Joe Anomic

Friday, 27 April 2018 @ 16:00

Leggi il profilo di: vincent

Mia mamma è lì, appesa alle flebo della Rianimazione, sta morendo una parte di me. Esco dall'ospedale, è già notte e parto. Scorgo una lucciola sul marciapiede, le gambe slanciate sui tacchi e le curve del culo nei jeans attillati. Devio istintivamente il percorso e affianco la prostituta. Mi ricordo di mia madre, poverina, allora mando affanculo la battona e rincaso a manetta. Nessun rimorso, però. Fuori dall'ospedale avevo il magone, ora sono calmo, placato.

10 Commenti



http://vetrina.clubpoeti.it/article.php?story=20180427142356443