club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Friday, 15 December 2017 @ 16:53 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2666/1)
Racconti (1020/0)
Saggi (7/0)

Clubpoeti.it sostiene la coscienza degli animali  

Eventi  
Eventi nel sito

Thursday 22-Jun -
Saturday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2018

  • Friday 23-Jun -
    Tuesday 30-Jan
  • Premio Il Club dei Poeti 2018

  • Wednesday 28-Jun -
    Monday 30-Apr
  • Premio Letterario Marguerite Yourcenar 2018
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    1 Contributo nelle ultime 24 ore

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Spifferi
  • d'amore so [+5]
  • Sai [+2]
  • Essenza [+3]
  • Zen zero
  • è  NATO [+2]
  • Il freddo di fine... [+2]
  • La gara [+3]
  • Maschere
  • Il miraggio in fo... [+2]
  • Come una nuvola

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Finisce la batteria   
     Thursday, 05 October 2017 @ 17:15
     Leggi il profilo di: Paolo_C
     Visualizzazioni: 440

    Poesie

    Finisce la batteria:
    non mi basterà
    a scrivere di te
    o della tua passione
    perché quando il tempo non manca
    non c’è nulla che si possa dire
    che non rincorra
    il vortice d’affanno della mia
    inconcludenza.

    Santa immagine lenta
    dell’impazienza:
    alle mie dimenticanze attendi.
    Ai miei vuoti di te,
    ché vuota è l’esistenza
    di una parte
    che tu colmi.

    Per un verso desidero
    si faccia liquida la pena,
    un coagulo sia la mia anima
    e si racchiuda semplice ed inerme
    nel peso della materia.

     



    Finisce la batteria | 14 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Finisce la batteria
    Contributo di: epitteto on Friday, 06 October 2017 @ 18:14
    Talora mi piange il cuore a commentare: vorrei mentire, ma
    una forza oscura me lo impedisce.
    Che mai dire nella fattispecie?
    Un testo spigoloso, per certi versi strambo, nebuloso quel
    tanto da renderlo indigesto.
    Comunque sembrerebbe il solito lamento amoroso paludato di
    ricercata eccezionalita'.
    Epitteto

    [ ]

    Finisce la batteria
    Contributo di: Carmen on Friday, 06 October 2017 @ 20:28
    L'incipit " finisce la batteria" è brutto assai.

    L' ultima strofa fa percepire una forzatura, quel volere liquida la pena e quel coagulo....sono immagini che, se non ci fossero, la poesia ne guadagnerebbe in scioltezza, se non proprio in estemporaneità (che, devo dire, manca proprio).

    Nel complesso, escluse le parti che ho summenzionato, mi piace.

    ---

    [ ]

    Finisce la batteria
    Contributo di: trimacassi on Friday, 06 October 2017 @ 21:47
    Posto l'argomento trattato, si sarebbe potuto esplicitare,
    secondo me, in modo più scorrevole e lineare, senza le
    forzature e la ricerca di vocaboli artificiosi, che portano
    inevitabilmente alla perdita di semplicità e armonia

    Un saluto

    ---
    trimacassi



    [ ]

    Finisce la batteria
    Contributo di: scoriaindustrial on Sunday, 08 October 2017 @ 09:28
    Non basterà scrivere di te
    della tua passione
    niente che si possa dire
    della mia inconcludenza.

    Immagine lenta dell’impazienza
    alle mie dimenticanze attendi.
    Ai miei vuoti di te,
    ché vuota è l’esistenza
    di una parte
    che tu colmi.

    Per un verso desidero
    si faccia liquida la pena,
    un coagulo sia la mia anima
    e si racchiuda semplice ed inerme
    nel peso della materia.

    ---
    "Scopavamo l'amore nella stanza e la polvere ci respirava fino a soffocare" - scoriandustrial -

    [ ]

    Finisce la batteria
    Contributo di: Ganimede on Sunday, 08 October 2017 @ 18:48
    Ciao Paolo, mi sembra che scoria risolva bene il leggero groviglio della
    prima strofa: un piccolo intervento non stravolgente, di cui si avvantaggia
    quella che già di base era la mia parte preferita.
    A rileggerla, comunque, non mi dispiace nemmeno l’ultima; ho provato
    anche l’effetto togliendo “semplice” e ovviamente la
    congiunzione a seguire (non so... un fatto di scorrevolezza, forse) e così la
    preferisco.
    Il messaggio mi arriva in un misto di ansia di fare e volontà di abbandono
    all’inerzia; la prima legata alla voglia di trovare appagamento e
    soddisfazione dalle scelte che si fanno relativamente al modo di far fruttate
    il proprio tempo disponibile; la seconda per la stanchezza dovuta ad un
    libero arbitrio che spesso ci fa sentire il peso della responsabilità e della
    colpa, più che liberare.
    Ovviamente ognuno vede e interpreta dall’angolazione delle proprie
    paranoie :-)
    Ciao camuno

    ---
    Nadia Rizzardi
    ---"Cristo è ateo" Ivan Kramskoj.

    [ ]

    Finisce la batteria
    Contributo di: cordaccia on Sunday, 08 October 2017 @ 19:53
    l'incedere dei periodi è
    macchinoso (soprattutto
    nella prima strofa).
    Basterebbe alleggerire per
    rendere il testo più
    lineare.
    Parli forse dei rapporti a
    distanza, spesso succubi di
    fine_credito, batterie out e
    vuoti a perdere.
    Bene.

    ciao Paolo :)

    [ ]

    Finisce la batteria
    Contributo di: Titta on Monday, 09 October 2017 @ 12:59
    A me l'incipit così com'è non dispiace affatto. Ma prediligo la seconda strofa che, a mio parere, è decisiva per concretizzare questa confidenza sincera e appassionata. --- Titta

    [ ]

    Finisce la batteria
    Contributo di: Paolo_C on Wednesday, 11 October 2017 @ 00:40
    Ciao, mi sembra che tu abbia saputo cogliere al meglio quell'urgenza dello scrivere, la nascita del verso che vive dell'incertezza, della precarietà, si alimenta di risorse scarse e le assimila poichè non ci sarà un dopo. Del resto "pensare la poesia" spesso non porta a nulla: manca l'affanno dell'ispirazione, ci si crogiola per due parole, si rimanda, si riprende...si cancella. Ecco, questa è l'inconcludenza! Per questo la strofa arranca!!! Perchè gira e non dice, o dice con fatica, in un vortice di negazioni per definire in maniera inconcludente...l'inconcludenza. E per un solo verso accetti il dolore dolce, che scorre nelle vene e apre le porte alla poesia. Così una parte della tua anima vivrà in quel verso e vivrà nel tempo come materia, carta, inchiostro, elettrone. Io l'ho vissuta così. Spero di assermi avvicinato a quanto volevi esprimere, ma se così non fosse la trovo comunque una bellissima poesia. Grazie e a rileggerti! Me Stesso --- Paolo C.

    [ ]

    Finisce la batteria
    Contributo di: A.Sal.One on Wednesday, 11 October 2017 @ 02:04

    Sono d'accordo con Paolo_C

    ---
    a' scutulasti
    'a tuvagghia?

    [ ]

    Finisce la batteria
    Contributo di: Donato Desiderat on Thursday, 12 October 2017 @ 09:31
    Bella la chiusa nel peso illusorio della materia

    [ ]

    Finisce la batteria
    Contributo di: Elysa on Thursday, 12 October 2017 @ 14:38
    bellissima per me...convengo con Paolo c. :-)) che ti ha fatto un commento direi approfondito, sembra quasi che sia lui ad aver scritto la poesia! --- Elysa

    [ ]

    Finisce la batteria
    Contributo di: maria bellanti on Thursday, 12 October 2017 @ 20:54
    A volte l'autocommento chiarisce tutto. --- Vivere è ricominciare sempre(C.Pavese)

    [ ]

    Finisce la batteria
    Contributo di: minosse on Sunday, 29 October 2017 @ 06:37
    beh, visto che la poesia di Paolo C. è così tanto piaciuta a paolo C... che dire? non sarò certo io a raffreddare questo tenero idillio.

    ---
    ***mynosse***

    [ ]

    Finisce la batteria
    Contributo di: Lorens on Monday, 30 October 2017 @ 13:48
    ... concordo con Minosse che mi precede: se la poesia è così
    piaciuta all'autore ... che mai dire di più?

    Per non impantanarmi nell'orrido, allego di seguito la
    solita locandina.

    ... “La Saccenteria Film International“ è lieta di
    presentare :

    "All’Inseguimento della Poesia cripto paranoica”

    Lingua originale = Antipoetico Saccente
    Paese di produzione = Italia
    Anno = 2017
    Durata = media (quanto basta per demoralizzarsi)
    Colore = (guano di piccione in verde bottiglia)
    Audio = schiamazzo cianciante
    Rapporto = 2,35 : 1
    Genere = litania arrogante boriosa
    Regia =
    Soggetto = rompicapo a supercazzola
    Sceneggiatura = pomposamente ridotta a stupire
    Produttore =
    Casa di produzione = La Saccenteria Film International
    Distribuzione (Italia)= presso gli eremi di solitudine ed
    emarginazione
    Fotografia = visione fuori fuoco (impressive look)
    Montaggio = schizoide concatenazione versi e scene a caso
    Musiche = Paranoid (Black Sabbath)
    Scenografia = allestimento demenziale (cast alienato)
    Costumi = adamitici in folk atipico e psicopatico uso

    Voti?
    Non sparo sulla croce rossa …

    Ciao
    Lorens



    ---
    Lorens

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2017 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.