club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Tuesday, 23 May 2017 @ 12:45 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2662/0)
Racconti (1025/0)

Clubpoeti.it sostiene la coscienza degli animali  

Eventi  
Eventi nel sito

Thursday 10-Nov -
Tuesday 30-May
  • Premio Ebook in…versi 2017

  • Tuesday 15-Nov -
    Sunday 30-Jul
  • XXI Edizione Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2017
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    9 Contributi nelle ultime 24 ore

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • La marea [+9]
  • Allodole e vecchi... [+5]
  • Il piccolo Folle [+5]
  • In questo mio gia... [+8]
  • La memoria del mare [+10]
  • Titolo [+9]
  • Cuore di cane [+6]
  • Mediterracheronte [+6]
  • dell'amor maiale  [+2]
  • Precario [+3]
  • Quasi in te
  • Il porto proibito  [+4]
  • è primavera, sveg...
  • Di nuovo c'è [+4]
  • Ambra

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     L'identità dei particolari   
     Wednesday, 05 April 2017 @ 11:00
     Leggi il profilo di: Pale shelter
     Visualizzazioni: 719

    Poesie



        L'IDENTITÀ DEI PARTICOLARI


        Ti sono sufficienti pochi
        tocchi sapienti, ovvio ci tieni
        per ricordarlo a tutti (e a me
        seduto davanti)
        cosa sei stato, cosa sei
        tu che di anni ne avrai
        settantacinque almeno
        (alcuni penseranno a un tipo strano).

        Basta l'ostinazione di un ciuffetto
        (quattro capelli legati a codino);
        il fossile di un vecchio braccialetto
        fatto di fili lisi e stinti;
        l'apparizione di Platone
        spuntato a un tratto dalla confezione feltrinelli.

        Chiedi all'autista – "è questa la fermata
        per gli Uffizi?".
        Il pigro accenno di un sì
        ti rimette un attimo a sedere.
        "È questa oppure..." – e i tuoi puntini muoiono
        Ringrazi e sembri piovuto da Marte
        le lenti spesse, la voce gentile.
        Così ti guardo scendere: ti fermi
        un momento, poi ti lasci cadere
        a corpo morto, fra le braccia
        dell'Arte.



     



    L'identità dei particolari | 28 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    L'identità dei particolari
    Contributo di: dario moletti on Wednesday, 05 April 2017 @ 14:15
    la poesia può essere una carezza a volte uno schiaffo

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: loreine on Wednesday, 05 April 2017 @ 14:24
    Mi piace questo tipo un poco strano con un fare composto ed educato nonostante il codino da ribelle. Si evince sia un tragitto breve se di lui sappiamo i signorili gesti e non il nome. E godiamo del suo godere pienamente l' Arte. Questa poesia crea un'atmosfera come poche. --- loreine

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: Titta on Wednesday, 05 April 2017 @ 14:43
    Quanto pagherei per un incontro così ! Ogni volta che rileggo questa poesia vengo colta da un grande stupore e non tanto per i dettagli così ricercati che comunque hanno il loro peso ma perchè ha davvero un fascino singolare. Viene voglia di accompagnarlo per un tragitto di strada questo personaggio che non conosce l'anonimato. Grazie per questo intermezzo graditissimo e complimenti, Pale. --- Titta

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: trimacassi on Wednesday, 05 April 2017 @ 15:24
    Sì, sono queste le poesie, tue, che più mi piacciono, con
    atmosfere particolari, che dicono e non dicono, con assonanze
    quasi invisibili tra le righe, che rendono piacevole la
    lettura e il verso lieve e stravagante.
    Come quando il vento soffia lievemente ma alza una gonna
    ampiamente e distrattamente, e l'occhio...gode.
    Forse il paragone non ci sta, ma m'è venuto e l'ho scritto lo
    stesso, en passant...
    Un saluto

    ---
    trimacassi



    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: Carmen on Wednesday, 05 April 2017 @ 16:42
    Sembra parli di tuo padre. --- La sofferenza passa. Ma è l'aver sofferto che non passa mai. Fëdor Dostoevskij

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: indio on Wednesday, 05 April 2017 @ 16:43
    ehi trima
    ti è proprio rimasto in mente l'immagine del mio piccolissimo racconto ;-)
    un soffio di vento alla fermata dell'autobus
    ...fa piacere, molto piacere!

    sì bella poesia, stravagante ma neanche tanto.

    il titolo è bellissimo.

    ---
    mitakuye oyasin

    indio

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: Elysa on Wednesday, 05 April 2017 @ 20:29
    io ne ho incontrato qualcuno di questi settantenni che amano ancora sentirsi giovani o come dici tu mostrare quello che sono stati, e sì, spesso si pensa che siano tipi strani a volte fuori luogo ma certamente liberi prima e liberi ora di essere come vogliono essere, bella poesia, particolare nei particolari, bravo Pale!! --- Elysa

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: cordaccia on Wednesday, 05 April 2017 @ 21:29
    molto bella questa figura in
    ellissi (credo anch'io si tratti di
    tuo padre). Mi piace questa
    complicità e mi piace questa
    bonaria canzonatura che risalta i
    particolari del titolo.
    Tra uffizi e "ti lasci cadere a
    corpo morto", il finale è un po'
    dantesco.

    molto bella.

    ciao:)

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: zio-silen on Wednesday, 05 April 2017 @ 22:43
    Tendo ad escludere che il padre di un fiorentino chieda: "è questa la fermata per gli Uffizi?".

    Ritratto psicologico, e non solo, al top.

    Sapienti accorgimenti compositivi assicurano la giusta dose di musicalità con una leggera flessione in chiusura della seconda strofa.

    Ottima resa poetica.

    Ciao

    P. S. Amo Firenze

    ---
    zio-silen

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: Ganimede on Wednesday, 05 April 2017 @ 22:54
    Ma scusate.... sarebbe così approssimativo sull'età se parlasse del padre? :-) Beh, bando ai particolari "poi ti lasci cadere/ a corpo morto, fra le braccia dell'Arte." Trovo sia un passaggio bellissimo. Io poi mi sono proprio rivista lì, sull'autobus che, in una torrida giornata estiva di una decina di anni fa, mi portava da Monte S. Savino a Firenze (agli Uffizi); ma ciò che mi colpisce di più é la sensibilità che hai avuto nel captare il "mondo" di uno (presumibilmente) sconosciuto e farne motivo di minuziosa osservazione personale (di quel tipo che non giudica ma piuttosto genera arricchimento personale). E sí! Che di tipi particolari, spostandosi qua e là, se ne incontrano a iosa (ma anche senza spostarsi troppo) e il confine tra la diffidenza che porta a tenersi alla larga dalle loro stranezze e la curiosità che spinge alla voglia di interagire é spesso labile.... Pale, sei sempre bravo a recepire la poesia e a riconoscerla dove essa è spesso "camuffata" da finta banalità (ed è lì che si vede l'abilità nel togliere il terriccio e far brillare la pietruzza :-) --- Nadia Rizzardi ---"Cristo è ateo" Ivan Kramskoj.

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: joshua on Wednesday, 05 April 2017 @ 22:55
    Non ho mai pensato che piccole notazioni, prese di solito dalla vita quotidiana, non possano contribuire a far poesia, ma mi son spesso dovuto chiedere COME riescano a farla. Voglio dire: il topos ( = luogo, anche comune) COME si fa typos (da typtein = colpire, imprimere nella pietra) per poter ricadere tra le braccia dell’Arte (e la majuscola non è mia)?
    ciao
    n

    p.s: nel senso che sopra Ti ho detto, mi colpisce la STRANA postura sintattica, al v.2, di quell’ ovvio’, che, non isolato, come pur dovrebbe, dall’interpunzione, sembra acquistare quasi valore attributivo, in contraddizione con la STRANEZZA che i più attribuirebbero al personaggio, fatta invece notare in OVVIA postura parentetica al v.8. Ecco, io di STRANEZZA in un vecchio rockettaro o beatnik miope, che va a incontrare la Medusa del Caravaggio, con quei capegli effusi, non ce ne vedo molta, se penso, ad esempio, alla gloriosa decadenza fisica di Ginsberg (mi hanno affascinato assai meno altre vecchiaie più accademiche). Perciò, mi stupirei davvero solo se il reduce si recasse ad un concerto di Gigi d’Alessio col classico striscione bancoceleste GIGI SEI TUTTI NOI.

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: Paolo_C on Thursday, 06 April 2017 @ 01:47
    E' appunto una poesia dei particolari, quelli meno evidenti, che vengono
    porti con grazia e nella poesia assumono la giusta collocazione, come in
    funzione di un climax (è una mia sensazione) che ha il giusto coronamento
    nel verso finale.

    Bella e originale.

    Un saluto

    ---
    Paolo C.

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: Armida Bottini on Thursday, 06 April 2017 @ 07:42
    Sono piovuta da Marte io medesima. Ciao. --- Midri

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: Sandro Moscardi on Thursday, 06 April 2017 @ 10:05
    Trovo molto interessante l’identificazione identitaria Attraverso l’aggettivazione “ovvio e strano” attribuita Come oggettività della percezione. L’osservatore e l’osservato interagiscono attribuendosi Elaborazioni mentali effetto di strategie da essi poste in atto. Il percorso prova errore o conferma guidato da fattori culturali E Sociali pregiudizievoli nella percezione delle particolarità,sembra Essere sostituito da una recezione ben più profonda ed universale Dell’Arte, dove il corpo ed una istintualità di sopravvivenza , sono assenti E cioè morti. Bella Poesia. Ciao Sandro

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: jane on Thursday, 06 April 2017 @ 11:51
    Una persona fra le tante che ti colpisce. O sei tu stesso che ti descrivi? Un vecchio hippy fedele alla linea dei fiori spunta maturo. La poesia mi porta su quel bus di linea, mi riporta nella vecchia amatissima e bellissima Firenze. Piacevole descrizione, ottma poesia. La porti un bacione a Firenze. --- Lady Jane

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: Arcano on Thursday, 06 April 2017 @ 12:46
    Quanta eleganza e bravura in questa proposta. Nel dire quel che basta per lasciare immaginare. Con pochi e sapienti tocchi hai descritto un gran bel personaggio. Complimenti.

    ---
    arcano

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: maria bellanti on Thursday, 06 April 2017 @ 16:40
    Per qualche attimo mi hai portato a Firenze;strano ma quel tizio mi sembra di conoscerlo. Bella poesia

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: scoriaindustrial on Friday, 07 April 2017 @ 10:21
    Bellissima ....e ti passo pure le parentesi. --- "In testa a Gozilla, tra le sue ciglia, non prendere l'acme...". (Alberto Ferrari - Verdena)

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: PattiS. on Friday, 07 April 2017 @ 13:12
    mah...la prima lettura mi aveva gradevolmente sorpreso perché pensavo parlassi di
    te stesso e era una bella visione nitida e lucida. Poi ho scoperto che era un tizio nel
    bus che probabilmente ti aveva colpito, ma...mi pare rimanga tutto lì...(o forse mi è
    sfuggito
    qualcosa). Inoltre, la figura così vivace dell'arzillo anziano (ex 68ino, certo), mal si
    presta alla figura dantesca finale (se si fa una citazione così importante dovrebbe
    avere una motivazione più pregnante, secondo me). Comunque bravo eh...ai bravi
    le pulci si possono fare (e se sono permalosi, peggio per loro)

    ---
    "aiupo, aiupo/
    e` arrivato il luto!" A.Sal.One

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: Donato Desiderat on Saturday, 08 April 2017 @ 11:32
    Un testo ben scritto che non necessita di
    vestire i panni banali del complicato e
    dello sfoggio di una risibile cultura
    enumerativa per farsi poesia. L'ovvio è la
    chiave di lettura di questa bella
    proposta. I particolari sono la misura
    dell'autentico.

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: gianna.curto on Saturday, 08 April 2017 @ 20:16
    Mi piace veramente ma vi vorrei far ricredere sui settantacinquenni.... donne o uomini che siano.Sono presidente di un'associazione della terza età e vi posso assicurare che ci sono persone di una certa età che hanno più vitalità di alcuni quarantenni nati già stanchi. Dopo i settanta anni si è rilassati, i figli in genere sono già fuori ,si è in pensione,liberi di frequentare musei, andare a vedere un film, partecipare ad eventi e... si ha ancora tanta voglia di vivere.___** --- Gianna

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: Anais on Sunday, 09 April 2017 @ 08:54
    E io invece mi sono rivista lì in una gelida mattina invernale a spararmi tre ore di coda prima di entrare agli Uffizi.
    Forse fu questo che mi uccise la poesia sul nascere, e caddi come corpo morto cade dallo sfinimento più che tra le braccia dell'arte!

    Proprio quest'ultima parte mi convince meno, perché è un'affettazione stilistico-formale e troppo ovviamente ovvia, riprendo apposta i tuoi avverbi,
    Non posso fare a meno di essere brutalmente schietta non essendo nella mia natura mentire in poesia a chi raccoglie signorilmente come spero tu sappia fare, la critica del lettore attento.
    Perché uno va a Firenze? mi auguro non per mangiare una Fiorentina!
    Poi va bene la cura meticolosa messa nella stesura, fin troppa, per i miei pur non scarsi parametri, va bene la musica, un po troppa,
    ad esempio perché ciuffetto/braccialetto? Era proprio necessaria questa rima? La cresta e il codino non sono ciuffi secondo me.
    Dai pale sto mettendo alla prova la tua pazienza, sto demolendo a bella posta le tue convinzioni e quelle dei tuoi ammiratori.
    Ti confesso che ci sto provando un gusto sadico, non me ne volere...
    Poi sappiamo tutti che sei uno bravo, ma non bisogna dirglielo troppo sennò si montano la testa!
    Ciao!

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: franca canapini on Monday, 10 April 2017 @ 21:27
    Mi piacciono le tue fotografie. Questa dev'essere stata particolarmente ispirata e
    ti è venuta meglio di altre.
    Ciao Pale
    Franca

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: A.Sal.One on Wednesday, 12 April 2017 @ 01:45

    Uno dei migliori titoli
    di tutte le tue poesie.

    Ed e` dai particolari che
    bisogna fare l'identikit
    di questo personaggio a te
    ovviamente noto, ma credo
    solo a livello di conoscenza
    generale.

    Un artista, un poeta, un attore
    magari un cantante o addirittura
    un ex politico, non necessariamente
    italiano.

    Il componimento e` condotto con
    fare sornione e riflette forse
    il carattere del personaggio:
    fino alla chiusa dove noto una
    certa forzatura sia nella teatricalita`
    del gesto sia nell'assonanza Marte/Arte.

    Resta comunque un ottimo lavoro poetico.

    BUONA PASQUA, Franco.



    ---
    Prima il poeta
    e poi (dico poi)
    il critico.

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: Dema on Wednesday, 12 April 2017 @ 16:04
    Bellissimo scanner del personaggio. Bravo Dema Paolo De Martini

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: minosse on Thursday, 13 April 2017 @ 05:59
    interessante, una bella storia, una fotografia raccontata con dovizia di attenzione, trasmessa bene insomma. --- ***mynosse***

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: frank69 on Tuesday, 18 April 2017 @ 20:56


    Quando contenuto e forma danno la sensazione di musicalità
    non mi fermo all’analisi dei particolari.
    Mi piace quell’abbraccio a corpo morto che fa rima con Marte

    ...

    [ ]

    L'identità dei particolari
    Contributo di: dragonero on Friday, 19 May 2017 @ 17:50
    vedere non è mai guardare
    bella nella sua linearità. descrive la vita la descrive in
    modo pacato, ma se la poesia sa descrivere ed è vita
    beh questa allora è una poesia
    (f)

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2017 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.