club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Monday, 21 May 2018 @ 01:39 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2669/2)
Racconti (1021/0)
Saggi (10/0)

Clubpoeti.it sostiene la coscienza degli animali  

Eventi  
Eventi nel sito

Saturday 06-Jan -
Wednesday 30-May
  • Premio Ebook in…versi 2018

  • Sunday 07-Jan -
    Monday 30-Jul
  • XXIII Edizione Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2018

  • Saturday 03-Feb -
    Sunday 30-Sep
  • Premio Letterario Città di Melegnano 2018

  • Monday 12-Mar -
    Tuesday 30-Oct
  • Premio di Poesia Ottavio Nipoti - Ferrera Erbognone 2018

  • Wednesday 28-Mar -
    Friday 30-Nov
  • Premio Il Club degli autori 2018-2019 Trofeo Umberto Montefameglio

  • Sunday 01-Apr -
    Sunday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2019
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    Nessun nuovo contributo

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Così vicino [+4]
  • E t'amo ancora [+3]
  • Gioco di sguardi
  • a ciascuno il suo
  • prima cosa inutile
  • L'ora dorata
  • Semplice [+4]
  • Ci vuole indubbia... [+2]
  • Il ragazzo dai ca... [+2]
  • Siamo come...
  • Amica pioggia
  • C' è posta per noi
  • Le tecniche di co... [+2]
  • pietra miliare

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Davai Bistré   
     Thursday, 26 April 2018 @ 12:00
     Leggi il profilo di: nino vicidomini
     Visualizzazioni: 56

    Racconti

    Quante volte Francesco l’aveva udito quell’incalzante “Davai bistré!” (Avanti presto), nelle lunghe e infinite marce che terminavano nei campi di prigionia, forse cento, forse mille volte!..
    Anche adesso sembrava come se glielo stessero intimando allo stesso modo e per l’ennesima volta, invece no; è stato proprio per l’ultima volta.
    “Avanti, presto!” ha detto una voce soffusa e celestiale è Lui si è avviato con tutta tranquillità, stavolta, con la sicurezza di assolvere con piacere quell’ ordine oramai impresso nella sua mente tuttora limpida, quell’ordine che ora gli giungeva così tanto gradito, quell’ordine che veniva dall’Altissimo.
    …E se n’è andato “alla chetichella” felicissimo di raggiungere la sua amata Luigia.
    Il commiato? Anch’esso silenzioso, dopo la cerimonia officiata nella chiesa madre trecasese nella triste giornata del gennaio vesuviano.
    Francesco Stefanile, vincitore del “Premio Pieve Santo Stefano 1998”, generoso al solito, non se n’è andato del tutto; ci ha lasciato le sue fascinose memorie che trattano di tre anni di guerra in Russia dal 1942 al ’45 del secolo scorso.
    I suoi ricordi, le emozioni, le paure, gli stenti la lunga e drammatica detenzione riportati nella sua opera “Siberia, davai bistré” edita dal gruppo Ugo Mursia editore.
    Un diario dettagliato di quel crudo periodo di prigionia iniziato la vigilia di Natale del ’42 e terminato nell’ottobre del ’45.
    Il narrato di tre lunghi anni trascorsi nei campi di reclusione degli Urali e dell’Uzbekistan in conseguenza alla cruciale battaglia nella “Valle della morte” sull’ansa del Don ove buona parte della Armata italiana si arrese all’Armata Rossa.
    - Il suo reparto è sconfitto e tutti vengono fatti prigionieri: inizia così la dolorosa marcia verso i campi degli Urali e dell’Uzbekistan, si consuma la tragedia della detenzione tra stenti, fame, violenze, malattie e punizioni. -
    Stando alla critica la novità che scaturisce dal suo diario è nelle storie di prigionia in quei campi, con l’incontro tra i soldati e i fuoriusciti che erano stati conquistati dall’ideale del marxismo e con la scoperta della vita e delle condizioni reali di quelle regioni assoggettate al regime comunista ed il suo scritto offre un inedito spaccato: una gran voglia di pace che allo stesso tempo materializzava la consapevolezza che anche il socialismo, alla luce dei fatti, era tragico dolore e cruda realtà.
    Grazie Francesco, figlio emerito di questa terra nera vesuviana, testimonianza efficace di anni terribili, monito di uomo consapevole della vita e della storia di cui si è parte.

     



    Davai Bistré | 1 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Davai Bistré
    Contributo di: Mecroarco on Saturday, 28 April 2018 @ 09:57
    Uhm, mi aspettavo un racconto ma mi ritrovo un opuscolo pubblicitario, quindi mi
    toccherà giudicarlo secondo parametri diversi. Devo dire che però il suo lavoro di
    divulgazione lo fa tutto sommato bene, in quanto, dopo un prologo introduttivo
    sintetico abbastanza curato (tranne un errore alla quinta riga: primi di "è Lui"
    secondo me dovevi mettere i due punti), fornisce le informazioni atte a
    comprendere di quale libro si sta presentando e anche alcune note biografiche sul
    suo autore. Sinceramente, è voluto commentare questo "racconto" sopratutto
    perché, a mio parere, la tua opera di divulgazione del libro di questo soldato
    sventurato mi è sembra degna di attenzione.

    Mecroarco

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2018 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.