club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Friday, 17 November 2017 @ 23:49 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2666/3)
Racconti (1019/0)
Saggi (7/0)

Clubpoeti.it sostiene la coscienza degli animali  

Eventi  
Eventi nel sito

Tuesday 20-Jun -
Thursday 30-Nov
  • Premio Il Club degli autori 2017-2018 Trofeo Umberto Montefameglio

  • Thursday 22-Jun -
    Saturday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2018

  • Friday 23-Jun -
    Tuesday 30-Jan
  • Premio Il Club dei Poeti 2018

  • Wednesday 28-Jun -
    Monday 30-Apr
  • Premio Letterario Marguerite Yourcenar 2018
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    1 Contributo nelle ultime 24 ore

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  •        Il  Ragno [+14]
  • Giunchi, appunto.
  • Il miraggio in fo... [+4]
  • Tango
  • Moules-frites 
  • Un sole che non b...
  • Tinder Sorpresa -... [+2]
  • La casa di Gino [+5]
  • Casa Natia
  •  La bionda
  • Abisso
  • Una nuova esistenza [+3]
  • Checco
  • Il pero selvatico 
  • 24 h.

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     È rimasta una giacca ad aspettarti   
     Monday, 11 September 2017 @ 15:00
     Leggi il profilo di: natacarla
     Visualizzazioni: 386

    Poesie

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    e poco altro: pareti annerite
    da pensieri, appunti di viaggio
    per non sentirti più
    smarrito
    buoni propositi e numeri,
    numeri ovunque per le emergenze...

    E tu non tornerai
    e non ci scambieranno più¹
    per fidanzati e non riderai
    di nessun altro mio segreto.

    Dondolano incerte le domande
    mentre navigo tra cassetti orfani
    da cui estirpo malattie
    e preghiere, affamata di ricordi
    di un'altra vita (felice?)

    Ignorata, calcolata, inevitabile.
    Somma che non hai voluto tirare.

     



    È rimasta una giacca ad aspettarti | 18 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: Guevara on Monday, 11 September 2017 @ 16:38
    - è rimasta una giacca ad aspettarti - e tante recriminazioni che non riescono ad venir fuori . Forse sbaglio l'interpretazione della poesia, ma ci leggo un "rimprovero " al proprio partner per non aver mantenuto costante il livello di felicità. Oltre il mio personale sentire , comunque la poesia risulta essere molto fluida , lineare, pulita , essenziale ... bella . Complimenti.

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: Willi on Monday, 11 September 2017 @ 16:42
    Molto bella. Complimenti.

    ---
    S.W.G.
    La poesia è materia viva, pulsante, militante.Ok, se sei cieco, se hai 8 figli, se fai tre turni in fabbrica. OK.

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: epitteto on Monday, 11 September 2017 @ 16:52
    Alquanto pesantina.
    Per dire che lui se n'è andato, senza speranza di ritorno.
    Storia vecchia quanto il mondo.
    Più interessante sarebbe stato sapere il perchè della fuga.
    Come al solito, la colpa parrebbe tutta da una parte: facile l'addebito quando la controparte non è presente e non può difendersi.
    Chissà poi perchè la Natura ha creato i generi: i risultati perniciosi sono sotto gli occhi di tutti.
    Testo ridondante inutilmente di metafore d'effetto, grondante di figure letterarie traverse tanto per fare scena.
    Epitteto

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: trimacassi on Monday, 11 September 2017 @ 17:08
    Ben tornata, Carla ! Ci mancavi, mancavi a queste pagine del
    Club, e sei tornata con dei ricordi, con dei versi fluenti ma
    un po' tristi, che sembrano tracce di vita vissuta.
    Io ti ricordo allegra e sorridente, spero tu lo sia sempre.
    Un saluto

    ---
    trimacassi



    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: tendre on Tuesday, 12 September 2017 @ 09:34
    Bella. È un bel parlare il tuo!

    ---
    tendre

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: Titta on Tuesday, 12 September 2017 @ 09:45
    Una poesia intima che sottolinea con delicatezza una assenza. Ci sono rapporti che riempiono il quotidiano con una sorprendente naturalezza. Per questo, dopo è tutto così difficile. Bentornata Carla e grazie per questi versi bellissimi. --- Titta

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: jane on Tuesday, 12 September 2017 @ 14:16
    Quella giacca così concreta, una poesia elegante ma troppo personale quasi francese alla Prèvert che dice di un'assenza un abbandono o una lite di coppia. Il racconto di una liberazione o di una infelicità? Sicuramente entrambe le cose. Piuttosto teatrale. Preferisco i temi che restano sul generico, senza taglie, facilmente indossabili ed adattabili a qualsiasi tipo di lettura e situazione. Insomma una poesia a più strati. Ma questa nel suo genere è scritta molto bene. Bentornata Carla! --- Lady Jane

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: Carmen on Tuesday, 12 September 2017 @ 16:04
    Affamata di ricordi di un'altra vita felice. Senza parentesi né interrogazione. Punto. --- La sofferenza passa. Ma è l'aver sofferto che non passa mai. Fëdor Dostoevskij

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: Donato Desiderat on Tuesday, 12 September 2017 @ 20:31
    Piaciuta

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: Kitty Woof on Tuesday, 12 September 2017 @ 23:38
    Riporre in cartabusta grigia, sigillare. Spedire o non spedire ma forse, meglio per il lettore, non pubblicare


    K.W

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: Elysa on Wednesday, 13 September 2017 @ 10:34
    molto bella, bentornata --- Elysa

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: dario moletti on Wednesday, 13 September 2017 @ 11:36
    peccato che non metto le giacche perché l'ho fatta un po' mia questa bellissima poesia/ la malinconia sovrasta ma è stupendo come sei riuscita a farla sembrare una buona compagna ciao

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: gricio on Thursday, 14 September 2017 @ 00:18
    Malinconica, nostalgica, quasi rassegnata. Questo mi viene in mente leggendo questi tuoi versi. La chiusa poi è assolutamente in stile Carla, la riconoscerei tra mille altre, con quel suo taglio secco a chiudere il discorso in maniera definitiva, quasi fosse una sentenza. Il che non è male. --- "parlare di musica è come ballare di architettura" (F.Zappa) http://gricio-gricio.blogspot.com/

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: federicosecondo on Friday, 15 September 2017 @ 14:46
    Bellissima poesia
    fin dal titolo.

    Brava, veramente brava.




    ---
    Niente è più facile dello scrivere difficile - KARL POPPER -

    federicosecondo

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: scoriaindustrial on Saturday, 16 September 2017 @ 13:17
    Non penso questa sia poesia intimistica, questi, a mio avviso, sono solo pensieri personali che tali dovrebbero restare in quanto, la poesia non emerge, e non emerge perché non c'è. Dov'è Il titolo è quasi patetico. --- "Scopavamo l'amore nella stanza e la polvere ci respirava fino a soffocare" - scoriandustrial -

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: indio on Monday, 18 September 2017 @ 10:15
    ...mi piace molto.

    mi piacciono quei buoni propositi e i numeri un po' ovunque per le emergenze...quasi li vedo, appesi nella vetrinetta in cucina, o all'ingresso o ancora sul comodino.

    poesia dai colori veri e toni reali...

    complimenti
    e ben tornata.






    ---
    mitakuye oyasin

    indio

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: joshua on Wednesday, 20 September 2017 @ 18:02
    È rimasta una giacca ad aspettare
    somma, che non voglio tirare.

    me ne sono ricamato (a parte la perplessità sull’elevazione del più a potenza di 1 – visto che rimane tale - al decimo piano, da giù in su, del cantiere verbale) un districo che riuscirebbe a portarmi (ambiguamente) oltre il convenzionale preconfezionato. Il resto mi sembra, piuttosto che poesia, uno sfogo emozionale, o rimozionale, messo giù in enjambements e diretto, forse, ad un fantasma amicale, un alter ego dell’altro sesso o perfino all’angelo custode del sesso inespresso o del caffè macchiato. Inviterei pertanto chi scrive, soltanto per mettere un po’ di sale sulle penne caudali di Cherubino, a leggersi un illuminato articolo di Paolo Zublena, introduttivo all’antologia ‘La parola plurale’ (Sossella, 2005), dove si dimostra come e quanto, in poesia, il ‘quotidiano’ possa essere ‘perturbato’, diventare cioè da piatto liscio un po' più fondo, se pilotiamo lessico e sintassi à rebours, anzi che en arriére.
    j

    [ ]

    È rimasta una giacca ad aspettarti
    Contributo di: Lorens on Thursday, 02 November 2017 @ 17:29
    ... versi di una confermata tristezza propri di un addio,
    come un ricordo sull'appendiabiti per una giacca che nessuno
    indosserà più ...

    Diciamo pure che la poesia c'è ed i versi lo confermano con
    descrizioni, idee e pensieri.

    Nel pregio delle lirica vedo solo un vizio: quello di una
    forma che nel contenuto sfocia nell'enfasi di sconforto
    misto a coatta mestizia depressiva.

    E' solo il mio modesto parere, condivisibile o meno, a
    rileggerti con vivo interesse.

    Pss.
    Un saluto speciale dal tuo traghettatore romano...

    ciao
    Lorens

    ---
    Lorens

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2017 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.