Belìce Bel Paese

Thursday, 07 June 2018 @ 09:30

Leggi il profilo di: zio-silen

Terraneo vagabondo, divèlti
struggi un mondo: i tetti, il campanile,
i ponti sul ruscello, gli arbusti
forti e snelli, le querce antiche,
i fiori (mimose), i lor boccioli.

Espandi l'aura fetida: ruìna,
grida, ciàntu. Le fughe vane. In fondo
'mpirùgghiu inestricabile di pruvulàzzu
e pietre. Un sugliùzzu dal buio. Un grido:
all'armi all'armi! Turìlla contro
il tempo. Si affilano le unghie, i denti,
puru 'u cori. Due occhi ranni cercano
- «mi spengo!» - alfine trovano.
E manu lordi plaudono. 'A luci
ccà nun torna.




Ruìna= rovine
Ciàntu= pianto
'Mpirùgghiu= groviglio
Pruvulàzzu= polvere
Sugliùzzu= singulto, gemito
Turìlla= battaglia, guerra
Puru 'u cori= pure il cuore
ranni= grandi
Manu lordi= mani sporche
'A luci= la luce
Ccà= qui





15 Commenti



http://vetrina.clubpoeti.it/article.php?story=20180606120103455