club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Friday, 15 December 2017 @ 16:46 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2666/0)
Racconti (1020/0)
Saggi (7/0)

Clubpoeti.it sostiene la coscienza degli animali  

Eventi  
Eventi nel sito

Thursday 22-Jun -
Saturday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2018

  • Friday 23-Jun -
    Tuesday 30-Jan
  • Premio Il Club dei Poeti 2018

  • Wednesday 28-Jun -
    Monday 30-Apr
  • Premio Letterario Marguerite Yourcenar 2018
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    1 Contributo nelle ultime 24 ore

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Spifferi
  • d'amore so [+5]
  • Sai [+2]
  • Essenza [+3]
  • Zen zero
  • è  NATO [+2]
  • Il freddo di fine... [+2]
  • La gara [+3]
  • Maschere
  • Il miraggio in fo... [+2]
  • Come una nuvola

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     osso di mela   
     Friday, 13 October 2017 @ 10:00
     Leggi il profilo di: dragonero
     Visualizzazioni: 504

    Poesie

    OSSO DI MELA
    Esposta la mano nel gesto carnale
    ricama il piacere lo scheletro nudo della veste
    sull’orlo strappato
    orgasmo per l’ago,
    dito sporco di peccato in gola
    sono piccola e bagnata come l’osso umido di mela
    mio benedetto fiore
    perché mi senti viva se con te sono già morta un giorno
    occhio gravido di gatta
    così straniera, tremolante povertà
    che mi scavai la fossa
    sotto la palpebra truccata di uno scandaloso sguardo
    conserva solo un pezzo del mio corpo a rivelarmi donna
    per ridere dell’abito indossato
    come quel giorno seppi farmi tomba
    lasciando ogni impronta a scivolare
    corpo nel corpo
    inesatto il desiderio del silenzio
    eppure mi dicesti " ogni parola è muta dentro la tua bocca"
    (f)

     



    osso di mela | 16 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    osso di mela
    Contributo di: Carmen on Friday, 13 October 2017 @ 12:55
    Eliminando con un taglio netto e deciso i seguenti versi: "Esposta la mano nel gesto carnale ricama il piacere lo scheletro nudo della veste sull’orlo strappato orgasmo per l’ago, dito sporco di peccato in gola" che mi suona assai forzata e fastidiosa, la parte seguente mi è piaciuta. La parte che preferisco: "lasciando ogni impronta a scivolare corpo nel corpo inesatto il desiderio del silenzio "ogni parola è muta dentro la tua bocca" ---

    [ ]

    osso di mela
    Contributo di: jane on Friday, 13 October 2017 @ 13:56
    Che sia scritta bene eh sì lo è. Anche se sono d'accordo con Carmen su alcuni versi da eliminare.
    Tuttavia mi lascia addosso un non so che di scabroso di inquieto, di lebbroso, sa di Convento. Dalla masturbazione della monaca di Monza all'incontro col nero prelato! Mentre la ricamatrice lavora tra un segreto ed un sagrato. Avvincente!

    ---
    ALIBIRE non è un errore ma un nuovo verbo o licenza poetica per dire:
    - creare un alibi.
    Non lasciamo la poesia nei limitati spazi della prof!

    [ ]

    osso di mela
    Contributo di: epitteto on Friday, 13 October 2017 @ 15:43
    Pienamente d'accordo con Carmen di sopra.
    Eliminando però tutto l'insieme.
    Per una pulizia radicale.
    Epitteto

    [ ]

    osso di mela
    Contributo di: cordaccia on Friday, 13 October 2017 @ 23:12
    un testo ostico, dark in cui
    è sottile il confine fra
    vittima e carnefice.
    Una sorta di simbiosi in cui
    però la malattia
    (anoressia?) o la droga
    predominano.
    C'è una sorta di abbandono
    voluto, annichilente e per
    questo mi suona sinistro.
    Così mi piace leggerla.
    Molto particolare.

    ciao :)

    p. s.

    Osso ti MEna

    TroLL Osso
    dA DiccotecA
    scarPetta
    cUaRANtOTTo,
    paceRe MiO.


    [ ]

    osso di mela
    Contributo di: trimacassi on Saturday, 14 October 2017 @ 19:01
    Ostica- scabrosa- dark- scritta bene ?, ed io dico contorta,
    dicendo e non dicendo, lasciando che non si possa dire bene.
    Sembra fare di tutto per non farla capire, a mò della
    tendenza attuale che predilige più l'ambiguità.
    Mio parere, neh!

    ---
    trimacassi



    [ ]

    osso di mela
    Contributo di: Anais on Saturday, 14 October 2017 @ 22:27
    Si presta a più interpretazioni, mi ricorda vagamente Sylvia Plath, e Anne Sexton,
    quella disperazione, un dolore senza rimedio.

    [ ]

    osso di mela
    Contributo di: tendre on Sunday, 15 October 2017 @ 10:05
    Come Carmen

    ---
    tendre

    [ ]

    osso di mela
    Contributo di: minosse on Monday, 16 October 2017 @ 05:55
    Intensa e carnosa, scritta bene, elegante. Forse solo un po' troppo ermetica, ma ciò comunque lascia tanto spazio alla suggestione. --- ***mynosse***

    [ ]

    osso di mela
    Contributo di: Elysa on Monday, 16 October 2017 @ 13:00
    per me è una poesia splendida, sono d'accordo con Minosse, è intensa e carnale e anche se di difficile interpretazione lascia spazio a tutto quello che ne scaturisce dalle parole e dalle suggestioni che sei capace di creare, molto bravo --- Elysa

    [ ]

    osso di mela
    Contributo di: scoriaindustrial on Monday, 16 October 2017 @ 19:04
    Carmen dixit. La metafora corporal-sartoriale non si lega
    al meglio col resto, anche se probabilmente voleva
    lasciar intendere i drammi di cui Cordaccia dice sopra.
    Potremmo anche parlare di una prostituta tossico-
    anoressica, magari. O magari i drammi sono solo
    "enfatizzati" al massimo metaforicamente per
    "drammatizzare" ulteriormente un tipico disagio di
    coppia, dalla parte femminile quando si sente
    "incompresa". Comunque sia è bello che lasci aperte
    diverse strade interpretative.
    Da "sono piccola e bagnata", invece, complice qualche
    altro taglio, sarebbe molto bella ed avrei detto "Sono
    piccola e bagnata come l'osso di mela", che in realtà si
    chiama "torsolo" in italiano :-), ma capisco magari per
    te suoni male! Invece per me sarebbe proprio la parola
    giusta e comunque sia, ti propongo un po' di pulizia, in
    questo senso, anche se come l'hai scritta tu, per
    intenderci, è bella uguale e rende nella sua cacofonia:

    Torsolo

    Sono piccola e bagnata
    torsolo di mela
    mio benedetto fiore
    mi senti viva con te
    sono già morta
    un giorno
    occhio gravido di gatta
    così straniera, tremolante povertà
    mi scavai la fossa sotto la palpebra
    truccata di uno sguardo scandaloso.
    Conservami così
    per ridere
    per rivelarmi donna
    lasciando ogni impronta
    scivolare
    corpo nel corpo.
    Eppure dicesti
    " ogni parola è muta dentro la tua bocca"
    (f)


    ---
    "Scopavamo l'amore nella stanza e la polvere ci respirava fino a soffocare" - scoriandustrial -

    [ ]

    osso di mela
    Contributo di: Ganimede on Monday, 16 October 2017 @ 23:09

    Ciao dragonero, una poesia in cui faccio un po’ più fatica ad entrare
    rispetto ad altre tue, per questa densità di immagini e concetti che lascia
    veramente pochi spiragli (ma non so come spiegarmi.... non volevo farne
    un problema di ermetismo, comunque) ma che del tuo stile porta un certo
    fascino, qui presentato con quel senso di innocenza perduta che può
    facilmente riuscire a intrigare il lettore.


    ---
    Nadia Rizzardi
    ---"Cristo è ateo" Ivan Kramskoj.

    [ ]

    osso di mela
    Contributo di: percefal on Tuesday, 17 October 2017 @ 17:41
    Struttura portante di polpa assente ... torsolo appassito avrebbe sviato il senso. Poesia asciutta, come nel tuo stile. --- «La figura del mio caos ha dimensione alcuna, punto.».

    [ ]

    osso di mela
    Contributo di: Donato Desiderat on Thursday, 19 October 2017 @ 17:33
    Una bella e violenta poesia. In effetti, c'è un sentimento di violenza subita
    che si nasconde nel passato. Mi piace molto com'è scritta. Ben cucita.

    [ ]

    osso di mela
    Contributo di: evaluna on Monday, 23 October 2017 @ 15:11
    Evocativa, inquietante --- Evaluna

    [ ]

    osso di mela
    Contributo di: Lorens on Monday, 30 October 2017 @ 12:53
    ... “La Saccenteria Film International“ è lieta di
    presentare :

    "All’Inseguimento della Poesia cripto paranoica”

    Lingua originale = Antipoetico Saccente
    Paese di produzione = Italia
    Anno = 2017
    Durata = media (quanto basta per demoralizzarsi)
    Colore = (guano di piccione in verde bottiglia)
    Audio = schiamazzo cianciante
    Rapporto = 2,35 : 1
    Genere = litania arrogante boriosa
    Regia = dragonero
    Soggetto = rompicapo a supercazzola
    Sceneggiatura = pomposamente ridotta a stupire
    Produttore = dragonero
    Casa di produzione = La Saccenteria Film International
    Distribuzione (Italia)= presso gli eremi di solitudine ed
    emarginazione
    Fotografia = visione fuori fuoco (impressive look)
    Montaggio = schizoide concatenazione versi e scene a caso
    Musiche = Paranoid (Black Sabbath)
    Scenografia = allestimento demenziale (cast alienato)
    Costumi = adamitici in folk atipico e psicopatico uso

    Voti?
    Non sparo sulla croce rossa …

    Ciao
    Lorens


    ---
    Lorens

    [ ]

    osso di mela
    Contributo di: federicosecondo on Thursday, 23 November 2017 @ 10:28
    Evocativa e inquietante dice evaluna. Anche per me.
    Apprezzata molto.

    ---
    Niente è più facile dello scrivere difficile - KARL POPPER -

    federicosecondo

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2017 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.