è veramente notevole,
    ma aggiungo che tutta la poesia è degna di nota,
    soprattutto quel senso di attualità che spiazza.
    Bella bella.

    Alla prossima





    ---
    Niente è più facile dello scrivere difficile - KARL POPPER -

    federicosecondo

    [ ]

    Nu
    Contributo di: Elysa on Friday, 09 November 2018 @ 12:21
    questa volta sono d'accordo con Carmen anche se con meno
    veemenza...non mi piace questo senso di nullità di
    sentimenti e di vita che di certo è attuale ma quanto è
    brutta! E siamo tutti d'accordo sul fatto che ognuno
    esprime se stesso e quello che sente...ma eri così bello da
    leggere in quella poesia di qualche tempo fa in cui
    proteggevi i sogni della tua ragazza quando lei era
    appoggiata alla tua spalla...eri tu vero? quindi...

    ---
    Elysa

    [ ]

    Nu
    Contributo di: LoSpettro on Sunday, 11 November 2018 @ 14:18
    Che dire? Credo che questo tuo esperimento non sia riuscito. Credo, non all'esperimento non riuscito ma al fatto sia un esperimento, intendiamoci. Altrimenti saresti un soggetto di una tale assurdità in un posto a cui non rimane nulla per lui. Non conosco le altre tue poesie e sinceramente questo 'fallimento' non mi comunica l'interesse di indagare, ma dai commenti appare chiaro (da quei commenti che si prefiggono di sviluppare e di sgrovigliare il cervelletto, preziosissimi come l'oro) la tua caduca prova. L'è brutta anche per me e dirò per tutti quanto siano caduche/brutte, tendenti a rimanere polvere e non humus da cui poi nuova vita germogliare, ogni poesia infagottita di parolacce, gerghi volgarotti, coatteria, etc. Per far figurare una poesia figlia del momento in cui viviamo, di usi e costumi attuali ci vuole ben altro. Il "miscelarsi" nei medesimi concetti che si vuol comunicare porta a quel che si scrive a sminuirsi, annullarsi completamente (che involontariamente son arrivato ad una chiave di lettura?). Non c'è nessun arte, nessuna padronanza, né ricercatezza della parola. Rimane una imbecillità che aleggia per tutto il componimento. La gravità è che, l'imbecillità, pur traspirata dal testo, se ne andrà a fatica. Come un marchio a fuoco che un imbecille decide di farsi in fronte per un distinguo di genere.

    [ ]

    Nu
    Contributo di: Seeker on Tuesday, 13 November 2018 @ 00:14
    Kenji ha sempre dato la testimonianza di un carattere ben
    delineato che si rapporta ed affronta l'esistenza con ciò
    che lui è. Ci vuole fegato. Non c'é elaborazione o
    metabolizzazione, è l'onda che si frange sullo scoglio.
    Poco importa ora per lui la distinzione fra prosa e poesia;
    la priorità è un'altra, e cioé dare spazio a questa voce
    autorevole troppo intensa per essere ignorata o filtrata
    attraverso altri processi linguistici-sintattici. Per
    questo ci sarà tempo a venire.
    E sempre, in ogni suo scritto, questa voce arriva forte e
    chiara.
    Per cui non chiediamo a Kenji di essere qualcun altro,
    perché tanto, e non a torto, ci manderà aff...lo.
    bye

    [ ]

    Nu
    Contributo di: Anais on Tuesday, 13 November 2018 @ 22:06
    non so, i giovani sono " anche" questo: linguaggio, modi, stili ....partire con
    certi giudizi catastrofici mi sembra eccessivo.
    Piu che altro è che mi aspetterei qlc di diverso da kenji, adesso, il tempo è
    passato, pur essendo anche in parte d'accordo con Seeker
    Ciao

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2018 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.