club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Saturday, 04 April 2020 @ 19:58 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2685/0)
Racconti (1025/0)
Saggi (20/0)

Eventi  
Eventi nel sito

Wednesday 01-Jan -
Thursday 30-Apr
  • XXVII Giro d'Italia delle Poesie in cornice 2020

  • Thursday 02-Jan -
    Thursday 30-Apr
  • Concorso Internazionale di poesia Città di Montegrotto Terme 2019

  • Friday 03-Jan -
    Thursday 30-Apr
  • Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2020

  • Saturday 04-Jan -
    Friday 15-May
  • Premio Letterario Nazionale Poesia a Chiaromonte 2020

  • Sunday 05-Jan -
    Sunday 31-May
  • Premio Ebook in…versi 2020

  • Tuesday 07-Jan -
    Thursday 30-Jul
  • XXV Edizione Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2020

  • Tuesday 07-Jan -
    Tuesday 30-Jun
  • Premio Letterario Nazionale «Versi e parole in Lomellina» 2020
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    1 Contributo nelle ultime 24 ore

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Coronavirus!
  • Foglie di libertà [+5]
  •       La stretta ... [+11]
  • Preghiera
  • Nemico invisibile
  • Stai muta [+3]
  • Come Penelope
  • Il vantaggio di u... [+2]
  • Dimentica
  • Peeling Potatoes ...
  • Mattino di metà m...

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Il Bösendorfer ( omaggio a Thomas Bernhard )   
     Tuesday, 06 August 2013 @ 09:45
     Leggi il profilo di: davide di ceglie
     Visualizzazioni: 1431

    Racconti

    Mi avvicinai al pianoforte. Era un Bösendorfer e sapevo che non avrei mai più potuto permettermi di ricomprare qualcosa che costasse così tanto. Ero finito in povertà, e tutto quello che mi rimaneva era quel pianoforte. Fu per questo che lo distrussi, perché era tutto quello che rimaneva del mio passato, lo distrussi con un martello, nel più volgare dei modi, e ad ogni colpo mi sentivo più libero, più triste ma più libero. Il rumore attirò in camera mia madre, che aveva voluto a tutti i costi che io non suonassi quel pianoforte, e quando la vidi colpii ancora più forte, robuste martellate sulla tastiera, e la guardavo, perché a lei interessava solo sapere che quello era un oggetto di valore, era sempre stato per lei un oggetto di valore e basta,per questo lo colpii con ferocia inaudita,perché lei aveva sempre cercato di sottrarmi all’arte e l’arte era tutto quello che volevo, ed ora che l’arte mi aveva abbandonato, dopo che per anni l’avevo rifiutata inconsciamente, per via della sua avversione, pensai, dovevo distruggerlo, dovevo rendere evidente come io non fossi più in grado di suonare alcunché soprattutto perché ero stato ostacolato, non solo da mia madre, ma da tutti coloro che nel corso della mia vita avevo frequentato, ero stato ostacolato da tutti e paralizzato nelle mani, fino al punto da non poter suonare più il Bösendorfer, e così tanto valeva distruggerlo, questo pensai e dissi a mia madre, che assisteva allo spettacolo con occhi sgranati, e alla fine quando valutò che i danni erano irreparabili uscì dalla stanza in lacrime, ma io continuai a colpire e a colpire fino a quando non rimase più niente da colpire, e solo allora posai il martello e andai in camera mia.

     



    Il Bösendorfer ( omaggio a Thomas Bernhard ) | 10 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Il Bösendorfer ( omaggio a Thomas Bernhard )
    Contributo di: Marcus on Tuesday, 06 August 2013 @ 10:50
    Uno sfogo inaudito per chi vi assiste 'esraneo' ma ricco di valide motivazioni per chi lo compie. E' la vita.

    ---
    Marcus

    [ ]

    Il Bösendorfer ( omaggio a Thomas Bernhard )
    Contributo di: gricio on Tuesday, 06 August 2013 @ 14:36
    Io l'avrei messo su e.bay prima di distruggerlo....ma contento tu.... :)
    Segnalo che dalla frase "il rumore...." in poi non c'è nemmeno un punto. Ma forse, tutto sommato, la mancanza di interruzioni rende quasi bene il senso di rabbia in evoluzione del protagonista. E' una scelta voluta ?


    ---
    "parlare di musica è come ballare di architettura" (F.Zappa)
    http://gricio-gricio.blogspot.com/

    [ ]

    Il Bösendorfer ( omaggio a Thomas Bernhard )
    Contributo di: davide di ceglie on Tuesday, 06 August 2013 @ 15:26
    si si, gricio: questo racconto è stato scritto alla maniera
    di Bernhard, un autore a cui mi sto appassionando
    molto in questo periodo, proprio per il suo stile molto
    particolare.

    [ ]

    Il Bösendorfer ( omaggio a Thomas Bernhard )
    Contributo di: scollo salvatore on Tuesday, 06 August 2013 @ 16:44
    Difficile considerarlo un raccontino, privo com'è di valenza contenutistica.

    [ ]

    Il Bösendorfer ( omaggio a Thomas Bernhard )
    Contributo di: PattiS. on Tuesday, 06 August 2013 @ 23:22
    mmm....esercizio di stile; devo dire che questo modo di scrivere necessita ancora
    più cura e abilità di una scrittura "classica" e il ritmo è
    importantissimo. Se questo è un laboratorio, come alla fine dovrebbe esserlo,
    ben vengano anche queste prove. Tra l'altro qui c'è già molto. Potrebbe essere
    un buon incipit perché cattura l'attenzione.

    ---
    Within me, bursts its watery syllable

    [ ]

    Il Bösendorfer ( omaggio a Thomas Bernhard )
    Contributo di: A.Sal.One on Wednesday, 07 August 2013 @ 15:38

    Uno sfogo equo il tuo:

    c'e` chi usa la penna
    c'e` chi usa il martello

    l'arte, in par condicio,
    rimane tale e quale.

    ---
    Dal pianeta dell'Oh!

    [ ]

    Il Bösendorfer ( omaggio a Thomas Bernhard )
    Contributo di: Armida Bottini on Thursday, 08 August 2013 @ 10:35
    Come Patti.S. Bravo. Ciao.

    ---
    Midri

    [ ]

    Il Bösendorfer ( omaggio a Thomas Bernhard )
    Contributo di: Elysa on Thursday, 22 August 2013 @ 15:16
    mi è piaciuto anche se forse va affinato in qualche punto, la tua scrittura però colpisce e non è poco! a presto allora! --- Elysa

    [ ]

    Il Bösendorfer ( omaggio a Thomas Bernhard )
    Contributo di: ~*Maurizio*~ on Monday, 26 August 2013 @ 13:04
    Raccontino breve ed incaz.zoso
    che proverei a sviluppare,
    visto che merita,
    per farne un vero e proprio racconto.
    - - - - - - - -
    saluti

    ---
    ***

    Qualsiasi cosa che sia qualcosa di qualcos'altro
    in realtà è niente di niente...

    (Marge Simpson)

    [ ]

    Il Bösendorfer ( omaggio a Thomas Bernhard )
    Contributo di: rita iacomino on Saturday, 28 September 2013 @ 10:06
    Invece di romperlo, da grande, avresti potuto fare una scuola
    di pianoforte per avere la possibilità di realizzare quel
    sogno, anche solo per te stesso.
    Ciao
    rita

    ---


    rita iacomino ---

    www.ritaiacomino.weebly.com



    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2020 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.