Starmuto

Thursday, 05 July 2018 @ 15:30

Leggi il profilo di: ablablabla

Starmuto




L’ immortale Tale e quale che vorremmo fosse sempre verde
come quando cade trattenuta dal fondo per il rotto della cuffia
bevendo un Tè. All’improvviso l’ingegno stuzzica il dente aguzza
nel pieno della navigazione (contro voglia) l’albero maestro.
Il mattino ha l’ora in bocca e il saccheggio si diffonde in tutte
le direzioni moltiplicando a dismisura il nano compreso
il peggio dei giorni più belli. Sei mio debitore e non sarai mai più risarcita.
Ma se obbediamo al sordo al silenzio del cuore allora e solo allora
possiamo dire a chi ci porta l’acqua:
Passa più tardi ho ancora troppa setA.
Grazie per essere così numerosi e piuttosto coesi.
Il gamberetto ricambia volentieri lo sguardo ma non
allontanatevi troppo proprio adesso che sale maledettamente veloce su per il naso
e non ci riesci proprio a trattenerti (suono onomatopeico dello starmuto).

13 Commenti



http://vetrina.clubpoeti.it/article.php?story=20180704193540267