Zinzilulare

Wednesday, 07 March 2018 @ 11:30

Leggi il profilo di: ablablabla



Zinzilulare



Ukiyoe range assoluto rinvenire rinverdire uno strano rapporto di somiglianza
lontano vicino al mare effetto sfumato bianco fragrante costruzione
armonica all’inchiostro nero. Ossi di prugna l’importanza delle
piccole cose la diversità del pero (però) l’innata contingenza formale
relegata nodo nodo intagliata a freddo. Qui nuota amniotica la stringa verace
il bicchiere mezzo vuoto ammiccante. Qui sbocca dall’unica vena disposta a
tutto una lava iridescente di sangue che scioglie la brace più dura.
Ma risponde accorata l’ombra muschiata che per un giorno eterno
fu luce alla luce (che ti sfiora) vento nel vento (che non ti piega)
tempo al tempo per ogni inutile distratto pensiero cera persa lungo il sentiero
. Basta pensarlo l’amore affidarsi alle sveglie correnti oscure che non dormono mai
e mai chiudono le ali. Girato l’angolo deve essere accaduto qualcosa era brutto tempo faceva freddo.
Mi è venuto da ridere ricordo distintamente il suo stupore
gli occhi desti ma sinistri senza nemmeno un leggero strabismo di Venere
. L’asino raglia il cavallo si intristisce e mentre l’aglio sfrigge il grillo non la finisce.
No è che certe volte è meglio affiDarsi che sfibrArsi.


15 Commenti



http://vetrina.clubpoeti.it/article.php?story=20180306193059173