club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Tuesday, 17 October 2017 @ 15:12 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2662/0)
Racconti (1020/0)
Saggi (7/0)

Clubpoeti.it sostiene la coscienza degli animali  

Eventi  
Eventi nel sito

Sunday 04-Jun -
Monday 30-Oct
  • Premio di Poesia Ottavio Nipoti - Ferrera Erbognone 2017

  • Tuesday 20-Jun -
    Thursday 30-Nov
  • Premio Il Club degli autori 2017-2018 Trofeo Umberto Montefameglio

  • Thursday 22-Jun -
    Saturday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2018

  • Friday 23-Jun -
    Tuesday 30-Jan
  • Premio Il Club dei Poeti 2018

  • Wednesday 28-Jun -
    Monday 30-Apr
  • Premio Letterario Marguerite Yourcenar 2018
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    Nessun nuovo contributo

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • blackout [+7]
  • come fiaba [+4]
  • Il falò [+4]
  • osso di mela [+4]
  • Pioggia d'estate
  • Today at 1:50 AM [+4]
  • Il verde della mela [+2]
  • L'orologio d'argento
  • Collezionista di  [+3]

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Aspra e dolce   
     Friday, 22 September 2017 @ 09:30
     Leggi il profilo di: federicosecondo
     Visualizzazioni: 449

    Poesie

    Questa casa
    è un divano letto
    dalla cucina bianca
    l’armadio uguale
    e, a poppa, un terrazzo
    come fosse il cassero
    con la sua candela di navigazione
    sempre accesa.

    E’ una caffettiera da due, sul fuoco,
    occhi di pesci, gonfi al mattino,
    che mirano il mare dal fondo del mare
    e un sorriso di brezza, a sera,
    tra sbuffi di salinità e amori corsari.

    E non ha nemmeno una poltrona,
    questa casa, dove sedersi
    per ammirare un buco di luna bianca
    nel cielo di vertigine
    che ci puoi anche cadere dentro
    se non trattieni le stelle per la gomena
    sulla riva dei Capriccioli.

    Questa casa è piccola piccola
    quanto due tette grandi
    ma meno di un bacio ruvido
    come il muro che la sorregge
    e ti screpola la pelle arsa dal sole.

    E quando sbarchi e respiri l’aria
    intrisa di salsedine e mirto
    orgogliosa dici - mi sento a casa -
    in una terra aspra e dolce
    con l’immacolata solitudine
    di profili favoleggianti di rocce
    dai nomi impossibili.

     



    Aspra e dolce | 26 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Aspra e dolce
    Contributo di: scoriaindustrial on Friday, 22 September 2017 @ 09:37
    Mi è piaciuta nella sbarazzina contrapposizione metaforica che lascia l'amaro in bocca nelle post-riflessioni. Anche se non avessi parlato di Capriccioli avrei pensato ad una casa vacanze in Sardegna, ma in quella ancora più vera e aspra! --- "Scopavamo l'amore nella stanza e la polvere ci respirava fino a soffocare" - scoriandustrial -

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: Elysa on Friday, 22 September 2017 @ 11:01
    questa la adoro! Davvero bravo Fede, splendida, leggendo ho visto la casa, il mare, le rocce e ho sentito i profumi. Complimenti! --- Elysa

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: maria bellanti on Friday, 22 September 2017 @ 11:31
    Stavolta è sì incondizionato. Quando la poesia c' è, non ci sono né se né ma che mi impediscano di stellare: BELLA: --- Vivere è ricominciare sempre(C.Pavese)

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: dario moletti on Friday, 22 September 2017 @ 11:57
    bellissima

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: Donato Desiderat on Friday, 22 September 2017 @ 12:14
    Un ottimo testo, scritto con cura e capacità. Molto bello leggerlo

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: Titta on Friday, 22 September 2017 @ 12:50
    Un tono amabile in questi versi che appassionano nella loro luminosa semplicità ! Par di vederlo questo nido che accoglie e dona un quotidiano in grado di rinnovarsi. Bravissimo per me. --- Titta

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: franca canapini on Friday, 22 September 2017 @ 13:06
    franca

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: jane on Friday, 22 September 2017 @ 14:36
    L'amore, la casa ed il mare si fondono in un tutt'uno splendideggiante caloroso verseggiare spontaneo e mediterraneo. Deve essere piacevole vivere così. La poesia così strutturata e definita nei suoi elementi marinari e dei suoi aggettivi identificativi semplici ma veraci è paragonabile ad un superlativo e raffinato piatto di pesce appena pescato. Un classico Divino apprezzabile. --- ALIBIRE non è un errore ma un nuovo verbo o licenza poetica per dire: - creare un alibi. Non lasciamo la poesia nei limitati spazi della prof!

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: zio-silen on Friday, 22 September 2017 @ 14:58
    Conforta cotanto entusiasmo tra i critical. Sarà l'effetto dell'equinozio d'atunno posticipato?

    Mi lascia perplesso il taglio dei versi, specialmente nella prima strofa, e qualche ridondanza descrittiva. Talvolta il non detto aiuta l'immedesimazione del lettore.

    Gradevole nel complesso.

    Ciao

    ---
    zio-silen

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: trimacassi on Friday, 22 September 2017 @ 14:59
    --- trimacassi

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: A.Sal.One on Friday, 22 September 2017 @ 16:08

    E` una di quelle poesie
    dove si nota che il piacere
    di averla scritta e` tanto
    quanto il piacere di averla
    letta (senza poi contare il
    piacere di offrirla alla
    lettura).

    Stelle.

    ---
    a' scutulasti
    'a tuvagghia?

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: cordaccia on Friday, 22 September 2017 @ 19:56
    le prime due strofe, pur
    palesamente di maniera, sono
    accettabili.
    Il resto ha un altro
    registro di scrittura,
    peggiore e continua una
    superflua descrizione della
    casa. Che sia in via dei
    pazzi numero zero?
    "che ci puoi anche cadere
    dentro"? no, dài.

    ciao

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: Carmen on Friday, 22 September 2017 @ 20:23
    Davvero bella dall' inizio alla fine. Che bravo sei... Quali sono i nomi impossibili? --- Il sesso maschile è ciò che c'è di più leggero al mondo: un semplice pensiero lo solleva. Frédéric Dard

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: Ganimede on Friday, 22 September 2017 @ 21:14
    Intanto chiariamo che il mio giudizio sarebbe stato il medesimo a prescindere dal lavaggio del cervello che ho dovuto subire dal novantanove per cento dei commentatori :-)), detto ciò, sebbene ti potrei muovere una crtitichina o due, nel complesso le immagini che mi sono piaciute le sormontano ampiamente, perciò mi unisco al coro di sirene per dire evviva tutte le case e tutti i mari, specialmente quelli di acqua salata :-) (...o "piccante" come disse la mia nipotina duenne la prima volta che ebbe inavvertitamente a berne). Ciao --- Nadia Rizzardi ---"Cristo è ateo" Ivan Kramskoj.

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: Anais on Friday, 22 September 2017 @ 22:27
    Non riuscivo a decidermi a tornare a commentare, perché, devo dire la verità, non c'è una poesia in tutta questa pagina e forse anche nella seguente, che abbia catturato almeno in parte, o solo in minima parte, la mia attenzione, compresa questa,
    mi dispiace moltissimo, davvero.

    Sarò io ad essere inversa, non so.

    Un saluto.

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: Seeker on Saturday, 23 September 2017 @ 12:09

    Anais: come sei severa "prof". Ma bella però.

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: ablablabla on Saturday, 23 September 2017 @ 12:57
    Questa tua splendita poesia mi a fatto venire alla mente
    quella del mio trisavolo nano Gustavo:

    In questa casa piccina piccina c'è
    una donna piccina piccina
    che si amano alla follia.
    Tutto è sereno tutto è tranquillo
    scorre il ruscello canta l'uccello.
    Nell'orto piccino picciò cresce
    il pisello bruca l'agnello.
    Una capretta fa una puzzetta
    risponde il maiale scoppia il temporale.
    Certo potrei all'infinito raccontare
    ma è meglio a dormire continuare.

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: gricio on Saturday, 23 September 2017 @ 13:14
    quando leggo cose come "cielo di vertigine" mi viene l'orticaria - infatti non mi sento tanto bene :) - A parte questa piccolezza (parere del tutto personale) il resto della poesia è veramente molto bello. Complimenti . --- "parlare di musica è come ballare di architettura" (F.Zappa) http://gricio-gricio.blogspot.com/

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: minosse on Sunday, 24 September 2017 @ 07:32
    Il genio io lo vedo nell'essere eleganti e raffinati con il proprio autentico linguaggio, quello con cui "si mangia", quello della propria epoca e della propria cultura. La terapia dei paroloni è solo cinema, accanimento terapeutico su un corpo già freddo. Questo pezzo mi piace per questo, e per l'anima delle cose che contiene nella sua brezza leggera e semplice. Quattro stelle. --- ***mynosse***

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: PattiS. on Sunday, 24 September 2017 @ 10:45
    giù le mani dalla mia spiaggia! :-) che però si legge capricciòli.. carina l'assonanza
    con i capricci (per ogni capretta, un capriccio). Non mi dispiace la trasformazione
    della casa/nave qui esposta. Ci sono poi delle assonanze ad effetto comico forse
    volute (alcune) ed altre involontarie, tipo poppa/poppe, capriccioli/ capricci,
    tetto/tette a questo punto però, oramai che hai innescato questo giochetto
    mentale non ci si può esimere dal sorregge/ ... sc- ....
    eh beh...(nel senso della capra)

    ---
    Al personaggio resta l'avventura e resta da dire "ha cominciato a nevicare, capo" R. Bolano

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: epitteto on Sunday, 24 September 2017 @ 16:34
    L'accento sulla < ò > è d'obbligo, dice PattiS di sopra.
    Sperando di non prendere la solita cantonata, parrebbe trattarsi di un battello adibito a casa-vacanze.
    Dal quale godersi appieno e mare e costa.
    Nulla di che, ovviamente, ma il sogno di libertà di tanti marinai in pectore immersi nella bellezza dell'ambiente naturale.
    E con il pizzicorino < corsaro > di una Venere compiacente a bordo.
    Il tutto descritto con il solito lessico criptato come d'uso all'oggi.
    E tutto sommato passabile.
    Epitteto

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: gianna.curto on Sunday, 24 September 2017 @ 18:09
    Se Epitteto non interviene con dispregiativi vari e dice "passabile".....Vuol dire che è una bella poesia ---*** --- Gianna

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: tendre on Sunday, 24 September 2017 @ 19:41
    Bellissima davvero!!!

    ---
    tendre

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: Pale shelter on Sunday, 24 September 2017 @ 20:19
    Bella questa, bella atmosfera, davvero molto piacevole da
    leggere.

    Un saluto.

    Franco

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: indio on Monday, 25 September 2017 @ 10:46
    ...sì bella poesia
    piace molto anche a me

    con quella caffettiera da due
    a indicarne le dimensioni ...spettacolare.

    bravo

    e condivido il commento di scoriandustrial




    ---
    mitakuye oyasin

    indio

    [ ]

    Aspra e dolce
    Contributo di: Kenji on Monday, 25 September 2017 @ 12:57
    La tua migliore federico secondo me. Sei riuscito a
    mantenere un livello alto dall'inizio alla fine, cosa non
    facile man mano che si dilunga il testo e ci si
    incartapiccia nel dire, ma soprattutto nel voler dire.
    bravo

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2017 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.