club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Sunday, 23 September 2018 @ 16:13 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2670/1)
Racconti (1018/0)
Saggi (12/0)

Clubpoeti.it sostiene la coscienza degli animali  

Eventi  
Eventi nel sito

Saturday 03-Feb -
Sunday 30-Sep
  • Premio Letterario Città di Melegnano 2018

  • Monday 12-Mar -
    Tuesday 30-Oct
  • Premio di Poesia Ottavio Nipoti - Ferrera Erbognone 2018

  • Wednesday 28-Mar -
    Friday 30-Nov
  • Premio Il Club degli autori 2018-2019 Trofeo Umberto Montefameglio

  • Sunday 01-Apr -
    Sunday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2019
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    Nessun nuovo contributo

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • ottimo direi  [+6]
  • A cosa stai pensando [+5]
  • La saliva [+4]
  • Interpretazioni [+3]
  • Zamani [+3]
  • Esercizio di lett... [+2]
  • Amore to go
  • Un sabato per noi... [+2]
  • Cocciopesto
  • Cervello obeso
  • cose di poca impo...

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     il rumor-e la felicità   
     Wednesday, 07 March 2018 @ 14:30
     Leggi il profilo di: clair79
     Visualizzazioni: 282

    Racconti





      il rumor-e la felicità
      
      Nuvole a corte effuse tra dita, alti e bassi in modulazione di toni,
      il rumor della pioggia riprova i tam tam e, scienza a parte,
      parte la danza … 
      tutto è avverso  e sembra di cadere in un abisso, c’è sempre un’ancora che permette  cadute felici.
      Dopo il fragore il silenzio è,
      a volte,  una spalla su cui posare la testa, altre un sostegno qualunque,
      ché innalzino più, paura, le emozioni. 
      “Tutto è possibile ora” mi ripeto spesso, tutto può accadere e
      la felicità è a un passo, qualcosa che accade, che cade?
      È memento, ché la grande bellezza sta nascosta nelle cose che cadono,
      accadono e nessuno nota e ,  spesso tralascia. 
      Saranno le stelle, sarà ancora la pioggia, con loro non osare
      sdegno, esperte in cadute e ricadute, semplicemente non 
      sanno ascendere.
      Se cadono le prime c’è chi aspetta le seconde … 
      è “per non piangere da solo…” come canta il buon Faber.
      Per sentirsi felici sotto un ombrello a Broadway e non solo,
      diremmo noi esseri volubili,  balliamo perché le paure non nascono dalle ombre
      né da i detti o dalle leggende,
      scaturiscono dai fatti, detti e contraddetti.
      A volte,  esse schizzano da un colore,  da un tono che le distingue e che insieme l’estingue.
      L’ansia è nostra amica da sempre. In coro a dire “va tutto bene”,
      che non è niente, a banalizzare il buio che va oltre la nostra pelle.
      Siamo identità divise riunite che, ricomposte dopo lunghe ostilità, 
      rivelano  scene senza declinare le generalità
      -il dove e il come, l’unica certezza è che dal cielo, a cicli stagionali,
      cadono bombe, sempre più complesse, più intelligenti e letali. 



     



    il rumor-e la felicità | 3 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    il rumor-e la felicità
    Contributo di: Ganimede on Sunday, 11 March 2018 @ 16:07
    La felicità non risiede negli eventi esterni a noi, essa è una condizione mentale che nasce o muore dentro di noi; si dice anche che essa è una scelta e non una conseguenza, per questo, come dici tu, cade (come il frutto del pensiero maturo che la genera) e accade (come processo di maturazione dello stesso). Meglio se come conseguenza di qualche Blitzkrieg interiore periodica. Ciao Clair, sempre filosoficamente brava. --- Nadia Rizzardi ---"Cristo è ateo" Ivan Kramskoj.

    [ ]

    il rumor-e la felicità
    Contributo di: Sandro Moscardi on Sunday, 11 March 2018 @ 17:31
    La precarietà che noi ostinatamente cerchiamo di solidificare in certezza pensando che la cristallizzazione degli eventi diventi permanenza degli stessi mentre il loro cadere o decadere ci lascia sbigottiti o illusi Di possedere un potere magico onnipotente fino al sopraggiungere con orrore della scomparsa della bacchetta magica dirigenziale, è essenziale alla stessa possibilità di esistere. Gli stati hanno senso se confinati in opposizione speculari e contrapposte. Ottima lettura. Ciao Sandro

    [ ]

    il rumor-e la felicità
    Contributo di: spiarmy on Wednesday, 14 March 2018 @ 19:17
    Versificata così, si fa leggere come poesia e, comunque, l'ho sentita poesia. Molto bella.

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2018 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.