club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Sunday, 23 September 2018 @ 15:45 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2670/1)
Racconti (1018/0)
Saggi (12/0)

Clubpoeti.it sostiene la coscienza degli animali  

Eventi  
Eventi nel sito

Saturday 03-Feb -
Sunday 30-Sep
  • Premio Letterario Città di Melegnano 2018

  • Monday 12-Mar -
    Tuesday 30-Oct
  • Premio di Poesia Ottavio Nipoti - Ferrera Erbognone 2018

  • Wednesday 28-Mar -
    Friday 30-Nov
  • Premio Il Club degli autori 2018-2019 Trofeo Umberto Montefameglio

  • Sunday 01-Apr -
    Sunday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2019
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    Nessun nuovo contributo

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • ottimo direi  [+6]
  • A cosa stai pensando [+5]
  • La saliva [+4]
  • Interpretazioni [+3]
  • Zamani [+3]
  • Esercizio di lett... [+2]
  • Amore to go
  • Un sabato per noi... [+2]
  • Cocciopesto
  • Cervello obeso
  • cose di poca impo...

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     A ogne anema pigliata da ll’ammore (traduzione da Dante Alighieri)   
     Thursday, 11 January 2018 @ 12:00
     Leggi il profilo di: Dacar
     Visualizzazioni: 392

    Poesie

    Questa è la traduzione in dialetto napoletano del sonetto di Dante Alighieri: A ciascun’alma presa e gentil core. Buona lettura.

    A ogne anema pigliata da ll’ammore
    e a ogne ccore ggentile ca è despuosto 1(1)
    ca denante ce vene ’stu sunetto,
    pecché cu ‘e rrime soie po me risponne
    tenenno cunto d’’e penziere suoie, 3 (1)
    ce manno ’nu saluto a lu signore
    ca dinto fa guvierno, e ddico Ammore. 4
    Già stevemo ’e ’nu poco ’int’â quart’ora
    d’’o tiempo, ca ogne stella luce ncielo,
    quanno ll’Ammore nzicco m’apparette
    dint’a ’nu suonno, cu n’apparescenza 8
    ca allicurdala ancora m’appaura. 8 (1)
    Allero mme pareva Ammore, e mmana
    teneva ’o core mio, e dint’ê bbracce
    dommena mia teneva arravugliata 11
    pe dint’a ’na cuperta ca durmeva. 11 (1)
    Doppo ’a scetava e ’o core mio arzolente
    cu omeletate a essa temmorosa
    comme a ‘na nenna deva pe ccivanza.13 (1)
    E doppo se ne jeva lacremanno.14

    A ciascun’alma presa e gentil core
    nel cui cospecto ven lo dir presente,
    in ciò che mi riscriva ‘n suo parvente,
    salute in lor segnor, cioè Amore. 4
    Già eran quasi che aterzate l’ore
    del tempo, che omne stella n’è lucente,
    quando m’apparve Amor subitamente,
    cui essenza membrar mi dà orrore. 8
    Allegro mi sembrava Amor tenendo
    meo core in mano, e nelle braccia avea
    madonna involta in un drappo dormendo. 11
    Poi la svegliava, e d’esto core ardendo
    lei paventosa umilmente pascea.
    Apresso gir lo ne vedea piangendo. 14

     



    A ogne anema pigliata da ll’ammore (traduzione da Dante Alighieri) | 11 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    A ogne anema pigliata da ll’ammore (traduzione da Dante Alighieri)
    Contributo di: jane on Thursday, 11 January 2018 @ 12:11
    Quando la poesia è poesia come la traduci è sempre bella bella ed in dialetto napoletano poi rende tanto. Delizia. --- Stridono le poesie sciocche prive di senso. Se state accordando gli strumenti chiudetevi in camera, noi vogliamo la musica.

    [ ]

    A ogne anema pigliata da ll’ammore (traduzione da Dante Alighieri)
    Contributo di: dario moletti on Thursday, 11 January 2018 @ 16:19
    sarà? se la scrivessi in patuà quanto capiresti? di sicuro nulla /io non sopporto quelli che pensano che il loro dialetto deve essere per forza il pranzo degli altri/

    [ ]

    A ogne anema pigliata da ll’ammore (traduzione da Dante Alighieri)
    Contributo di: Carmen on Thursday, 11 January 2018 @ 17:02
    Non mi piace lo stile di questa traduzione, anche se hai avuto una bella idea.

    A Dario:
    la lingua partenopea è stata proclamata patrimonio dell' UNESCO, e vai ad informarti sulle ragioni della cosa.
    Basti solo pensare alla canzone classica napoletana, la sola che in un dialetto non comprensibile ai non campani, ha varcato i confini nazionali dall'800 in poi.
    Non puoi paragonare il tuo dialetto alla gloriosa armonia di quello napoletano! Sarebbe come paragonare la nebbia padana alle amene sporgenze della costiera amalfitana, a strapiombo sul mare.
    Certo, non è facile da accettare, ma si tratta di un dialetto musicale, amaro e dolce, pieno di pathos e di storiche influenze, un dialetto che è vera e propria lingua, per la sua complessità, quand' anche volgare ( nell' accezione di appartenente al volgo che gli dà anima e sangue).

    Caro Dario, non puoi capire.
    Al di là di quanto qui da me espresso, sta poesia dantesca, anche nella tua traduzione, non mi dice nulla.



    ---
    Tutto ciò che è assoluto appartiene alla patologia.

    Friedrich Nietzsche

    [ ]

    A ogne anema pigliata da ll’ammore (traduzione da Dante Alighieri)
    Contributo di: zio-silen on Thursday, 11 January 2018 @ 17:49
    I dialetti sono ricchezza collettiva: radici culturali d'ambito locale che contribuiscono a nutrire un popolo nella diversità. L'idioma dei padri è patrimonio della memoria che deve essere preservato e promosso... anche attraverso la generosa ospitalità del Club dei Poeti. Detto questo, nel ribadire che non c'è obbligo di lettura e commento per i componimenti pubblicati (in lingua o in vernacolo), esprimo tutto il mio sincero apprezzamento . --- zio-silen

    [ ]

    A ogne anema pigliata da ll’ammore (traduzione da Dante Alighieri)
    Contributo di: clair79 on Friday, 12 January 2018 @ 09:04
    di apprezzamento per l'opera di una vita. --- «... Speriamo piova, la stampa se ne accorga e voglia darne la notizia, triste.»

    [ ]

    A ogne anema pigliata da ll’ammore (traduzione da Dante Alighieri)
    Contributo di: scoriaindustrial on Friday, 12 January 2018 @ 19:14
    ma perchééé ....perché non scrivi una poesiaaaaaa tua, magari in italiano :NONOSO --- "Scopavamo l'amore nella stanza e la polvere ci respirava fino a soffocare" - scoriandustrial -

    [ ]

    A ogne anema pigliata da ll’ammore (traduzione da Dante Alighieri)
    Contributo di: Lorens on Saturday, 13 January 2018 @ 13:38
    ... rispetto profondo per i dialetti in generale condividendo
    l'osservazione di Carmen per quello napoletano ...

    La poesia? Una stimolante traduzione quale prova
    interpretativa di assonanza in piena armonia musical campana.

    ciao
    Lorens

    ---
    Lorens

    [ ]

    A ogne anema pigliata da ll’ammore (traduzione da Dante Alighieri)
    Contributo di: A.Sal.One on Sunday, 14 January 2018 @ 13:31

    Bentornato Carlo.

    Senti, un consiglio
    (se non ti dispiace):
    ti sarai accorto gia`
    che ora abbiamo una
    sezione Saggi, ecco,
    magari con qualche
    piccola spiegazione
    in piu`, con un paio
    di poesie e relative
    traduzioni in Napoletano
    e Italiano moderno, la
    prossima volta ne potrai
    fare un saggio.

    So che puoi farcela
    anche tu: chi'ssi` uoaglione.

    ---
    Un Sal.uto

    [ ]

    A ogne anema pigliata da ll’ammore (traduzione da Dante Alighieri)
    Contributo di: ablablabla on Monday, 22 January 2018 @ 20:55
    
    
    Grande Dacar bravissimo.
    
    
    

    [ ]

    A ogne anema pigliata da ll’ammore (traduzione da Dante Alighieri)
    Contributo di: minosse on Tuesday, 23 January 2018 @ 03:28
    a Napoli --- ***mynosse***

    [ ]

    A ogne anema pigliata da ll’ammore (traduzione da Dante Alighieri)
    Contributo di: rita iacomino on Wednesday, 24 January 2018 @ 20:17
    Adoro i dialetti, quindi ...fantastica!
    Ciao
    Rita

    ---


    rita iacomino ---

    www.ritaiacomino.weebly.com



    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2018 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.