club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Thursday, 19 September 2019 @ 20:56 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2684/1)
Racconti (1021/0)
Saggi (15/0)

Eventi  
Eventi nel sito

Tuesday 08-Jan -
Friday 20-Sep
  • Premio di Poesia Città di Monza 2019

  • Thursday 10-Jan -
    Monday 30-Sep
  • Premio Letterario Città di Melegnano 2019

  • Friday 11-Jan -
    Saturday 30-Nov
  • Premio Il Club degli autori 2019-2020 Trofeo Umberto Montefameglio

  • Sunday 20-Jan -
    Monday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2020
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    1 Contributo nelle ultime 24 ore

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Di foglie sparse [+2]
  • In un caffè di Be... [+7]
  • Mil-ano (ovvero l...
  • Quando l'acqua no... [+2]
  • Batticuore

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Incontro   
     Tuesday, 10 May 2016 @ 09:45
     Leggi il profilo di: Lucio Cornelio
     Visualizzazioni: 714

    Racconti

    Gli scambi tra le rotaie si ripercuotono nel vagone. Il treno rientra nella città e attraversa nei sobbalzi le squallide stazioni tecniche di raccordo.
    Sono triste. Triste e depresso.
    Ero andato a Roma, conquistato dall’idea dell’appuntamento. Tiziana l’ho conosciuta in chat, e si è manifestata vivace, sorridente, pervasa di gioia e di umorismo, pronta a sciogliersi nelle emozioni dell’amore. il viaggio verso Roma è pieno di aspettative, ho dei doni con me. Gli ultimi messaggi, gli accordi per incontrarci, fuori dal negozio in cui lavora. Il taxi alla stazione, la via vivace e piena di vetrine.
    Ed io lì, sulla soglia, largamente in anticipo.
    E dalla vetrina, vedo una donna, rossa, come lei mi ha detto d’essere, bella, sensuale, e appiccicata ad un ragazzo, che l’accarezza, le sorride, la bacia. E lei che bacia lui, che lo carezza con le labbra.
    Chiamo. E l’immagine di lei, dietro la vetrina, si distoglie dall’abbraccio, raccoglie un telefono.
    Taccio. Raggiungo un taxi. Mi faccio riportare alla stazione Termini. Il telefono squilla, non rispondo.

     



    Incontro | 8 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Incontro
    Contributo di: PattiS. on Tuesday, 10 May 2016 @ 10:52
    beh...capisco che ci sei rimasto male se ti aveva detto che era vergine. Il classico
    donna bella e rossa uguale a bottana è un must in questo sito. Complimenti per
    l'avanguardia.

    ---
    "Nulla è sicuro, ma scrivi" F. Fortini

    [ ]

    Incontro
    Contributo di: Armida Bottini on Tuesday, 10 May 2016 @ 15:31
    Non ti fidare di facebook, è tutto un inganno. --- Midri

    [ ]

    Incontro
    Contributo di: Lucio Cornelio on Wednesday, 11 May 2016 @ 17:38
    Il mio è solo un racconto breve, non un'outing.

    Per quanto riguarda te, Vapore, che fai tanto il presuntuosetto da due soldi, vediamo se riesci a scriverlo meglio

    ---
    Lucio Cornelio

    [ ]

    Incontro
    Contributo di: Lorens on Wednesday, 11 May 2016 @ 18:42
    Cronaca di un incontro mancato laddove una chat tradisce i
    sentimenti.

    Il brano è scritto con dovizia descrittiva.

    Da rivedere alcune zone di sintassi verbale, come di
    seguito:

    "Gli scambi tra le rotaie si ripercuotono nel vagone. Il
    treno rientra nella città e attraversa sui sobbalzi le
    squallide stazioni tecniche di raccordo.

    Sono triste. Triste e depresso.

    Ero andato a Roma, per l’appuntamento.

    Tiziana l’avevo conosciuta in chat, e si era manifestata
    vivace, sorridente, pervasa di gioia e di umorismo, pronta a
    sciogliersi nelle emozioni dell’amore.

    Il viaggio verso Roma era pieno di aspettative, avevo dei
    doni con me per lei.

    Gli ultimi messaggi, gli accordi per incontrarci, fuori dal
    negozio in cui lavora.

    Il taxi alla stazione, la via vivace e piena di vetrine.

    Ed io lì, sulla soglia, largamente in anticipo.

    Dalla vetrina, vedo una donna, rossa, come lei mi ha detto
    d’essere.

    E' bella e sensuale, ma appiccicata ad un ragazzo, che
    l’accarezza.

    Lei sorride e lui la bacia. E lei bacia lui, che lo carezza
    con le labbra.

    Chiamo col cellulare.

    E l’immagine di lei, dietro la vetrina, si distoglie
    da quell’abbraccio e raccoglie un telefono.

    Taccio.

    Raggiungo un taxi. Mi faccio riportare alla stazione
    Termini. Il telefono squilla, non rispondo.
    ---------------------------------------------------------
    Ecco, così ho meglio rivisitato e corretto il brano. Vedi le
    differenze se ti va.

    Voti da (1 : 10)
    incipit = (7)
    musicalità = "7 e 40" Lucio Battisti (10)
    fantasia = ben assortita nelle descrizioni (7)
    verso =
    contenuto = non fidarsi della conquiste in rete (6)
    messaggio = delusione in chat (5)
    scrittura = da rivedere alcuni passi del brano (5)
    narrativa = scorrevole meno la sintassi (5)
    emozionalità = tristemente emersa (6)
    interesse = personale da chattarolo deluso (6)

    ciao
    Lorens



    ---
    Lorens

    [ ]

    Incontro
    Contributo di: Carmen on Tuesday, 17 May 2016 @ 12:54
    ...
    dalla vetrina, vedo una donna, rossa, come lei mi ha detto d’essere, bella, sensuale, e appiccicata ad un ragazzo, che l’accarezza...

    troppe virgole e poco testo.
    Tenti di descrivere la delusione, l'amarezza che consegue alla scoperta dell'ennesimo inganno.
    Ma lo fai frettolosamente e così brevemente (temevi di non essere letto per eccessiva lunghezza?) da non trasmettere i sentimenti del protagonista della storia.

    Si riesce ad immaginarne l'incazzatura, mentre si rimette in taxi, ma nessuna storia o accenno di essa dietro le quinte interviene a conferire un po' di spessore al personaggio.


    ---
    Carmen

    La vita può essere capita solo all’indietro ma va vissuta in avanti.
    (Soren Kierkegaard)

    [ ]

    Incontro
    Contributo di: indio on Tuesday, 17 May 2016 @ 17:58
    se l'intento era scrivere un brevissimo racconto
    saturo di emozioni,
    allora ci sei riuscito benissimo.



    ---
    mitakuye oyasin

    indio

    [ ]

    Incontro
    Contributo di: Ganimede on Thursday, 19 May 2016 @ 07:17
    Ecco il primo vero racconto di fantasia del cdp; nella realtà, in amore,
    l'inviolabile irremovibilità delle scelte giuste (il dietro front del protagonista
    che torna a casa triste ma convintamente rassegnato) non è di questo
    mondo.

    ---
    Nadia Rizzardi
    ----
    Ganimede é la splendida luna gioviana su cui andró a vivere quando la terra sarà definitivamente sommersa dalle chiacchiere.

    [ ]

    Incontro
    Contributo di: Titta on Friday, 17 June 2016 @ 16:00
    La penso come Indio. Viva le short-stories. --- Titta

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2019 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.