club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Monday, 21 May 2018 @ 01:34 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2669/2)
Racconti (1021/0)
Saggi (10/0)

Clubpoeti.it sostiene la coscienza degli animali  

Eventi  
Eventi nel sito

Saturday 06-Jan -
Wednesday 30-May
  • Premio Ebook in…versi 2018

  • Sunday 07-Jan -
    Monday 30-Jul
  • XXIII Edizione Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2018

  • Saturday 03-Feb -
    Sunday 30-Sep
  • Premio Letterario Città di Melegnano 2018

  • Monday 12-Mar -
    Tuesday 30-Oct
  • Premio di Poesia Ottavio Nipoti - Ferrera Erbognone 2018

  • Wednesday 28-Mar -
    Friday 30-Nov
  • Premio Il Club degli autori 2018-2019 Trofeo Umberto Montefameglio

  • Sunday 01-Apr -
    Sunday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2019
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    Nessun nuovo contributo

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Così vicino [+4]
  • E t'amo ancora [+3]
  • Gioco di sguardi
  • a ciascuno il suo
  • prima cosa inutile
  • L'ora dorata
  • Semplice [+4]
  • Ci vuole indubbia... [+2]
  • Il ragazzo dai ca... [+2]
  • Siamo come...
  • Amica pioggia
  • C' è posta per noi
  • Le tecniche di co... [+2]
  • pietra miliare

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     C' è posta per noi   
     Tuesday, 08 May 2018 @ 09:45
     Leggi il profilo di: trimacassi
     Visualizzazioni: 628

    Poesie

    C’è posta per te


    Basta ci sia il sole
    e qualche soldo in tasca
    ed esci in strada che ti senti un re.
    Ma non sempre è festa, calia e noccioline
    ci sono pure giorni amari
    quando ti aspetti che qualcuno passi
    e a sera ti rimangono le attese

    Non solo son per gli occhi
    i giorni belli
    spesso è nell’etere
    che si rifugia il cuore
    dove ritrova canti, e cori d’altri tempi
    Ali nel cielo
    e gabbiani fronte mare
    creano umori:
    mura senza una crepa
    e strade che sprizzano speranza
    e il giorno lungo non tramonta mai
    // Fischia d’un tratto un treno
    vita e morte nascondono le carte
    e un giallo di scirocco
    semina l’arsura:
    si spengono i suoni, i canti e le chitarre
    la vita s’allontana
    la nostalgia si perde per le strade…

    Passa un postino per il mondo
    e porta la follia
    venti rossastri laggiù all’orizzonte
    non sai se quello è sangue
    o sole amico…

    “Bontempu e malutempu, non dura sempi un tempu!”
    dicono sempre i vecchi, delle parti mie

     



    C' è posta per noi | 22 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    C' è posta per noi
    Contributo di: sghemba on Tuesday, 08 May 2018 @ 16:15
    ... certo. hai detto tante cose buone e altre meno buone.
    l'hai raccontata a modo tuo (nel tuo genere che può e non piacere e che io non disdegno)
    e appare un testo "pulito", di quelli, ossia, che si fanno leggere.
    la chiusa, in particolare, è veramente bella.

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: Elysa on Tuesday, 08 May 2018 @ 17:45
    Passa un postino per il mondo e porta la follia venti rossastri laggiù all’orizzonte non sai se quello è sangue o sole amico… è tutta bella ma questa strofa è la mia preferita --- Elysa

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: frame on Tuesday, 08 May 2018 @ 18:16
    Passa un postino per il mondo e porta la follia venti rossastri laggiù all’orizzonte non sai se quello è sangue o sole amico… Nel finale ho trovato il meglio. --- Frame

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: oltreuomo on Tuesday, 08 May 2018 @ 19:22
    Ad essere sincero fino a "//" non mi dice molto...ma da quel
    punto in avanti, che dire, tanta roba!!
    Ciao!


    oltreuomo

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: zio-silen on Tuesday, 08 May 2018 @ 20:11
    Immaginifica, colorata, evocativa, dolce e amara,
    spensierata e mesta: questo po' po' di attributi ed altro ancora
    per definire una poesia particolarmente ispirata e composta
    secondo lo stilema Trimacassi. Autore che si spezza ma non
    si piega alle mode (effimere) più o meno popolari.. e stellate.

    Un piccolo appunto: l'accoppiata "calia e noccioline" risulta
    un tantino indigesta. Meglio, per i palermitani, "calia e
    simenza".

    Un saluto

    ---
    zio-silen

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: jane on Wednesday, 09 May 2018 @ 07:02
    L'ho trovata bellissima. Anche se non nominata c'è tutta
    l'anima della Sicilia, del Sud, i colori quei sapori che
    fanno cantare il cuore e predispongono ad assaporare la vita
    con tutte le sue novità vere e fasulle, le folli illusioni.
    Dove il sole è una favola che ti fa indossare prima di ogni
    cosa il sorriso del mattino.

    ---
    Calamity Jane, Monna Jane, Lady Jane.

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: -Gaetano- on Wednesday, 09 May 2018 @ 08:47
    A primo acchito sembra una poesia "leggera", con tutti
    quei colori, le immagini prese a prestito dalla natura e
    noccioline varie. Ma una più attenta lettura suggerisce
    un messaggio più profondo sulla vita e le sue molteplici
    forme, ora più dolci all'improvviso più aspre. È un testo
    molto piacevole, scorre via velocemente ma al contempo
    rimane dentro a maturare. Bravo.

    ---
    Gaetano

    "Non sempre i ribelli possono cambiare il mondo, ma mai il mondo potrà cambiare i ribelli". [A. De Benoist]

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: Carmen on Wednesday, 09 May 2018 @ 10:20
    Davvero bella --- La vita va capita solo all'indietro, ma va vissuta in avanti" Soren Kierkegaard

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: Pavan Gianfranco on Wednesday, 09 May 2018 @ 17:14
    Già, passa un postino e cosa
    ci porterà...
    Davvero bella
    Ciao

    ---
    Pavan Gianfranco

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: joshua on Wednesday, 09 May 2018 @ 18:24
    Qualcuno mi ha suggerito che il titolo si rifarebbe ad un famoso programma di trovarobato o di cercapersone della TV italica.

    E qui di trovarobato ce n’è parecchio, a iniziare dai soliti gabbiani (cos’è? Una provocazione?), dal cuore che si rifugia nell’etere (entità inesistente, se non per qualche mago di Arcella o maga di Castel Guelfo), alle strade che sprizzano (?) speranza (non potendo esprimere disperazione da altri pori, suppongo), al treno dei desideri (ah, Verdiana, Tu non sai di aver riaperto una strada che porta all’avantieri!).

    Insomma c’è un sentimentalismo da piccolo, anzi striminzito, paesello antichissimo, che sa di asfittico e a cui neanche i soliti trepuntinidisospensione riescono a restituire la freschezza dell’emozione, la cui autenticità è confutata proprio dalla remota e assolutamente immobile letteralità dei temi e degli stilemi (il modo in cui si parla di qualcosa: ad esempio, se uso l’aggettivo rossastro per indicare un fenomeno meteo, so che sto scarducciando; se dico che mi basta qualche soldo e un po’ di sole per essere lieto, sto facendo il gioco di chi vuol farmi pagare più tasse, tanto sa che in Italia il sole non manca e che, comunque vada, c’è sempre la tavola calda della Caritas; se parlo di gabbiani fronte mare che ‘creano umori’ (!?), ingenuamente ignoro, o provocatoriamente fomento, i malumori di Erato e non di Lei soltanto ma anche del concento delle altre otto, per non parlare della lira funesta di Apollo...).

    Ciao
    nicoleddu

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: ablablabla on Wednesday, 09 May 2018 @ 20:20
    Passa un postino per il mondo
    e porta la follia
    venti rossastri laggiù all'orizzonte
    non sai se quello è sangue
    o sole amico…


    Questa parte mi piace.

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: PattiS. on Wednesday, 09 May 2018 @ 21:23
    se non ti rendi conto che parli per frasi fatte, non è colpa mia: "bruttina" e anche
    stagionata...

    ---
    Malachus Micgranes and the Verdons catapelting the camibalistics out of the Whoyteboyce of Hoodie Head

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: Pale shelter on Thursday, 10 May 2018 @ 22:27
    Svolta da metà in poi (prima rimane un po' nell'ovvio, e fa
    fatica, con troppe congiunzioni a inizio verso), più
    fluida, con belle immagini e la consueta generosità che
    emerge dagli stereotipi.
    Un saluto.

    Franco

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: A.Sal.One on Friday, 11 May 2018 @ 16:57

    Ai tempi nostri
    (mi ricordo)

    l'accoppiata vincente era:

    calia e cannellini.

    Hai per caso cambiato il ballo
    per il tono?

    ---
    Un Sal.uto

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: gianna.curto on Saturday, 12 May 2018 @ 19:33
    "quando ti aspetti che qualcuno passi e a sera ti rimangono le attese Dalle mie parti dicono "Anche al più duro inverno segue la primavera " E noi sappiamo aspettare che dopo qualunque temporale spunti il sole.Noi siciliani siamo agevolati...Le aspettative aiutano . Una poesia crepuscolare di buoni sentimenti --- Gianna

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: Mecroarco on Saturday, 12 May 2018 @ 22:00
    Poesia davvero molto bella e piacevole da leggere. La prima strofa è molto efficace nella sua semplicità poiché racchiude in sé alcune delle "grandi verità" della vita (talmente scontate da sembrarci ovvie ma non per questo meno importanti o indegne di considerazione poetica) quali l'accontentarsi di ciò che sia ha (ma guai a sentirsi appagati!) e l'amarezza che ci pervade quando si sta aspettando qualcuno (o anche qualcosa; dannati corrieri espressi solo di nome...). La prima parte della seconda strofa invece mi prende poco, mi pare non presenti alcuna immagine né di grande impatto né quantomeno originale; insomma è un po' debole, non troppo ma lo è. Tuttavia, da questo punto in poi non solo la poesia si rivaluta tornando ai livelli della prima strofa, ma addirittura si trasforma passando da un componimento didascalico-descrittivo ad uno estremamente suggestivo, con immagini che dunque perdono di chiarezza rispetto alle precedenti ma che guadagnano abbondantemente in potenza espressiva. Infine, la chiusa finale col postino emissario di cattive o buone novelle è il finale perfetto per una poesia il cui messaggio è tanto vero quanto semplice: non sai mai cosa di riserverà la vita finché non ti accade, ma nonostante ciò devi goderti i momenti belli e ricordarteli in quelli tristi. Mecroarco

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: Sandro Moscardi on Sunday, 13 May 2018 @ 05:59
    Ecco il postino con della posta mai recapitata,
    buste ingiallite ed indirizzi sbiaditi.
    C'è anche la brutta copia della canzone di Nino Manfredi
    " per far la vita meno amara
    me son comprato una chitara
    e quando il sole scende e more
    me sento un core cantatore..."
    MMMMMMa guarda bollettini metereologici di Bernacca
    e una lettera alla mamma da una reclita al servizio militare nel 1958.
    Che tristezza che la posta non sia stata recapitata
    in tempo utile.
    Ciao. Sandro

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: franca canapini on Sunday, 13 May 2018 @ 10:10
    Una delle Tue migliori.
    Franca

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: telemaco on Sunday, 13 May 2018 @ 18:29
    Penso che le immagini finali, a partire dal postino, non siano male, il "sole amico" ha una certa originalità.
    Ma mi piace anche l'immagine precedente del "giallo di scirocco" , il resto sono le tue solite cose che non sono in grado di apprezzare.

    ---
    telemaco

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: cordaccia on Sunday, 13 May 2018 @ 19:34
    Mi ricorda un mio amico terzino
    che,malgrado giochi da trentacinque
    anni,non riesce ancora a fare un
    cross.
    Per dire :si spreca tempo a pensare
    che qui sia un terreno di sfida e non
    un'occasione per arricchirsi.
    Caro Trim,scrivere e pensare così non
    è da cattivi, è da persone spente
    (alle emozioni).

    ciao :)

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: Titta on Wednesday, 16 May 2018 @ 13:29
    "Passa un postino per il mondo e porta la follia venti rossastri laggiù all’orizzonte non sai se quello è sangue o sole amico" Un Trim fortemente ispirato. Una poesia bellissima che rilancia l'ascolto, quello genuino con pennellate delicate persino laddove la malinconia vorrebbe confondere il quotidiano così prezioso. --- Titta

    [ ]

    C' è posta per noi
    Contributo di: scoriaindustrial on Saturday, 19 May 2018 @ 18:41
    Trim, il titolo megrayanesco o mariadefilippesco
    identifica bene gli estremi dell'ambito in cui si muove
    questo testo...oltre non procede, neanche durante lo
    svolgimento, che mai sembra decollare. Cattura il
    pubblico che dentro questi estremi e nelle rassicurazioni
    delle frasi fatte (di cui Patti diceva) sguazza. O
    perennemente o momentaneamente. Non che sia un male per
    carità, ad ognuno i suoi gusti, che poi noi siamo i
    nostri gusti. Però come accennava Cordaccia, quanta
    piattezza, in questo testo, non potrei mai estendere
    l'opinione alla persona, invece, non conoscendola
    personalmente. La scelta della figura del postino
    ambasciatore di buone e cattive nuove, inoltre, di questi
    tempi, pare alquanto anacronistica. Il postino porta
    oramai solo conti da pagare, e tuttalpiù qualche pacco da
    Amazon, E-bay ed altre succhiasangue factory. Anche la
    scelta di affidare al treno che parte, ed in questo modo,
    la rappresentazione della "nostalgia", bhé, non
    contribuisce certo ad elevare il testo. Per fortuna si
    chiude con un proverbio popolare.
    **
    Io sarei partito proprio da lì.
    Di tutto il materiale che hai buttato giù, però,
    ovviamente secondo la mia visione poetica, non tutto è da
    buttare; se il luogo comune cambia prospettiva, qualcosa
    di interessante può venir fuori, lavorando su questi
    stralci:

    “Bontempu e malutempu, non dura sempi un tempu!”
    giallo arso di scirocco e sole amico sulle mura
    il giorno lungo non tramonta mai aspettando
    qualcuno che passi, un postino, la follia.


    ---
    "Non commentate troppo ché si seccano le manine e si spezzano le unghiette, continuate a propinarci indimenticabili capolavori, piuttosto" - scoriandustrial -

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2018 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.