A ogne anema pigliata da ll’ammore (traduzione da Dante Alighieri)

Thursday, 11 January 2018 @ 12:00

Leggi il profilo di: Dacar

Questa è la traduzione in dialetto napoletano del sonetto di Dante Alighieri: A ciascun’alma presa e gentil core. Buona lettura.

A ogne anema pigliata da ll’ammore
e a ogne ccore ggentile ca è despuosto 1(1)
ca denante ce vene ’stu sunetto,
pecché cu ‘e rrime soie po me risponne
tenenno cunto d’’e penziere suoie, 3 (1)
ce manno ’nu saluto a lu signore
ca dinto fa guvierno, e ddico Ammore. 4
Già stevemo ’e ’nu poco ’int’â quart’ora
d’’o tiempo, ca ogne stella luce ncielo,
quanno ll’Ammore nzicco m’apparette
dint’a ’nu suonno, cu n’apparescenza 8
ca allicurdala ancora m’appaura. 8 (1)
Allero mme pareva Ammore, e mmana
teneva ’o core mio, e dint’ê bbracce
dommena mia teneva arravugliata 11
pe dint’a ’na cuperta ca durmeva. 11 (1)
Doppo ’a scetava e ’o core mio arzolente
cu omeletate a essa temmorosa
comme a ‘na nenna deva pe ccivanza.13 (1)
E doppo se ne jeva lacremanno.14

A ciascun’alma presa e gentil core
nel cui cospecto ven lo dir presente,
in ciò che mi riscriva ‘n suo parvente,
salute in lor segnor, cioè Amore. 4
Già eran quasi che aterzate l’ore
del tempo, che omne stella n’è lucente,
quando m’apparve Amor subitamente,
cui essenza membrar mi dà orrore. 8
Allegro mi sembrava Amor tenendo
meo core in mano, e nelle braccia avea
madonna involta in un drappo dormendo. 11
Poi la svegliava, e d’esto core ardendo
lei paventosa umilmente pascea.
Apresso gir lo ne vedea piangendo. 14

11 Commenti



http://vetrina.clubpoeti.it/article.php?story=20180109201235468