L'autunno - Il vuoto

Monday, 11 September 2017 @ 14:30

Leggi il profilo di: flusso

Ti ho sentito entrare dalla finestra, entra pure!
Celesta ombra,
detergente,
fresca al naso
come i pavimenti di Domenica.

Ti ho riconosciuto subito, Autunno numero venticinque
vieni a posarti accanto a me nel mio letto,
guardiamo insieme il pomeriggio che passa.
Ormai abbiamo una certa confidenza.

Sai, ti vedo già passare tutto quanto,
portando qua e là le vite senza scampo,
veloci e tremanti
come goccie d'acqua sui vetri,
terrorizzate dal vento

e l'uomo sotto il tuo cielo di contrasto
continuerà a non comprendersi e sprecare vite
così insensatamente

ma oggi almeno, ti prego, restiamo così, addormentati insieme.

Sento che sto per piovere.

------------------

Il vento è un urlo fra i palazzi
Il nulla, un nuovo spazio di rappresentazione
Mamme volanti
in un cielo breve: catino di cemento armato
rapidamente scintillanti
forma vaghe in lontananza
negli occhi paralizzati dei pulcini
un attimo infinito
una lezione esemplare

11 Commenti



http://vetrina.clubpoeti.it/article.php?story=20170910130016143