club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Saturday, 20 October 2018 @ 07:11 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2672/0)
Racconti (1019/0)
Saggi (12/0)

Clubpoeti.it sostiene la coscienza degli animali  

Eventi  
Eventi nel sito

Monday 12-Mar -
Tuesday 30-Oct
  • Premio di Poesia Ottavio Nipoti - Ferrera Erbognone 2018

  • Wednesday 28-Mar -
    Friday 30-Nov
  • Premio Il Club degli autori 2018-2019 Trofeo Umberto Montefameglio

  • Sunday 01-Apr -
    Sunday 30-Dec
  • Premio Jacques Prèvert 2019

  • Wednesday 03-Oct -
    Wednesday 30-Jan
  • Premio Il Club dei Poeti 2019
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    1 Contributo nelle ultime 24 ore

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Hic Sunt Leones
  • Gradite nu cafe'
  • Alla mia ragazza ... [+2]
  • Il Ventriloquo [+4]
  • La legge del pens... [+10]
  • È facile smettere...
  • Maniman ciuvesse,...
  • Avvoltoi
  • Metamorfosi
  • il resto manca

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Moschino   
     Wednesday, 28 January 2015 @ 09:30
     Leggi il profilo di: max13
     Visualizzazioni: 675

    Racconti

    Tutti, o quasi, siamo cercatori. Cercatori di pepite di ogni cosa, sia spirituale che prettamente materiale. Cerchiamo il pelo nell’uovo, l’ago nel pagliaio, l’amico per poi trovare un tesoro, cerchiamo la fonte dell’eterna giovinezza, la pietra filosofale, il santo Graal, cerchiamo la nostra libertà, le nostre radici, il nostro domani.
    E si sa che, come dice un proverbio, chi cerca trova.
    Moschino cercava il buco da dove uscivano i sogni. Non so in effetti quale fosse il suo vero nome, e se addirittura ne avesse uno. Per tutti era semplicemente Moschino, con la sua bicicletta nera, i suoi capelli lunghi e bianchi, come la sua barba.
    A quel tempo, nella pineta, il viale centrale era stato chiuso al passaggio di automobili e si poteva percorrere solo a piedi o in bicicletta e il nostro divertimento era quello di vedere passare Moschino che pedalava a più non posso gridando frasi che si perdevano col suo allontanarsi.
    “Il solito ubriaco”, era il commento della maggior parte delle persone che assistevano al suo passaggio. Ma noi sapevamo che non era così, Moschino non beveva né lo avevamo mai visto bere qualcosa di diverso dall’ acqua che si portava dietro in una borraccia simile a quella dei corridori professionisti.
    Improvvisamente si fermava, quasi folgorato da una rivelazione divina, scendeva dalla sua bicicletta e, con un piccolo bastone appuntito che toglieva da un sacchetto di plastica attaccato al manubrio, cominciava a frugare il terreno, specialmente vicino alle radici dei pini che sporgevano da terra o sull’orlo erboso dei fossi.
    Era una ricerca frenetica, capillare e il suo viso era illuminato da una gioia fanciullesca. Poi ad un tratto, si rabbuiava e bestemmiando il suo dio, riponeva con cura il bastone appuntito, risaliva in sella alla bicicletta e si allontanava a gran velocità ricominciando a gridare le solite frasi incomprensibili.
    Nessuno di noi sapeva cosa stesse cercando, stupide supposizioni di tesori, magari solo una gemma o semplicemente un anello. Sapevamo che era qualcosa di prezioso dall’accanimento che Moschino metteva nella sua ricerca, ma non sapevamo esattamente cosa. Un giorno, credo che fosse di Giugno, vedemmo Moschino seduto su di una panchina e qualcuno di noi ebbe l’idea di andare a chiedergli cosa mai stesse cercando, magari avremmo potuto aiutarlo nel ritrovare ciò che aveva perso, ma ciò che ci disse ci lasciò di stucco: “cerco il buco da dove escono i sogni” fu la risposta, e alla nostra faccia attonita continuò : “tutte le cose escono da un buco, pensate ad un albero o all’erba, pensate alla sorgente di un fiume, pensate ai diamanti, pensate alla voce, alle lacrime, pensate al petrolio, ai minerali estratti da buchi grandi chiamati miniere, pensate agli animali, agli esseri umani…tutto esce da un buco, e anche sogni lo fanno”. Detto questo, inforcò la sua bicicletta e sparì in mezzo agli alberi e ai cespugli di rovi che allora erano abbondanti.
    Da quel giorno, quando lo vedevamo passare, non lo guardavamo più con commiserazione, ma con rispetto e dentro di noi gli auguravamo di trovare quel buco.
    Passò così anche quell’estate, in pineta la gente era sempre più rara, l’erba sempre più gialla, i fossi sempre più pieni di acqua piovana, ma Moschino era sempre là, presente, col suo andirivieni frenetico e urlante. Poi, d’improvviso non lo vedemmo più. Passarono alcuni giorni senza la sua presenza e pensammo che forse l’incipiente freddo e i frequenti rovesci lo avessero fatto desistere dalla sua follia, sicuri che lo avremmo rivisto appena la primavera si fosse ripresentata.
    Ma non fu così. Lo ritrovarono dopo cinque giorni, impiccato ad un ramo di un pino, nascosto dai rovi e, dicono, che i suoi occhi fossero aperti, fissi, rivolti ad un buco nella corteccia dell’albero.

     



    Moschino | 10 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Moschino
    Contributo di: frame on Wednesday, 28 January 2015 @ 11:10
    Delizioso. Raccontino taglio web scritto comme il faut. --- Frame

    [ ]

    Moschino
    Contributo di: Sandro Moscardi on Wednesday, 28 January 2015 @ 11:14
    Ottimo scritto. Semplice e ben condotto. E' vero, ci sono buchi dai quali escono le cose, è facile capire a quale buco escano le esalazioni lordanti che nulla hanno a che vedere con la valutazione di questo bel racconto. Ciao Sandro

    [ ]

    Moschino
    Contributo di: trimacassi on Wednesday, 28 January 2015 @ 15:57
    Piacevole raccontino. Il bello è, che è vero che tutte le
    cose escono da un qualche buco. Grigio si meraviglia che è da
    un buco che escono,pure, certi personaggi, ma è ancor più
    bello ed esilarante che c'è sempre qualcuno che si riconosce
    in qualcuno di quei personaggi-ah ah ah ah !

    ---
    trimacassi


    ***Tutto ciò che non viene donato
    va perduto (Proverbio Indiano) ***




    [ ]

    Moschino
    Contributo di: Elysa on Wednesday, 28 January 2015 @ 19:39
    Racconto piacevole e ben scritto...in ogni paese esiste un personaggio strano o magari decisamente fuori di testa che suscita ilarità e curiosità...ma qualcuno diceva che la pazzia è la più grande forma di libertà. --- Elysa

    [ ]

    Moschino
    Contributo di: Nausicaa on Thursday, 29 January 2015 @ 14:00
    Racconto scritto in maniera grammaticalmente inappuntabile
    e scorrevole alla lettura; detto ciò, però, il finale non
    mi è piaciuto e mi ha direttamente riversato nel palato un
    sapore di fiele. De gustibus...

    ---
    ----- Nausicaa

    *Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un gesto rivoluzionario* (George Orwell)

    [ ]

    Moschino
    Contributo di: vitolucianoravi on Sunday, 01 February 2015 @ 20:48
    Moschino o meschino, raccontino ... mi spiace! tutti scrivono, pochi sognano! Complimenti... insisti!

    ---
    Vito Rattoballi

    [ ]

    Moschino
    Contributo di: iTer on Saturday, 14 February 2015 @ 16:12
    Carino, soprattutto grazie a Moschino e alla sua fantastica
    ricerca, che tu descrivi in modo pulito e corretto.

    ---
    iTer

    [ ]

    Moschino
    Contributo di: Mitla on Friday, 20 March 2015 @ 20:14


    Sicuramente ben scritto, una bella penna, pulita. L'idea mi piace, insomma un bel pezzo via.
    Non l'avrei fatto impiccare però, l'avrei fatto sparire... In un buco :D.

    ---
    Mitla





    [ ]

    Moschino
    Contributo di: Lorens on Friday, 12 October 2018 @ 16:07
    ... penna sopraffina per un racconto "spot" scritto in
    stesura limpida e cristallina, con vezzo attrattivo e di
    curiosità nella lettura ...

    Avrei scelto un finale meno tragico, magari una sparizione
    accompagnata da un sogno personale laddove Moschino volava
    felice tra le nuvole...ma questa è un altra storia.

    Complimenti, bene così, a rileggerti con vivo interesse.

    ciao
    Lorens

    ---
    Lorens

    [ ]

    Moschino
    Contributo di: Armida Bottini on Saturday, 13 October 2018 @ 07:30
    Io il buco l'ho trovato! Ciao. --- Midri

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2018 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.