club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Sunday, 24 June 2018 @ 22:24 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2671/4)
Racconti (1019/1)
Saggi (11/0)

Clubpoeti.it sostiene la coscienza degli animali  

Eventi  
Eventi nel sito

Sunday 07-Jan -
Monday 30-Jul
  • XXIII Edizione Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2018

  • Tuesday 09-Jan -
    Thursday 30-Aug
  • Premio Città di Monza 2018

  • Saturday 03-Feb -
    Sunday 30-Sep
  • Premio Letterario Città di Melegnano 2018

  • Monday 12-Mar -
    Tuesday 30-Oct
  • Premio di Poesia Ottavio Nipoti - Ferrera Erbognone 2018

  • Wednesday 28-Mar -
    Friday 30-Nov
  • Premio Il Club degli autori 2018-2019 Trofeo Umberto Montefameglio

  • Sunday 01-Apr -
    Sunday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2019
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    Nessun nuovo contributo

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Nòstos [+5]
  • Pause di felicità [+2]
  • Non è passato nes... [+3]
  • Al cimitero per u... [+2]
  •  Belìce Bel  Paese
  • Capisci me
  • Normale

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     :nonso:   
     Monday, 04 June 2018 @ 17:00
     Leggi il profilo di: ~*Maurizio*~
     Visualizzazioni: 324

    Poesie

    Non so che cosa sia più la ragione
    se il solito sermone proposto dal prevosto
    o quella de-Kant-ata da un saggio decomposto.

    Non so se mostri nuda la sua pelle
    oppure la ricopra di chiffon.

    Mi domando quale sia la vestizione...

    C'è chi dice vada in giro in doppiopetto
    e un panciotto ad occultare le vergogne.
    Chi le affibbia una coccarda perché attiri
    le attenzioni di chi bruca impecorito.

    Chi sa dirmi quale sia la sua stagione...

    Sarà bionda naturale sopra e sotto
    o castana con la crescita sbiancata.
    Saran ricci i suoi capelli e sbarazzini
    o domati da una spazzola ed un fon.

    Poi che dire della sua composizione...

    Che sia liquida e scorrendo nell'aorta
    si conficchi dentro a un muscolo affamato.
    O magari sarà fredda e di un metallo
    che ti afferra sussurrandot-i -dov'eri-?

    Non so dirmi quale sia la sua missione...

    Se ha la faccia di un burlone intelligente
    o il sogghigno del palloso drammaturgo.
    Se si atteggia con incedere elegante
    o saltella palinfrasca senza meta.

    Non saprei, ma forse cambia spesso look.
    Oggi è in jeans e una t-shirt con scritto -kook-.

     



    :nonso: | 13 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    :nonso:
    Contributo di: Dema on Monday, 04 June 2018 @ 19:16
    Bravissimo Maurizio !!! Quanto è vero quello che hai scritto. In fondo in fondo la ragione la vediamo come ciascuno la vuole. Dema Paolo De Martini

    [ ]

    :nonso:
    Contributo di: Armida Bottini on Tuesday, 05 June 2018 @ 12:01
    Il fatto è che non lo saprai mai. D'altronde a noi piace così: irraggiungibile,incomprensibile. Ti abbraccio. a mille. --- Midri

    [ ]

    :nonso:
    Contributo di: gricio on Tuesday, 05 June 2018 @ 15:18
    --- "parlare di musica è come ballare di architettura" (F.Zappa) http://gricio-gricio.blogspot.com/

    [ ]

    :nonso:
    Contributo di: trimacassi on Tuesday, 05 June 2018 @ 15:24
    Io non so se ti ha convinto il prevosto, e certo ce n'è
    voluto, ma alla fine ti sei proposto ancora, anzi ri-
    proposto.
    Io non so se è un bene aspettare, di vederle le vergogne,
    sapere se son bionde naturali, e se domate con il fon...
    Se non lo sai tu, o non vuoi svelarle, di certo non sarò io
    a far la spia...
    Cmq gradita la telenovela, ciao Maurì.


    ---
    trimacassi



    [ ]

    :nonso:
    Contributo di: sghemba on Tuesday, 05 June 2018 @ 19:34
    … ha ragione l’Armida, Maurizio.
    che stai ad indagare sul “pelo”, lascialo secretato tra figa-ro e signore.
    ma la sostanza è un’altra. attiene alla “ragione” (con lo sfottò a quella “pura”
    di kantiana memoria).
    che ci puoi/possiamo fare.
    dobbiamo convivere con il muntantismo della ragione perchè anch’essa
    soggiace al divenire.
    se così non fosse t’immagini che marmellata inerte diverrebbe l’esistere?

    simpatica-mente (che ospita la ragione).

    [ ]

    :nonso:
    Contributo di: Elysa on Wednesday, 06 June 2018 @ 09:27
    bentornato Maury...molto molto bella ...non andartene più!! --- Elysa

    [ ]

    :nonso:
    Contributo di: A.Sal.One on Wednesday, 06 June 2018 @ 14:50

    zio.Mauri` vera.mente

    ---
    Un Sal.uto

    [ ]

    :nonso:
    Contributo di: zio-silen on Wednesday, 06 June 2018 @ 16:52
    Cartesio affermava che "la ragione non è nulla senza l'immaginazione".

    Questa poesia è pervasa dall'immaginazione, qundi penso che tu abbia tanta ragione.

    Un piccolo appunto: l'avrei titolata: :B.ella: .

    ---
    zio-silen

    [ ]

    :nonso:
    Contributo di: Lorens on Wednesday, 06 June 2018 @ 21:19
    ... vedo questa poesia come uno scritto divertente che quasi mette alla berlina i signori delle messe e dei sermoni con quelli che sanno essere sempre in campagna elettorale ... Ora eppur vero che nulla è di nuovo all'orizzonte, ma si stima l'amarezza osservativa in felice sarcasmo ironico laddove le parole danno una sferzata alle caricature dei personaggi, per i quali veramente il "" si sposa in mordace poesia. ciao Lorens --- Lorens

    [ ]

    :nonso:
    Contributo di: joshua on Wednesday, 06 June 2018 @ 21:39
    Non male, con alcune osservazioni.

    Iniziamo da quelle elettropositive: è un testo che mischia bene ragione e sentimento (diciamo sentimento, va’!, anche se il centro d’attrazione sembra battere – ed io sono razionalisticamente d’accordo - più sotto l’ombelico, che all’altezza del cuore. Non a caso, ci offre la visione di un essere razionale, XX o XY o anche XXX o XXY o XO o nelle svariate varianti arcobaleno, irrazionalmente s/vestito/a solo di coccarda su doppiopetto e panciotto o chiffon, anche se, sembra di capire, a genitali russovianamente in piena luce naturale o anche solo appena ombreggiati dalla curiosità di sbirciare dove si andrà a sparare);

    c’è la solita allegrezza o scanzonatezza mauriziesca, nel proporre con leggerezza il brandacujun, piattino non certo da luna di miele;

    aborrisco anch’io, infine, le magliette con la scritta ‘CAZZONE’ (diciamo che kook così lo ridurrei all’italiano medio, anche se CUCCO non ci rimarrebbe male puresso), che credo saranno protagoniste della presente stagione po-po-po- polarpolitica, dove la ragione(?) si mischia, con rassegnazione populista, ai*censurata*mperi tribali, alle bottiglie navali demaniali e ai rudimenti scientifici del noto illuminato CHIFADASEFAPERTREALLASECONDA (dove la seconda è più quella dell’asilo materno che quella elementare).

    Quelle cose elettronegative che volevo dire…forse me le sono dimenticate…o forse no, aspetta…volevo dire qualcosa sui […] di suspicione…ma la lascio in sospeso a cagIONE…oh, no, non mi ricordo più la cagIONE*…(mio dio, che sia colpa della maglietta? Mi rimetto quella nera col vecchio ALS OB vaneigemiano scritto in rosso e con le orecchie d’asino, una gialla e una verde, che spuntano dalla A e dalla B, credo sia il capo d’abbigliamento più contemporaneo, almeno allo stato dei disfatti, poi vedremo se il curriculum ci riserverà altre fandonie honoris causa…)

    Ciao ( e bentornato al Circo dei Vati)
    n

    * Mi spieghi, alla Bernoulli, com’è che un liquido (anche razionale o irrazionale) si ‘conficca’ in un muscolo? Non ne faccio una questione scientifica, visto che la scienza dell’assurdo è di moda, ma proprio di scopo: voglio dire che, se il muscolo ha fame, la ragione liquida baumaniana dovrebbe nutrirlo di ossigeno, più che ferirlo di CO2, ovvero più ossigenarlo che, come potrebbe anche fare, asfissiarlo. Ti propongo (non sto dicendo, bada bene, contrappongo) una variante (un po’ più saffica) che salvi capra scientifica e cavoli preraziocinanti:

    Che dire della sua composizione

    liquida nelle vene
    a inondare la sete
    o di gelo e metallo
    a nutrire l’acciaio

    [ ]

    :nonso:
    Contributo di: cordaccia on Thursday, 07 June 2018 @ 00:28
    In questo periodo di incertezze a
    tutto campo, è lecito chiedersi da che
    parte sia la ragione ( o se ancora
    esista). Dopo il cavaliere,il conte
    ...bah :)
    Mi piace l'andamento a filastrocca
    (quasi a storno) che rende la poesia
    molto godibile.
    È un piacere rileggerti, e grazie per
    il commento alla mia scorsa poesia
    "trasferte" in cui parlavi di
    Savicevic: che figata ! ricordo che
    Gene Gnocchi lo adorava.Grande
    giocatore.

    Ciao, alla prossima :)

    [ ]

    :nonso:
    Contributo di: Viridis on Friday, 08 June 2018 @ 17:03

    Ahahaha! E se ti dicessi che la ragione non esiste?
    Che è solo un concetto? Che semmai esistono solo i pensieri
    che, indipendentemente dalla nostra volontà vengono
    su dal nulla e a volte si divertono a interpretare la realtà?
    Erano fin troppo seri i filosofi che hanno cercato di elaborarla...
    Forse preferisco te, che palesemente ti diverti e diverti.
    Però ti chiedo: why?

    ---
    viridis

    [ ]

    :nonso:
    Contributo di: PattiS. on Saturday, 16 June 2018 @ 22:54
    la migliore che ho letto tua...ti sei liberato da quelle rime e endecasillabi acquisiti
    (quindi involontari), quindi inutili) e sei riuscito a smuovere meglio i versi. Te pensa
    a quelli che si
    fanno tatuare roba improponibile in arabo o cinese sul braccio...:-), ma anche
    quella è poesia.

    ---
    ...playing a game of worlds...V. Nabokov

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2018 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.