Uora uora arrivÓu 'u ferribotti

Tuesday, 05 December 2017 @ 11:15

Leggi il profilo di: zio-silen


Rosi 'i Natali, un tarý
tri mazzi. AddÓuru spinusu
ntra li vrazza. AggramignÓru
'u greggi ˛ pastureddu. Si nni fuýu
lu voi cu sciccareddu. Sgriddatu
l'occhiu santu, 'u Picciriddu
talýa lu munnu.

Beppe Ŕ furib¨nnu chi curtigghiÓri
'n chiazza a ciuciuliÓri. Lu pittirrussu
'un voli cantari. Mariuzza, matri
figghi˛la spiciali, 'u pugnu grapi:
muddichŔddi e sali.

Stral¨ci 'u celu, l'¨mmira
s'avanza: zampugna, acqua frisca
ammara-panza. La nivi janca,
linna ri piccati, arr¨ssica
ri passi scunsulati.


___________________.
VERSIONE PER I NON SICULI

╚ arrivato il ferry-boat
Canto natalizio di una palermitana disoccupata
a Milano

Rose di Natale, un soldo
tre mazzi. Le spine d'agrifoglio
sulle braccia. Hanno rubato
il gregge al pastorello. Se n'Ŕ scappato
il bue con l'asinello. Sgranato
l'occhio santo, il Frugoletto
osserva il mondo.

Beppe Ŕ furibondo coi linguacciuti
in piazza a sussurrare. Il pettirosso
non vuole cantare. Mariuccia, madre
figliola speciale, dischiude il pugno:
mollichine e sale.

Riluce il cielo, l'ombra in terra
avanza: zampogna, acqua fresca
"ammara-panza"*. La neve bianca,
linda di peccati, imporpora
di passi sconsolati.



*"Ammara-panza": cibi scadenti, atti comunque a riempire la pancia.



21 Commenti



http://vetrina.clubpoeti.it/article.php?story=20171205092332599