club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Thursday, 17 October 2019 @ 12:42 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2685/0)
Racconti (1020/0)
Saggi (15/1)

Eventi  
Eventi nel sito

Friday 11-Jan -
Saturday 30-Nov
  • Premio Il Club degli autori 2019-2020 Trofeo Umberto Montefameglio

  • Sunday 20-Jan -
    Monday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2020
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    Nessun nuovo contributo

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • La rivoluzione [+2]
  • Josh 3 [+2]
  • Lu mègghiu tempu [+2]
  • S. Vito Chietino
  •                  ... [+3]
  • Memoria migrante
  • Sotto il cielo de... [+2]
  • A mia madre
  • Buio incombente
  • La scelta
  • Estate (?) [+2]
  • Di foglie sparse [+2]
  • Youth
  • 1972 prove di div...
  • Batticuore

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Reiterazione   
     Friday, 12 June 2015 @ 09:45
     Leggi il profilo di: Lollo
     Visualizzazioni: 787

    Racconti

    Un bip bip elettronico squarcia insistente gli ultimi scampoli di quiete notturna, con una manata istintiva spengo la sveglia.
    Sono le cinque e dieci del mattino, il silenzio che segue il bip è di piombo.
    Mi metto seduto sul bordo del letto, mani fra i capelli.
    Fa freddo, prendo commiato dal caldo accogliente delle coperte.
    Al buio percepisco il corpo caldo di mia moglie ancora fra le braccia di Orfeo.
    La sfioro, sospiro, poi barcollo verso la doccia.
    Sotto il getto caldo riacquisto lucidità, crollandomi di dosso gli ultimi brandelli di sonno rimasti attaccati.
    L’acqua scorre piacevole sul mio corpo, penso che sarebbe bello dissolversi in essa, scivolare nello scolo della doccia e dopo un lungo tragitto fatto di fognature e fiumi inquinati tornare finalmente al mare.
    E poi diventare nuvola. E poi ancora tornare acqua.
    Alla fine la vita caos’è se non un arrancare in una condotta fognaria, fino, finalmente, al fantomatico oblio?
    Esco dalla doccia e sento lo sbalzo di temperatura che mi fa rabbrividire.
    Sto lì davanti allo specchio, umido, guardo lo sconosciuto che ho davanti.
    Sei invecchiato caro mio, penso. Grasso è stato sostituito al muscolo, occhiaie di stanchezza e disillusone hanno preso il posto dello sguardo allucinato e irrequieto di quando eri giovane.
    Come se fossi coperto da uno strato di polvere che nessuno può scrollare
    Mi trascino in cucina, faccio una colazione nervosa poi caffè, il primo di una lunga serie.
    Mi vesto ancora mezzo umido, prendo la borsa ed esco.
    Guido nell’ultimo buio, una città sonnolenta si sta destando.
    Supero rampe di cemento, prati squallidi e ancora umidi di brina che hanno il colore di quegli orribili piatti d’argenteria che si rifilano ai matrimoni, supero palazzoni sgangherati arroccati l’uno sull’altro, ovunque io mi giri solo ferro cemento e asfalto.
    Alberi rachitici spuntano su aiuole troppo piccole e lordate dai rifiuti.
    Il verde disperato riempe quello che può.
    Sono arrivato al parcheggio del lavoro, spengo il motore, sospiro, esco di botto dalla macchina.
    Delle figure grigie, mi riconosco nelle loro espressioni, fumano silenziose la loro sigaretta, il fumo gli esce un po’ dal naso un po’ dalla bocca, monumenti inconsapevoli di carne, tendini, muscoli e ossa di questa società inquinante, inquinata.
    Striscio il tesserino, il secondo bip della giornata mi dice che sono stato registrato, che sono incasellato e schedato.
    Che non posso (o non ho il coraggio?), fuggire.
    Scambio convenevoli con i colleghi, ognuno di noi fa le sue battute, ripete a memoria la recita che la vita gli ha insegnato.
    Si parla di calcio, maggiormente, poi di figa. Quello che avanza da queste conversazioni è troppo poco.
    Quante ne hai trombate? La vedi quella lì...nun poi capì che zozza. A cì ma ‘sta Lazio? Lascia perde che m’è scaduto l’abbonamento scai! Ahò ho fatto l’impiccio con l’assicurazione! Nun poi capì chi t’ho cioccato ieri! Ah ‘zo m’è arivata ‘na bolletta da paura...
    Fluttuo in queste conversazioni, tengo il bicchiere di carta del caffè in mano.
    Rispondo, sorrido. Faccio il mio. Con la mente intanto vago lontano.
    Mi metto seduto in postazione, accendo il PC.
    La presenza del capo alle mie spalle è tangibile.
    Essere cravattato/laureto/carrierato votato alla causa dalle otto del mattino alle otto di sera. Leggo nei suoi occhi le stesse stanchezze, gli stessi dubbi.
    Solo che lui è insensibile,devitalizzato instancabile, mai stufo.
    Mi parla, mi spiega le nuove procedure, mi chiede cosa ne penso e se ho idee a riguardo.
    Io non ho più un*censurata* di nulla, sono vuoto come il pisello di attore porno all’ultima scena, vorrei dirglielo, ma continuo la commedia.
    Parlo, spiego, alzo il sopracciglio...indico lo schermo. Dico qualcosa.
    E così sia.
    Guardo il grande ufficio dove lavoro, vedo gente incazzata, altri li vedo sorridere altri ancora al telefono. Proiettati in questa scatola di carton gesso e vetro neanche a capire bene perché.
    Vittime tutti di questo grande equivoco, di questa farsa che ci ingoia e ci stordisce.
    Si va per la pausa mensa, trenta minuti per trangugiare cibo preparato con odio, trenta minuti in cui si tromberanno virtualmente tutte quelle che passano, si faranno schemi per la prossima di campionato, si farà gossip su quello o quell’altro inciucio tra colleghi ci si prenderà per il culo a vicenda. Si riderà e scherzerà per poi tornare al loculo aziendale.
    Nessuno sente lo stridore? Nessuno scorge l’assurdo? Nessuno intravede il grottesco della situazione? Nessuno che si sente un po’ come un volatile chiuso in gabbia con il culo piumato a pizzo, sfamato dissetato e disinfettato solo per cagare uova in un nastro scorrevole?
    Le telefonate si accavallano, si discute, ci si manca di rispetto, nei casi peggiori ci si manda affanculo. Poi il giorno dopo ci si ritelefona come se niente fosse, possibilmente ci si rimanda affanculo. Il lavoro è lavoro. Si può essere maleducati senza problemi, la scostanza fa parte del contratto.
    A cinquecento metri dall’ufficio è parcheggiata la mia macchina.
    Un collega mi taglia la strada. Ci salutiamo a volte nel posto di lavoro, fuori manco ci guardiamo. Tutto normale, tutto a posto.
    Torno a casa, abbraccio mia moglie e tento di dimenticare.
    Domani alle cinque e dieci ricomincia la recita.

     



    Reiterazione | 6 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Reiterazione
    Contributo di: Lorens on Saturday, 13 June 2015 @ 00:14
    ...davvero troppo forte e complimenti!?! Scrittura limpida,
    cristallina, contenuto di verità vissuta anche da me
    medesimo quando lavoravo al marketing negli uffici Alitalia.

    Racconto da sottoscrivere parola per parola, di una cruda
    realtà schiacciante. E' tutto vero!

    I dialoghi secondo i vari scenari, quelli di ufficio, a
    mensa, le battute, i vaf.fanculo telefonici (io ho vissuto
    anche quelli via e-mail), il capo che ti tacchina con le sue
    solite inutili minchiate al cubo di una irrazionalità
    autistica ... forse hai dimenticato i meeting intorno ad un
    tavolo dove non si decideva mai un caz.zo, laddove vedevi
    giungere i laureatini di turno con i portatili luccicanti e
    le ascelle in decomposizione stile "eau du fogne", meno male
    che qualche collega rampante scosciava rallegrando la seduta
    pronta ad una fellatio al capo di turno per una carriera
    più veloce a suon di tette toste ... che dire di più? Ottimo
    lavoro, e ancora complimenti ...

    Voti da (1 : 10)
    incipit =
    musicalità =
    fantasia = spruzzo metaforico (8)
    verso =
    contenuto = realtà vissuta (8)
    messaggio = di verità assoluta (8)
    scrittura = limpida e cristallina da bar (7,5)
    narrativa = cruda efficace (7)
    emozionalità = grande solare empatia (8)
    interesse = generale (9)


    ciao
    Lorens

    [ ]

    Reiterazione
    Contributo di: frame on Saturday, 13 June 2015 @ 10:16
    Un povero cristo che deve alzarsi tutte le mattine alle
    cinque per essere al lavoro alle otto, avrebbe pure
    ragione di essere incazzato. Questo sì che poteva essere
    un buon argomento, tutto il resto invece è di una noia…

    Comunque, per quelli che trovano noioso, snervante,
    faticoso il lavoro in ufficio, ricordo che c’è sempre
    quello nei campi. Zappare la terra fa passare tante
    paturnie. Si sta all’aria aperta, come capufficio hai il
    buon Dio, e l’unico inconveniente è la macchinetta del
    caffè che non è sempre a portata di mano. Pazienza.
    Il povero impiegatuccio stanco e stressato dalla routine
    e dalla monotonia di tutti giorni sempre eguali,
    francamente mi fa molta meno pena di prima. Con la crisi
    di questi anni poi, sono da considerarsi perfino dei
    fortunati.
    Trovo che il pezzo sia ben scritto, ma manchi di
    originalità, insomma mi è sembrato soltanto un lungo
    elenco di luoghi comuni, verità un po' scontate.


    ---
    Frame

    [ ]

    Reiterazione
    Contributo di: Armida Bottini on Saturday, 13 June 2015 @ 15:43
    Interessante e bello. Ciao.


    ---
    Midri

    [ ]

    Reiterazione
    Contributo di: percefal on Sunday, 14 June 2015 @ 12:15
    Reitero Armida.

    ---
    «La figura del mio caos ha dimensione alcuna, punto.».

    [ ]

    Reiterazione
    Contributo di: Ganimede on Sunday, 14 June 2015 @ 21:57
    Un bel quadretto avvilente adatto alla domenica sera, direi! Anche se io, in
    realtà, ho dei capi fantastici (tra l'altro quattro uomini, giusto per dire che il
    rispetto verso le donne esiste eccome); mi piace il tuo racconto ed ho
    trovato interessanti molte immagini ad esempio:
    "Il verde disperato riempie quello che può"
    "monumenti inconsapevoli di carne"
    "trangugiare cibo preparato con odio"
    Per il resto vorrei dire che la vita è meravigliosa anche a fronte della presa
    di coscienza di un sistema più o meno assurdo o forse, semplicemente, il
    fatto é che nessuno o quasi ha la volontà di tentare di cambiarlo con
    atteggiamenti reazionari da scontare sulla propria pelle, comunque pur
    sempre in nome della salvaguardia di questa vita così preziosa in cui,
    cercare di essere felici con i mezzi che si hanno a disposizione è un diritto
    insindacabile e questo fà sostanzialmente la differenza tra l'essere bene
    inseriti nella società e padroni almeno del proprio equilibrio o l'essere dei
    disadattati....ma la sveglia delle cinque e dieci mi fá vacillare, anche
    perché, con orari del genere, della fatidica vita ne resta poca... in
    quell'abbraccio
    finale però, si trova il fulcro di quella stabilità familiare che regge
    dignitosamente il tutto.


    ---
    Nadia Rizzardi
    ----
    Ganimede é la splendida luna gioviana su cui andró a vivere quando la terra sarà definitivamente sommersa dalle chiacchiere.

    [ ]

    Reiterazione
    Contributo di: dedalo on Saturday, 25 July 2015 @ 08:05
    bravo io sto in pensione ma mi hai fatto rifare
    un'affacciatina al mio ufficio
    complimenti per la penna

    ---
    dedalo

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2019 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.