club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Tuesday, 13 November 2018 @ 18:41 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2672/1)
Racconti (1019/0)
Saggi (12/0)

Clubpoeti.it sostiene la coscienza degli animali  

Eventi  
Eventi nel sito

Wednesday 28-Mar -
Friday 30-Nov
  • Premio Il Club degli autori 2018-2019 Trofeo Umberto Montefameglio

  • Sunday 01-Apr -
    Sunday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2019

  • Wednesday 03-Oct -
    Wednesday 30-Jan
  • Premio Il Club dei Poeti 2019
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    2 Contributi nelle ultime 24 ore

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Sazi di cielo [+7]
  • Non so [+3]
  • Aperto
  • Il Ventriloquo
  • Nu
  • Poetessa [+3]
  • Metamorfosi
  •            Destin...
  • Speranza [+2]
  • Bon Appétit.

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Insieme   
     Thursday, 13 September 2018 @ 17:30
     Leggi il profilo di: m.a.n.
     Visualizzazioni: 258

    Poesie

    Camminavamo insieme
    lungo una strada polverosa
    che non portava da nessuna parte
    e si chiudeva, poco lontano, come un riccio
    i cui aculei rabbiosi già ferivano la mia pelle.

    Lei aveva cinquantacinque anni
    ed un dolore più grande dell’orizzonte
    che dopo tante lotte l’aveva piegata
    anche se sentivo che pur nella sua fatica di vivere
    conservava un amore puro che mi spezzava il cuore.

    Mi sono voltato per guardarla
    e il tempo si è rallentato, si è quasi fermato.
    Il suo viso era fermo, sciupato, sincero.
    Se noi due vagabondi avessimo pianto
    tutte le lacrime che premevano dentro
    il deserto che ci circondava sarebbe diventato
    un campo infinito di fiori.

    L’ho presa per mano
    non ci siamo mai detti addio.

     



    Insieme | 8 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Insieme
    Contributo di: Lorens on Thursday, 13 September 2018 @ 20:21
    ... semplicemente: bella con la "B" maiuscola ...

    Uno scenario d'amore e sofferenza descritto con intima
    emotività dal cuore sofferente per l'infausto destino.

    Ma la speranza s'illumina nella certezza di rimanere insieme
    per sempre.

    Un abbraccio ...

    ciao
    Lorens

    ---
    Lorens

    [ ]

    Insieme
    Contributo di: A.Sal.One on Friday, 14 September 2018 @ 01:07

    Insieme

    non ci siamo mai detti addio.

    ---
    Come il coniglio anche
    il poeta può uscire da
    un cappello.

    [ ]

    Insieme
    Contributo di: Carmen on Friday, 14 September 2018 @ 08:51
    Un temino che non è affatto poesia,
    dico dal punto di vista della stesura.
    E in generale non mi dice granché,
    siamo sempre sulla consueta strada
    sterrata, con l' orizzonte davanti,
    mano nella mano...
    In poche parole, nessuna immagine
    nuova, nessuna metafora " ardita" e
    inconsueta.
    " du palle".

    ---
    Non c'è amore del vivere senza disperazione del vivere. Albert Camus

    [ ]

    Insieme
    Contributo di: Titta on Friday, 14 September 2018 @ 15:22
    Quando ci si trova accanto un compagno/compagna di viaggio, tutto sembra acquistare un significato differente. Forse ce la suoniamo e ce la cantiamo, ma anche se così fosse che male c'è ? A me la tua poesia è piaciuta, m.a.n. --- Titta

    [ ]

    Insieme
    Contributo di: Elysa on Saturday, 15 September 2018 @ 14:49
    io eliminerei o cambierei solo la seconda strofa che mi pare la parte più prosastica, per il resto bella, anche la chiusa --- Elysa

    [ ]

    Insieme
    Contributo di: scoriaindustrial on Wednesday, 19 September 2018 @ 10:37
    Una di quelle cose, rispettabilissime, che terrei nel cassetto, che possono essere musa, base di partenza. Poi bisogna scriverci una poesia intorno e denocciolare, prima che vada di traverso --- “Ora anche la parete si sbriciola sul viso e all’affondare d’unghie sanguina e l’inarcarsi delle schiene graffia come se ci conoscessimo da sempre.” - scor

    [ ]

    Insieme
    Contributo di: Armida Bottini on Friday, 21 September 2018 @ 06:35
    Mi piace la tua poesia, dove mi ritrovo, mi piace il tuo
    nome che me ne rammenta un altro: Man, i miei compagni di
    strada lo conoscono bene.

    ---
    Midri

    [ ]

    Insieme
    Contributo di: LoSpettro on Saturday, 29 September 2018 @ 01:24
    Nella prima strofa, a parer mio, sbagli a fare la metafora della strada come un riccio, "i cui aculei già ferivano la mia pelle": quel sovrabbondare che lascia quel pronome possessivo rende ogni frase fin lì da te detta ampollosa. Ed è proprio al carattere ampolloso, ricalcante in ogni tuo verso, che lasci il lettore. Non interessa a nessuno sapere il tuo personale percorso di vita, se alla tua vita somministri a te stesso, smaniando con urgenza, il perbenismo, il riguardevole, stomichevoli parabole d'altri tempi, d'altri luoghi. La facilità del messaggio giunge sicuramente. E' l'esigenza di tradurlo in poesia esposta a tutti a sbeffeggiare. E' verò, non vi è nulla di cruento. Ma sicuramente. esser rimandati sui banchi di scuola a fissare un maestro in piedi alla lavagna che espone la vita, diventa cosa di una petulanza oramai fuori da ogni contesto. E non interessa neanche vedere solo che scrivi buone poesie senza in profondità dir nulla.

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2018 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.