club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Thursday, 17 October 2019 @ 11:58 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2685/0)
Racconti (1020/0)
Saggi (15/1)

Eventi  
Eventi nel sito

Friday 11-Jan -
Saturday 30-Nov
  • Premio Il Club degli autori 2019-2020 Trofeo Umberto Montefameglio

  • Sunday 20-Jan -
    Monday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2020
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    Nessun nuovo contributo

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Josh 3 [+2]
  • Lu mègghiu tempu [+2]
  • S. Vito Chietino
  •                  ... [+3]
  • Memoria migrante
  • Sotto il cielo de... [+2]
  • A mia madre
  • La rivoluzione
  • Buio incombente
  • La scelta
  • Estate (?) [+2]
  • Di foglie sparse [+2]
  • Youth
  • 1972 prove di div...
  • Batticuore

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Io e i serpenti   
     Monday, 27 April 2015 @ 15:00
     Leggi il profilo di: mariopellegrinet
     Visualizzazioni: 660

    Racconti

    Io e i serpenti

    Nella mia vita ho ucciso tre serpenti. Bisogna che dica che non ho mai amato i serpenti. Mi fanno ribrezzo e anche un po’ di paura. Tuttavia non gli ho mai dato la caccia . Quando ne incontro uno aspetto che se ne vada per la sua strada mentre io vado per la mia. Tanto più se si tratta di una vipera che, timida e paurosa com’è, è più interessata di me a scappare per mettersi al sicuro.
    Però tre serpenti li ho uccisi e voglio raccontare come e perché.
    Ecco come si svolsero le cose la prima volta: Quel giorno – era una bella giornata estiva - con mia moglie e i miei figli eravamo stati invitati dai miei genitori che abitavano in campagna a fare un pic-nic nel prato delle Cannelle, un grande prato pianeggiante che aveva proprio nel mezzo un noce gigantesco che faceva una gran bella e gradita ombra. Doveva essere a fine giugno o ai primi di luglio perché l’erba era già stata falciata ed ora stava ricrescendo morbida e fresca.
    Seduti sull’erba avevamo mangiato di gusto il pollo ruspante che mia madre aveva fatto arrosto con le immancabili patatine ed ora stavamo chiacchierando felici e rilassati mentre i figli giocavano lì intorno. Ad un tratto udimmo Cinzia, che aveva circa due anni e si era allontanata di qualche metro, gridare con una vocina tremolante e indicare con un ditino un grosso ontano che cresceva presso il margine del prato e aveva dei rami anche molto bassi. Ed ecco che, guardando là dove la bimba indicava, vidi un grosso serpente lungo, a occhio e croce, oltre due metri che aveva raggiunto il ramo più basso e, da questo, si era issato, con una parte del corpo, su un ramo ancora più alto.
    Si trattava di un colubride, sicuramente non velenoso, uno di quei serpenti molto diffusi nelle nostre campagne, che noi chiamiamo “torchioni” i quali – si dice, ma forse è una leggenda – se disturbati si avvinghiano alle gambe e le frustano con la coda (cioè le “torchiano”. Da noi, infatti, i lunghi e sottili rami dei salici, che si usano anche per legare le viti, sono detti “torchi” e un tempo le gambe dei ragazzini che l’avevano fatta grossa venivano, per punizione, frustate con uno di questi “torchi” e, quindi “torchiate”.)
    Alla vista di quella serpe provai subito il consueto senso di ribrezzo e repulsione, ma anche rabbia per lo spavento patito dalla mia piccola, tenerissima bimba… Il fatto sta che afferrai un bastone, mi avvicinai e colpii con grande violenza il corpo del serpente che si trovava fra i due rami. Il colpo scosse violentemente anche i rami e le foglie dell’ontano che oscillarono creando scompiglio. In quello scompiglio il serpente scomparve ed io mi allontanai pensando che, forse, il serpente era fuggito. Infatti non lo avevo colpito con la delibetata intenzione di ucciderlo. Solo dopo, quando gli altri stavano avviandosi per rientrare a casa tornai sul luogo e, esplorando sotto la ramaglia, trovai il serpente morto, con la spina dorsale troncata dalla mia bastonata. Non me ne dolsi più di tanto, ma non ne fui neppure fiero.
    Il secondo serpente, ancora un innocuo “torchione”, lo uccisi proprio sul marciapiedi della Casetta, la mia casa di campagna. In quel tempo stavo eseguendo dei lavoretti in muratura e, nel piazzale davanti alla casa, proprio accanto alla porta di ingresso, avevo fatto scaricare un mucchio di sabbia che avevo poi coperto – affinchè la pioggia non la disperdesse – con una lamiera ondulata.
    Quel giorno – erano arrivati i primi tepori di primavera – dovevo usare della sabbia per cui sollevai la lamiera che la copriva. Sotto di essa, beatamente arrotolato sulla sabbia tiepida, eccoti un bel serpentone lungo un metro abbondante. Quella vista scatenò in me la consueta reazione di ribrezzo, paura e rabbia proprio per questa sgradevole reazione che quella presenza aveva scatenato.
    Il “torchione”, per parte sua, fu certo più spaventato di me e perse la testa. Infatti, invece di dileguarsi nell’erba subito fuori dal marciapiedi, voltò l’angolo della casa e si avventurò lungo il marciapiedi laterale che, oltre ad essere incassato fra la casa e un muretto, finiva con una scaletta che avrebbe dovuto superare. Oltre a ciò sul cemento del marciapiedi scivolava per cui non riusciva a procedere con la massima velocità. Ed io, istintivamente, afferrata una zappa che era lì presso, gli corsi dietro lungo il marciapiedi laterale. Il serpente si sforzava di correre, con la testa sollevata ed emetteva dei soffi sibilanti e disperati. Fu un attimo. Lo raggiunsi e lo colpii con la zappa. Fu un colpo solo che tagliò il serpe in due tronconi che continuarono per un po’ a contorgersi.
    Quella volta alla vista di quei resti provai subito vero dolore e rimorso. Avevo ancora negli occhi quel suo arrancare disperato e negl’orecchi quel soffiare affannoso. Mi resi conto di aver infierito crudelmente su una creatura innocente che cercava disperatamente di fuggire e salvarsi, evitando la morte. Quel dolore e quel rimorso sono ancora dentro di me. Dopo quarant’anni.
    Il terzo serpente lo uccisi senza rimorso perché era una vipera ed era proprio davanti alla Casetta, ora frequentata anche dai miei nipotini.
    Stavo facendo la pulizia del piazzale e stavo rimuovendo delle grosse mattonelle che eravo avanzate dalla pavimentazione di una stanza ed erano state appoggiate al muro esterno della casa.
    Dietro una di esse trovai la vipera. Era ancora giovane, lunga non più di trenta o quaranta centimetri ed era ancora intorpidita giacché eravamo al principio della primavera. Si muoveva lentamente per cui ebbi modo di osservarla bene fino ad essere sicuro che si trattava proprio di una vipera. Allora la uccisi schiacciandole la testa, convinto di fare la cosa giusta.
    E con questo si conclude la mia storia di assassino di serpenti pentito.
    Ma sono sicuro che li ritroverò quei tre serpenti, perché in questo incommensurabile spazio-tempo che è l’universo prima o poi tutto ritorna. Li ritroverò e saremo sereni, perché saremo consapevoli che tutto quanto ci è accaduto era solo e semplicemente il nostro destino.

     



    Io e i serpenti | 3 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Io e i serpenti
    Contributo di: Ganimede on Monday, 27 April 2015 @ 17:07
    Scusa eh Mario ma a me, sembra che da questa storiella emerga più la figura di un uomo un po' sadico che quella di un uomo pentito. Non nego che possano presentarsi circostanze di pericolo tali da legittimare la soppressione di un animale pericoloso (non mi sembrano questi i casi, non voglio giudicare perchè non ho i serpenti fuori casa ma ti ricordo che tu stesso hai parlato di animali occasionalmente indifesi impauriti o addirittura non velenosi)ma farne la trama di un racconto, mi sembra un'idea quanto meno opinabile. La cosa che più mi disturba è che parli addirittura di rabbia e disgusto come se la rabbia fosse provocata dall'esistenza stessa dell'animale, e questo mi sembra inammissibile quanto l'idea che noi umani abbiamo più diritti morali di altre specie, di popolare questa terra. Avresti potuto cogliere l'occasione per spiegare alla tua dolcissima bambina impaurita che nesssun animale è cattivo o aggredisce deliberatamente. Ho letto comunque il tuo racconto con una certa curiosità, sperando in un tuo ravvedimento finale ma non mi pare ci sia stato... anzi, parli addirittura di destino, beh, io non credo nel destino e spero che i tuoi serpenti non la pensino come me, o saranno cavoli amari. Scusa, non dico che tu non sia un bravo scrittore ma la morale della storia mi disturba parecchio; ho quasi pensato che tu sia un serpentologo immolato per sensibilizzarci ai serpenti, tanto ne escono vittime. A proposito, ho letto da qualche parte che i ragni sarebbere immuni alle radiazioni e in caso di catastrofe nucleare si salverebbero solo loro o giù di lì, questo per dire quanto la nostra presunta supremazia non sia così scontata... ( tanti baci ai ragni, per scaramanzia :-)))

    ---
    Nadia Rizzardi
    ----
    Ganimede é la splendida luna gioviana su cui andró a vivere quando la terra sarà definitivamente sommersa dalle chiacchiere.

    [ ]

    Io e i serpenti
    Contributo di: Lorens on Tuesday, 28 April 2015 @ 00:23
    ...prima di tutto devo osservare che questo racconto è
    dotato di una scrittura cristallina, di forma corretta e
    scorrevole, che fa della tua penna un'ottima soluzione di
    narrativa. Ciò detto, passiamo ora alle dolenti note. Il
    contenuto di questo racconto è odioso, e questo è dir poco.

    Mi basta menzionare il passaggio della prima uccisione del
    serpente per ribrezzo e vendetta, in quanto risentito della
    paura da esso provocata alla tua piccina; sicuramente
    avresti fatto meglio a spiegarle che era solo un innocuo
    animale della natura, cogliendo l'occasione per un bel
    messaggio educativo.

    Almeno per il secondo serpente ucciso ti sei pentito ma
    sempre troppo tardi.

    Ti perdono per la vipera perché pericolosa, anche se era
    meglio evitarla ed allontanarsi senza ucciderla. Per quanto
    riguarda la chiusa del racconto e la metafora del destino
    che non condivido nel modo più assoluto, mi piacerebbe che
    tu ritrovassi i tuoi serpenti a loro volta in sensazione di
    "ribrezzo" per la tua persona, e ti praticassero lo stesso
    trattamento omicida ripetuto come tu infliggesti loro...e
    con questo la chiudo qui, confermando lo schifo del
    contenuto...

    ciao
    Lorens

    -----------------------------------------------------------

    Guerra in afghanistan
    L'onu decide di mandare tre impavidi volontari a fare un
    sopraluogo. Viene scelto un marine, un giapponese e un
    carabiniere.
    La prova per dimostrare le proprie capacità e coraggio
    consiste in:
    - catturare un velenosissimo serpente
    - pettinare un leone affamato
    - soddisfare sessualmente una novantenne.
    Il marine in 3 secondi cattura il serpente, in 1 minuto fa i
    boccoli al leone ma quando vede la vecchia rinuncia.
    Il giapponese in 2 secondi cattura il serpente, 1,5 pettina
    il leone, vede la vecchia e vomita
    Entrambi vengono scartati.
    E' il turno del carabiniere. In un decimo di secondo cattura
    il serpente, rimane tre minuti con il leone e ne esce tutto
    graffiato e a quel punto chiede al giudici: "scusate, dov'è
    la vecchia da pettinare?"

    [ ]

    Io e i serpenti
    Contributo di: dragonero on Saturday, 02 May 2015 @ 23:12
    scusami ma questo pseudo racconto è una di quelle cose che si raccontano ad una grigliata tra amici, scrivere credo sia altro
    (f)

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2019 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.