club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Sunday, 22 April 2018 @ 20:01 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2669/2)
Racconti (1020/1)
Saggi (9/0)

Clubpoeti.it sostiene la coscienza degli animali  

Eventi  
Eventi nel sito

Friday 05-Jan -
Monday 30-Apr
  • Premio Letterario Marguerite Yourcenar 2018

  • Saturday 06-Jan -
    Wednesday 30-May
  • Premio Ebook in…versi 2018

  • Sunday 07-Jan -
    Monday 30-Jul
  • XXIII Edizione Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2018

  • Monday 08-Jan -
    Tuesday 30-Oct
  • Premio di Poesia Ottavio Nipoti - Ferrera Erbognone 2018
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    Nessun nuovo contributo

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Delizioso autorit... [+2]
  • 14 Aprile  [+3]
  • A Francesco Petrarca [+2]
  • A pensarci bene
  • Qualcosa
  • Nana Korobi, Ya Oki
  • The wall

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Surrùscu matinièru   
     Tuesday, 03 April 2018 @ 14:00
     Leggi il profilo di: zio-silen
     Visualizzazioni: 403

    Poesie

    Matri,
    occhi granni ri malincunia.
    Portu sicùru. Ciàuru 'i raù
    - 'u focu vàsciu - a murmuriàri, uri.
    Li vrazza russi, sicrèti duluri.
    Amuri 'mmènsu, sciùsciu ri lu ventu
    ca mi vasava, léggiu, nta la frunti.

    E comu lassa 'u niru lu 'mpinnàtu
    sbattennu li sò aluzzi, 'mparpagliàtu
    ju sbulazzàvu - pàssaru di mmernu -
    supra 'na statua 'i sali. «Ccà mi fermu».
    E stamatina, ciàvuru ri pani
    mi fa sèntiri viva la tò manu,
    Patri.


    VERSIONE PER I NON SICULI__.


    Lampo mattiniero

    Madre,
    occhi grandi di malinconia.
    Porto sicuro. Odore di ragù
    - il fuoco basso - a borbottare, ore.
    Le braccia rosse, segreti dolori.
    Amore immenso, alito di vento
    che mi baciava, lieve, sulla fronte.

    E come lascia il nido l'impennato
    scuotendo le sue ali, sradicato
    io svolazzavo - passero d'inverno -
    sulla statua di sale. «Qui mi fermo».
    E stamattina profumo di pane
    mi fa sentire viva la tua mano,
    Padre.





     



    Surrùscu matinièru | 18 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Surrùscu matinièru
    Contributo di: ben on Tuesday, 03 April 2018 @ 17:09
    La poesia no si può tradurre :-)(cit.). E' bella in vernacolo e quasi tutta comprensibile. --- il poeta per caso

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: scoriaindustrial on Tuesday, 03 April 2018 @ 18:25
    Due stanze familiari, nostalgiche, ben scritte, dall'odore/sapore
    "genuino". Probabilmente è il dialetto il loro habitat naturale,
    la loro/vostra casa. Parlando prettamente di poesia non è il
    genere con cui vado a nozze, ma sono dediche" così esplicite e
    personali che altro non si può dire:-)!

    ---
    "Scopavamo l'amore nella stanza e la polvere ci respirava fino a soffocare" - scoriandustrial -

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: franca canapini on Tuesday, 03 April 2018 @ 19:05
    In siculo ha un sapore antichissimo da scuola siciliana. Bella, bella!

    Franca

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: trimacassi on Tuesday, 03 April 2018 @ 19:21
    Ci sono poesie, che anche se non si capiscono, per vari
    motivi, rallegrano il cuore durante la lettura, come ci
    fosse un traduttore istantaneo di bellezza o di sentimento
    che traduce all’anima, senza spiegare il senso, ma che
    spiega più che se spiegasse il senso vero. E questo che io
    provo quando leggo testi come questa poesia.
    Non ci sono sensi nascosti, non ce n’è di bisogno, il bello
    viene fuori dalla lettura stessa, che, anche se scritta in
    dialetto, emana quanto basta perché si possa chiamare
    ‘poesia’, e non mattone.
    Un saluto al bravo zio-silen


    ---
    trimacassi



    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: Dema on Tuesday, 03 April 2018 @ 20:08
    A volte i profumi creano immagini. Basta chiudere gli occhi ed usciolare da dove provengano. Dove ci portino. Profumi lievi, profumi intensi, profumi dolci come l'immenso amore di una madre, come la fragranza di una abbraccio forte di una presa sicura. E poi il profumo di un addio, di un segreto senza rimorso, di un volo in solitaria di un lieve bacio sulla pelle. A volte basta solamente chiudere gli occhi. Dema Paolo De Martini

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: A.Sal.One on Wednesday, 04 April 2018 @ 03:30

    Quando una poesia si sente
    a pelle, picchi` ti rizza
    'u pilu supra e` vrazza,
    come si fa a commentarla?

    Si sta a contemplare, a
    riflettere and share the love.

    Un abbraccio, zio-silen e

    ---
    Un Sal.uto

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: jane on Wednesday, 04 April 2018 @ 08:25
    In questo lampo nostalgico di pensiero del mattino carico di sentimento, espansivo di trasporto, è tangibile di amore verso la madre ma anche il padre. Questo ricordo straziato dal distacco che infonde tanta nostalgia per gli affetti profondi passati ma mai dimenticati che all'improvviso per un odore già conosciuto si rifanno intensamente sentire --affiorando all'esterno con l'urgenza di rievocare l'amore primordiale sensoriale animale e sacro allo stesso tempo di questa grande anima poetica siciliana. ---------- --- e...se non sarà seren si rasserenerà...

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: oltreuomo on Wednesday, 04 April 2018 @ 17:31
    Letta nella versione per "diversamente siculi". Bellissima,
    davvero!! In particolare gli ultimi tre versi mi hanno
    lasciato a bocca aperta. Complimenti!
    Ciao!

    Oltreuomo

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: percefal on Wednesday, 04 April 2018 @ 19:34
    bella poesia, felice nella forma e nella trasposizione metaforica. --- «La figura del mio caos ha dimensione alcuna, punto.».

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: telemaco on Wednesday, 04 April 2018 @ 20:20
    Buona poesia, le immagini collegate alla madre sono personali e nello stesso tempo universali. Ho provato a leggerla in vernacolo per sentire il ritmo e il filo melodico e non è male.

    ---
    telemaco

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: ~*Maurizio*~ on Thursday, 05 April 2018 @ 14:23
    Che bella penna che hai
    caro lo zio.
    Il tuo vernacolo poi è come musica e,
    come un brano può far rivivere i
    ricordi, il tuo vernacolo ha il potere
    di farmi tornare indietro di 40 (e da
    così tanto che non torno nella mia
    amata terra), e di farmi respirare
    aria di
    trinacria; madre compresa.

    Grazie!

    ---
    Qualsiasi cosa che sia un qualcosa di qualcos'altro
    in realtà è niente di niente.

    (Marge Simpson)

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: -Gaetano- on Friday, 06 April 2018 @ 23:53
    Quello che avrei voluto esprimere leggendo questo testo l'ha esposto perfettamente trimacassi. Per cui mi limito ad aggiungere una e un grazie per le intense emozioni che questa poesia ha suscitato. Complimenti zio! --- Gaetano "Non sempre i ribelli possono cambiare il mondo, ma mai il mondo potrà cambiare i ribelli". [A. De Benoist]

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: Elysa on Saturday, 07 April 2018 @ 12:24
    caro Zio, ovviamente la versione in italiano è per me più comprensibile e molto molto bella ...l'unico appunto che ti faccio, ma è solo un mio punto di vista, quel padre finale non mi piace...lo eliminerei, stai parlando di mamma e mamma deve rimanere fino in fondo, bella penna come sempre, bravo --- Elysa

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: Pale shelter on Sunday, 08 April 2018 @ 17:51
    Un lampo circolare, che si apre e si chiude. Madre e
    padre sono due parentesi in cui il lampo è inscritto.
    Nel solco del dialetto anche questa, non giocosa ma
    intensa, bella. Consueta l'attenzione nel collocare gli
    accenti nella versione in dialetto ad agevolare così la
    lettura; ottima come sempre anche la "traduzione" sia per
    efficacia che per misura.

    Un saluto, zio.

    Franco

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: PattiS. on Sunday, 08 April 2018 @ 21:16
    un po' vetusto il tema...

    ---
    Malachus Micgranes and the Verdons catapelting the camibalistics out of the Whoyteboyce of Hoodie Head

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: gianna.curto on Monday, 09 April 2018 @ 19:06
    L'odore del pane ,il ragù che cuoce con un fuoco leggero come una candela,sapori ,odori,gesti di amore che ci acompagnano sempre . Fortunati noi che abbiamo questi ricordi ---** --- Gianna

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: Mecroarco on Saturday, 14 April 2018 @ 18:26
    Poesia che scalda il cuore, non c'è che dire. Credo che sia una delle più belle descrizioni sintetiche dell'ambiente famigliare in ogni piccolo aspetto. Una poesia che sa di ricordi personali ma che riesce anche a dare un'immagine universalmente condivisa. Sicuramente non è da tutti scrivere un componimento del genere dotato di un'ambientazione tenera, di un tema mai fuori moda e persino di una pregevole struttura circolare che gli conferisce un quid in più. Ottimo lavoro! Mecroarco

    [ ]

    Surrùscu matinièru
    Contributo di: FrancescoSanchez on Wednesday, 18 April 2018 @ 21:38
    Come PattiS. ma ben scritta e arriva.

    Ciao, F-

    ---
    Francesco Sanchez

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2018 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.