club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Saturday, 04 April 2020 @ 19:08 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2685/0)
Racconti (1025/0)
Saggi (20/0)

Eventi  
Eventi nel sito

Wednesday 01-Jan -
Thursday 30-Apr
  • XXVII Giro d'Italia delle Poesie in cornice 2020

  • Thursday 02-Jan -
    Thursday 30-Apr
  • Concorso Internazionale di poesia Città di Montegrotto Terme 2019

  • Friday 03-Jan -
    Thursday 30-Apr
  • Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2020

  • Saturday 04-Jan -
    Friday 15-May
  • Premio Letterario Nazionale Poesia a Chiaromonte 2020

  • Sunday 05-Jan -
    Sunday 31-May
  • Premio Ebook in…versi 2020

  • Tuesday 07-Jan -
    Thursday 30-Jul
  • XXV Edizione Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2020

  • Tuesday 07-Jan -
    Tuesday 30-Jun
  • Premio Letterario Nazionale «Versi e parole in Lomellina» 2020
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    1 Contributo nelle ultime 24 ore

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Nemico invisibile
  •       La stretta ... [+9]
  • Foglie di libertà [+4]
  • Stai muta [+4]
  • Come Penelope
  • Il vantaggio di u... [+2]
  • Dimentica
  • Peeling Potatoes ...
  • Mattino di metà m...
  • Presente & Fu...

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     La forza del dovere   
     Monday, 05 May 2014 @ 10:00
     Leggi il profilo di: mouse
     Visualizzazioni: 624

    Racconti

    Lento il corteo sfilava sotto il sole d'un'estate che in fondo allo Stivale mai non viene meno al suo dovere. A fatica avanzava Martina, le gambe pesanti più del piombo, umido un fazzoletto. Appena davanti a sé, alcune figure in divisa scura; una d'esse, decorata, le tempie brizzolate, l'aveva tenuta stretta a sé paternamente poco prima. Alla spalle di Martina, due giovani donne, il capo chino forse più di quanto la circostanza non richiedesse. Mancava la piccola Cristina, rimasta a casa, accudita da una prozia. Due giorni prima, una telefonata: "Pronto? Ciao, Martina. Sì, sì, sono io, me l'hanno accordata... No, volevo solo dirti questo. Adesso corro a preparare la valigia, perché mi tocca fare il turno di notte; partirò domani, appena terminato il servizio: il treno dovrebbe partire alle 7,18 e arrivare, ammesso che sia puntuale, verso l'una. Per una decina di giorni potremo finalmente portare al mare la bambina, che ne ha tanto bisogno". Dopo aver riagganciato il ricevitore, Francesco aveva lasciato la cabina telefonica ed era risalito in macchina, diretto verso il piccolo appartamento che lo ospitava, per fare la valigia. D'un tratto, un fuggi-fuggi catturò l'attenzione del giovane carabiniere. Scese immediatamente dall'auto e diresse al fiume, dove già era radunata una piccola folla. Due giovani donne, sbracciandosi disperatamente nell'acqua, invocavano aiuto. Generosamente, senza riflettere un solo istante, Francesco si gettò in acqua e già la schiaffeggiava con le sue braccia vigorose. Raggiunse la prima delle due ragazze, la cinse con un braccio, la riportò a riva e si rituffò immediatamente per il secondo salvataggio. Nell'acqua, divenuta all'improvviso più ostile, ora Francesco avanzava più lentamente. Raggiunta la seconda sfortunata ragazza, terrorizzata perché ormai semiannegata, l'agente dovette faticare non poco per ricondurla a riva, perché la giovane donna si dimenava come una forsennata. Appena giunto a riva, stremato, s'avvide che gli mancava la pistola d'ordinanza: il convulso dibattere della donna aveva fatto sì che gli scivolasse in acqua. Quale superiore, per quanto severo, non avrebbe perdonato all'agente lo smarrimento nell'acqua dell'arma affidatagli, dopo l'eroico duplice salvataggio? In fondo, l'avrebbe potuta recuperare successivamente, appena avesse riacquistato le forze. Ma il senso del dovere innanzitutto, a qualunque costo, e fu di nuovo in acqua. Raggiunto, ormai sfinito, il punto in cui aveva effettuato il secondo salvataggio, s'immerse nelle acque profonde del fiume mentre gli astanti, preoccupati, assistevano dalla riva al recupero ella rivoltella. Dopo un'estenuante attesa, l'agente dell'"Arma" riemerse; una seconda immersione però fece capire inequivocabilmente che il primo tentativo era andato a vuoto. Riemerse per la seconda volta e poi di nuovo giù, a scrutare accuratamente il greto. Stavolta il fiume, impietoso, forte gli cinse i polsi e le caviglie, mentre avvertiva la forza come d'un macigno gravare sul petto. Vide Cristina, a un tratto, non più bambina: la vide già donna , avvolta da un abito bianco, gridare papà. E mentre il sangue tambureggiava forte sulla tempia e l'abbraccio dell'acqua diveniva ancor più gelido, vide quell'abito bianco perdere pian piano il suo candore e divenire più scuro, sempre più scuro, fino ad assumere il nero colore del fondo del fiume.

     



    La forza del dovere | 10 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    La forza del dovere
    Contributo di: Nausicaa on Monday, 05 May 2014 @ 14:48
    Cronaca di un atto d'eroismo dilatato dall'estremo senso del
    dovere, che però, secondo me andava postato nella sezione
    "racconti".

    ---
    - - Nausicaa - -

    La poesia comincia quando un'emozione ha trovato il pensiero e un pensiero ha trovato le sue parole (R. Frost)

    [ ]

    La forza del dovere
    Contributo di: Armida Bottini on Monday, 05 May 2014 @ 14:55
    Grazie di averlo scritto amico. Questi sono i veri Italiani che mi rendono fiera di appartenere alla mia Patria. Ciao --- Midri

    [ ]

    La forza del dovere
    Contributo di: franca canapini on Monday, 05 May 2014 @ 15:30
    Ci vogliono questi scritti e questi esempi di condotta generosa. Poi c'è chi il
    dovere non lo sente e chi lo sente troppo. Difficile essere capaci di equilibrio.

    franca

    [ ]

    La forza del dovere
    Contributo di: mouse on Monday, 05 May 2014 @ 20:28
    Mi limito a dire che il racconto è ispirato da un fatto
    realmente accaduto. Un eroico carabiniere ha salvato due
    ragazze a costo della propria vita, perduta proprio nel
    tentativo di recuperare la pistola d'ordinanza scivolatagli in
    acqua. Siamo negli anni ottanta, e il protagonista era d'un
    paese della Puglia. Un cordiale saluto a tutti.

    [ ]

    La forza del dovere
    Contributo di: Elysa on Monday, 05 May 2014 @ 20:42
    mi è piaciuto molto e sono, come Armida, orgogliosa di essere Italiana come quei carabinieri e operatori dell'ordine in generale che offrono la propria vita in patria e anche all'estero, per la difesa degli altri. Mi è piaciuto come l'hai scritto e ancora di più per il fatto che esalta il coraggio di questi uomini, ne abbiamo un esempio lampante in questi giorni guardando il Tg e vedendo a che punti siamo arrivati con il calcio e i suoi pseudo- tifosi che inneggiano a chi ha ucciso un uomo dell'ordine, che svolgeva il suo lavoro! --- Elysa

    [ ]

    La forza del dovere
    Contributo di: Il Tom esitante on Tuesday, 06 May 2014 @ 00:27
    Retorico....terribilmente retorico,

    ---

    --Te--

    [ ]

    La forza del dovere
    Contributo di: percefal on Wednesday, 07 May 2014 @ 12:55
    La forza del dovere ... retorica a parte, non raggiunge più vette estreme, estinta nella sintesi della cronaca e di un layout assai compatto vive oggi di narrazioni affatto liriche. Maggiore spazio, magari, avrebbe dato respiro e risalto al narrato. Bene. --- Se Sophia è custode vera del pensiero, con l’arte in mente e la mente nell’arto, sotto mentite spoglie che relazione diparto: la mente oppure l’arte?

    [ ]

    La forza del dovere
    Contributo di: ~*Maurizio*~ on Thursday, 08 May 2014 @ 11:39
    Quel "retorico"
    non so se sia riferito al fatto
    o al modo in cui lo hai raccontato.
    Nel primo caso,
    la cronaca è piena di fatti simili;
    tutti retorici?
    Nel secondo caso invece
    concordo con chi dice che
    un editing con più respiro
    avrebbe evidenziato maggiormente
    l'ottima prosa che mi pare ti appartenga.

    Resta il fatto che, comunque,
    l'ho letto con interesse
    fino a una chiusa che trovo persino poetica.

    Sincera-mente

    [ ]

    La forza del dovere
    Contributo di: carabinakid on Sunday, 08 June 2014 @ 12:16
    Per me un buon racconto che rendo omaggio alla persona a cui ti riferisci.
    BRAVO
    Ciao
    Francesco

    [ ]

    La forza del dovere
    Contributo di: Lorens on Friday, 19 February 2016 @ 18:54
    ... ecco una bella narrativa di un fatto realmente accaduto
    che onora l'eroe protagonista dal grande senso del dovere
    forse esageratamente manifestato con la perdita della
    propria vita.

    Con lucidità pura, viene da pensare che una pistola vale
    molto meno della propria vita e degli affetti familiari;
    d'altronde quale valenza a confronto tra un rimprovero del
    superiore e l'atto eroico appena portato a termine?

    Se l'eroe rappresentante dell'Arma, avesse in quel momento
    valutato meglio il suo gesto eroico con calma, senza dar
    peso alla perdita della rivoltella, forse oggi si
    scriverebbe un'altra storia ...

    Ottimo resoconto per un brano "verità", assolutamente non
    retorico, compiutamente ad esempio per una scrittura limpida
    e cristallina.

    Voti da (1 : 10)
    incipit =
    musicalità = "parata d'eroi" F.Pellegrino (10)
    fantasia = legata lucidamente alla verità (7)
    verso =
    contenuto = storia eroica dal triste finale (7)
    messaggio = quando il dovere supera il rischio (7)
    scrittura = limpida e cristallina in sintassi (7,5)
    narrativa = scorrevole di attraente lettura (7,5)
    emozionalità = reportage dettagliato di forte emotività (7)
    interesse = generale di un fatto accaduto (7)

    ciao
    Lorens


    ---
    Lorens

    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2020 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.