club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Monday, 21 May 2018 @ 01:41 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2669/2)
Racconti (1021/0)
Saggi (10/0)

Clubpoeti.it sostiene la coscienza degli animali  

Eventi  
Eventi nel sito

Saturday 06-Jan -
Wednesday 30-May
  • Premio Ebook in…versi 2018

  • Sunday 07-Jan -
    Monday 30-Jul
  • XXIII Edizione Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2018

  • Saturday 03-Feb -
    Sunday 30-Sep
  • Premio Letterario Città di Melegnano 2018

  • Monday 12-Mar -
    Tuesday 30-Oct
  • Premio di Poesia Ottavio Nipoti - Ferrera Erbognone 2018

  • Wednesday 28-Mar -
    Friday 30-Nov
  • Premio Il Club degli autori 2018-2019 Trofeo Umberto Montefameglio

  • Sunday 01-Apr -
    Sunday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2019
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    Nessun nuovo contributo

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Così vicino [+4]
  • E t'amo ancora [+3]
  • Gioco di sguardi
  • a ciascuno il suo
  • prima cosa inutile
  • L'ora dorata
  • Semplice [+4]
  • Ci vuole indubbia... [+2]
  • Il ragazzo dai ca... [+2]
  • Siamo come...
  • Amica pioggia
  • C' è posta per noi
  • Le tecniche di co... [+2]
  • pietra miliare

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Nana Korobi, Ya Oki   
     Tuesday, 17 April 2018 @ 11:15
     Leggi il profilo di: percefal
     Visualizzazioni: 539

    Poesie





        七転び八起き Nana Korobi, Ya Oki.  
        
        Consentimi Signora 
        l’impudenza 
        di essere volgare
        sé  compiacente
        
        Ti ho sempre amata nel silenzio 
        sfidando bonaccia e  pioggia  
        ché  profilassi informa
        la mia voce al telefono
        ogni senso fosse semplice
        pausa tra due frasi
        eppure mi scoprivo sconcio
        come se l’eco più cupo
        scandisse saliva del chiamante
        esitai comunque 
        tu intendessi
        finché in accordo liberammo
        gli anni  vissuti  nell’abbaglio
        tu lasciando e io credendo
        albe chiare
        solo un audioleso
        sa capire.
        
        Complesso dire silenzi già dolore
        severe ore ché difficile accettare 
        quel male senza nome, 
        mutare prospettiva
        di una vita pari. 
        




     



    Nana Korobi, Ya Oki | 13 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Nana Korobi, Ya Oki
    Contributo di: PattiS. on Tuesday, 17 April 2018 @ 23:14
    "cadi sette volte. ti rialzi otto volte. Questa è la bambola Daruma con il piedistallo
    arrotondato. Come vuol abbatterla si rialza subito. Resilienza, diremo noi a
    occidente (comunicazione di servizio per i più pigri..). Il dialogo interrotto (si dice
    così??) tra trasmittente e ricevente. Qualcosa ha a che fare con la linguistica,
    anche l'amore, anche con la prima(vera) uffa...giochino nauseabondo come certe
    esternazioni e pensierini amorosi, ma qui si va di bugiardino e telegrammi...ragazzi,
    mandate il televoto. Questo, mandiamolo in finale che merita...(ma vince sempre il
    peggiore...(-:, il più votato....

    ---
    Malachus Micgranes and the Verdons catapelting the camibalistics out of the Whoyteboyce of Hoodie Head

    [ ]

    Nana Korobi, Ya Oki
    Contributo di: trimacassi on Wednesday, 18 April 2018 @ 15:43
    Alla lotteria dei numeri non è che mi ci raccapezzi tanto...
    Né, se scrivessi così, sarebbe un buon italiano, ed io che
    scrivo seguendo il mio orecchio, quello che leggo non mi
    collima tanto... E quindi detto questo, la poesia, ecco la
    poesia, vorrei tanto trovarla la poesia, in questi giochini
    esterofili, che nemmeno la Patti, esterofila com'è, credo ci
    sia arrivata. E allora ? Saremo tutti ignoranti (o forse sì
    ?) 100 visioni e zero commenti, parabola significa...!?

    ---
    trimacassi



    [ ]

    Nana Korobi, Ya Oki
    Contributo di: joshua on Wednesday, 18 April 2018 @ 18:57
     Mi piace questo celimoniale del Te
     e del Me leso, ma non alleso, al Sé. È
     come bele il sakè, dopo avel sputato il
     lospo (di una palticolale valietà a
     mandolla coltese - spalmabile sulle 
    fleccette del tilassegno - detta から,
     o anche ので、se sei anche solo un
     pochetto meno celto che il veleno
     non sia stato adeguatamente
     mitlidatizzato con un bagnetto 
    in accento acuto&wafu) . Ma come
     affelmava Il saggio Jo-shu- a 
    nel maltlattato iniziatico
     IL SILENZIO DEI BELNOCCOLI:
    
     ‘se cadi non lamentalti mai, e comunque
     non  plima che lo faccia la tella’.
    
     (e estelosfilante.
     Ma dai, tLimuzzo, dovlesti applezzale
     che con noi impali ameno le altle
     lingue, ché  litaliano* qui langue...)
    j
    
    *non, non è ellole. È solo una
     effelata valietà di illiceità
     poetica locale&futilista detta
     menefleghismo dell’apostlofo.
    

    [ ]

    Nana Korobi, Ya Oki
    Contributo di: telemaco on Wednesday, 18 April 2018 @ 22:38
    Buona poesia, diversa eppure vicina a quella precedente di Seeker, per tema ma anche per forma. La dinamica amante amato, come un protocollo di contatto telefonico, tra chiamato e chiamante. L'audioleso solo può cogliere le sfumature extraverbali, che il protocollo ignora.
    Temporaneo dolore di una vita che è pari, cioè divisibile per due.

    ---
    telemaco

    [ ]

    Nana Korobi, Ya Oki
    Contributo di: Carmen on Wednesday, 18 April 2018 @ 22:44
    Non ho inteso una mazza ma la trovo parecchio bella. Non riesco ad apprezzarne il senso ma l' armonia rara che hai messo insieme, come diversi strumenti di un' orchestra, quella sí. --- La vita va capita solo all'indietro, ma va vissuta in avanti" Soren Kierkegaard

    [ ]

    Nana Korobi, Ya Oki
    Contributo di: zio-silen on Thursday, 19 April 2018 @ 08:36
    Certo, "resilienza" non si può sentire, ma andare a scomodare il Sol Levante per il titolo fa un po' (troppo) "fico" (non quello della Camera). La stima che nutro per l'autore in lettura però mi induce ad escludere suoi intenti "fascinosi" per prediligere un richiamo alla filosofia Zen la cui profondità spirituale non è facile tradurre agli occidentali.

    Veniamo al testo. All'esegesi di Telemaco - che condivido - aggiungerei una riflessione in ordine al significato che, a mio avviso, viene marcato dalle scelte foniche del significante: il rincorrersi delle esse, per esempio, qui dolci, là aspre o sorde.

    Stelle e un saluto

    ---
    zio-silen

    [ ]

    Nana Korobi, Ya Oki
    Contributo di: jane on Thursday, 19 April 2018 @ 09:11
    Delizia di parole altro che impudenza di essere volgare! Apprezzata moltissimo. Il titolo dice di una donna che quando cade come le bamboline giapponesi riesce sempre a rialzarsi. Ero piccolissima ma ricordo un pupazzo dell'Italia dei Caroselli, voi lo ricordate? Ercolino sempre in piedi si chiamava se non erro ed è l'equivalente italiano al maschile https://www.youtube.com/watch?v=tzAiEIWp--E --- e...se non sarà seren si rasserenerà...

    [ ]

    Nana Korobi, Ya Oki
    Contributo di: scoriaindustrial on Thursday, 19 April 2018 @ 19:05
    Carmen!! Dov'eri finita?:-) Se non l'hai capita ma hai detto che è bella, forse è bella davvero:-)! Di solito ciò che non capisci cataloghi come m.e.r.d.a:-)!. Cmq, trovo la poesia molto garbata, a cavallo tra due mondi, tra volere e potere......traspare molto ottimismo e molta voglia di combattere ma anche molta amarezza, oltre che se non sbaglio, qualche seria patologia (non esclusa una semplice patologia d'amore) --- "Non commentate troppo ché si seccano le manine e si spezzano le unghiette, continuate a propinarci indimenticabili capolavori, piuttosto" - scoriandustrial -

    [ ]

    Nana Korobi, Ya Oki
    Contributo di: -Gaetano- on Friday, 20 April 2018 @ 16:51
    Dopo svariate letture, questo testo mi lascia una sottile
    sensazione di struggimento. E' difficile cogliere un senso
    compiuto (almeno per me), ma emerge con chiarezza una certa
    prospettiva emozionale. E' interessante anche la costruzione
    del verso, anche se a volte penalizza alquanto la
    musicalità.
    A rileggerti con piacere.

    ---
    Gaetano

    "Non sempre i ribelli possono cambiare il mondo, ma mai il mondo potrà cambiare i ribelli". [A. De Benoist]

    [ ]

    Nana Korobi, Ya Oki
    Contributo di: Elysa on Friday, 20 April 2018 @ 16:57
    Ti ho sempre amata nel silenzio sfidando bonaccia e pioggia .. quei sè o chè accentati non mi piacciono molto. --- Elysa

    [ ]

    Nana Korobi, Ya Oki
    Contributo di: Pale shelter on Friday, 20 April 2018 @ 22:49
    Testo interessante, un elegante telegramma dalla sintassi
    tutt'altro che legnosa o rigida, per un tema, mi sembra di
    comprendere, non leggero eppure espresso senza alcuna
    pesantezza. Una cosa senz'altro ben riuscita.

    Franco

    [ ]

    Nana Korobi, Ya Oki
    Contributo di: Sandro Moscardi on Monday, 23 April 2018 @ 11:26
    Belli questi chiari scuri di amore codificato che però esplode in fiammate di luce e buchi neri. Ho avuto testimonianza tanti anni fa da parte della madre di una sua figlia morta per il mal d'amore. Un evento struggente. La tragicità emozionale cozza con la prudenza verbale ergendo una struttura architettonica perfetta di una bolla relazionale. Molto, ma molto bravo. Ciao. Sandro

    [ ]

    Nana Korobi, Ya Oki
    Contributo di: Lucilla on Wednesday, 25 April 2018 @ 14:40
    --- Nel passaggio stretto della vita c’è una possibilità: la bellezza che va oltre il male, oltre la fine - ingiusta - della vita stessa. ( Wislawa Szymborska )

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2018 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.