club.it
clubpoeti.it
club.it
 Benvenuto su ..::Il Club dei Poeti::.. Saturday, 04 April 2020 @ 19:06 
Invia il tuo racconto | Invia la tua poesia | Faq | Contatti
Argomenti  
Home
Poesie (2685/0)
Racconti (1025/0)
Saggi (20/0)

Eventi  
Eventi nel sito

Wednesday 01-Jan -
Thursday 30-Apr
  • XXVII Giro d'Italia delle Poesie in cornice 2020

  • Thursday 02-Jan -
    Thursday 30-Apr
  • Concorso Internazionale di poesia Città di Montegrotto Terme 2019

  • Friday 03-Jan -
    Thursday 30-Apr
  • Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2020

  • Saturday 04-Jan -
    Friday 15-May
  • Premio Letterario Nazionale Poesia a Chiaromonte 2020

  • Sunday 05-Jan -
    Sunday 31-May
  • Premio Ebook in…versi 2020

  • Tuesday 07-Jan -
    Thursday 30-Jul
  • XXV Edizione Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2020

  • Tuesday 07-Jan -
    Tuesday 30-Jun
  • Premio Letterario Nazionale «Versi e parole in Lomellina» 2020
  • Ultime novità  
    CONTRIBUTI
    1 Contributo nelle ultime 24 ore

    COMMENTI
    nelle ultime 48 ore

  • Nemico invisibile
  •       La stretta ... [+9]
  • Foglie di libertà [+4]
  • Stai muta [+4]
  • Come Penelope
  • Il vantaggio di u... [+2]
  • Dimentica
  • Peeling Potatoes ...
  • Mattino di metà m...
  • Presente & Fu...

  • LINKS
    nelle ultime 2 settimane

    Nessun nuovo link


     Tutta colpa della frittura di calamari!   
     Wednesday, 24 July 2013 @ 17:15
     Leggi il profilo di: Lele
     Visualizzazioni: 628

    Racconti

    Si dice in giro che con l’avanzare degli anni si diventi più intolleranti, intolleranti al cibo, intolleranti al sole, intolleranti alla gente che ci circonda.

    Aveva passato una nottata infernale, forse la frittura di calamari consumata la sera prima gli aveva procurato scompensi intestinali e mentali tanto da indurlo in un incubo notturno che non avrebbe facilmente dimenticato.
    Si era svegliato di soprassalto intorno alle 2,30 madido di sudore e con il cuore in rigurgito e dopo essersi seduto, aveva rivolto lo sguardo alle sue gambe improvvisamente appesantite.
    Con orrore vide appoggiata la sua testa, tranciata di netto all’altezza del gozzo con il sangue raggrumato. Il viso era disteso in una espressione naturale, priva di ogni tratto di quella sofferenza e dolore che invece avrebbe dovuto avere.
    D’istinto avvicinò le mani per toccare quel viso, il suo viso. Voleva sentire la pelle al tatto, increspata dalla barba mattutina, seguirne le forme, il naso, la bocca, le orecchie e poi i capelli. Provò una sensazione strana nel sentire quella testa che in quel momento non gli apparteneva.
    Tentò di sollevarla e notò subito che pesava, un peso che non aveva mai sentito prima, quando il collo la sorreggeva. Cercò di rimetterla al suo posto ma inutilmente. La testa cadde e rotolò in modo grottesco sotto il letto. Si piegò e tirandola per i capelli la riportò sul letto. Era disperato, in preda al panico provò nuovamente a fissarla sul collo e questa volta ci riuscì.
    Poi, così come era venuto, l’incubo svanì lasciandolo disteso sul letto con le mani ancora incollate alla testa quasi a non volerla perdere. Avrebbe voluto qualcuno al suo fianco in quel momento per condividere l’angoscia che ancora lo attanagliava. In quel momento come in tanti altri, rimpianse la vita prima della separazione, quando la sua donna e suoi figli erano ancora parte di se.
    Fortunatamente però, come per tutti gli incubi, al risveglio scoprì che era stato solo maledettissimo sogno, sentì pervadere il corpo da un meraviglioso e indescrivibile sollievo.

    Si alzò, corse in bagno e ne uscì solo dopo una estenuante seduta fisiologica, la frittura si faceva ancora sentire. Andò a vestirsi in camera da letto. Quella mattina scelse accuratamente una cravatta dall’armadio, una dalla tinta monocromatica confacente alla giornata di lavoro che lo attendeva, noiosa e alquanto formale.
    Si avvicinò allo specchio come sempre, con lo sguardo rivolto al nodo della cravatta che aspettava impaziente di stringersi attorno al collo. Alzò la testa e in quello stesso istante il cuore si fermò.

    L’immagine riflessa non fu quella del suo volto, ma della sua nuca.
    Quella notte qualcosa era andato storto, forse per colpa della frittura, forse….

    Morì solo, steso in posizione prona con il viso schiacciato contro un freddo pavimento di piastrelle.

     



    Tutta colpa della frittura di calamari! | 8 Commenti | Crea un nuovo Account

    I seguenti commenti sono proprieta' di chi li ha inviati. Club Poeti non e' responsabile dei contenuti degli stessi.
    Tutta colpa della frittura di calamari!
    Contributo di: Armida Bottini on Thursday, 25 July 2013 @ 10:06
    Mamma santa, che fantasia! Ciao. --- Midri

    [ ]

    Tutta colpa della frittura di calamari!
    Contributo di: ~*Maurizio*~ on Thursday, 25 July 2013 @ 10:59
    L'incubo a volte sa essere traditore; t'illude e tu sospiri, ma poi si ripresenta in offerta speciale due in uno. Due incubi in un solo sogno. Pensa se l'incubo si dovesse ripetere per più notti, dopo un'impepata di cozze mai digerita. Una stella prima che la testa mi ricada - - - - - - - - - - --- *** Qualsiasi cosa che sia qualcosa di qualcos'altro in realtà è niente di niente... (Marge Simpson)

    [ ]

    Tutta colpa della frittura di calamari!
    Contributo di: Il Tom esitante on Thursday, 25 July 2013 @ 21:58
    bel racconto, molto ritmato e scritto bene. Forse il decesso doveva essere più originale, comunque --- Te

    [ ]

    Tutta colpa della frittura di calamari!
    Contributo di: loreine on Monday, 29 July 2013 @ 21:17
    Intolleranti anche alla proria faccia! Una BELLA scrittura ricca di fantasia .
    Letto con piacere .

    ---
    loreine

    [ ]

    Tutta colpa della frittura di calamari!
    Contributo di: frame on Friday, 02 August 2013 @ 21:43
    Carino nel suo genere. Quando ho sentito parlare di un sogno
    mi sono detto, uffah però! Poi il finale tagliente e
    imprevedibile lo rivaluta. In questo caso la brevità è un
    pregio.

    ---
    Frame

    [ ]

    Tutta colpa della frittura di calamari!
    Contributo di: Marcus on Tuesday, 06 August 2013 @ 11:04
    La scrittura agile attira l'attenzione su questo brano il cui finale a sorpresa lo fa uscire dalle letture più tradizionali

    ---
    Marcus

    [ ]

    Tutta colpa della frittura di calamari!
    Contributo di: PattiS. on Friday, 09 August 2013 @ 13:09
    molto pirandelliana ma mi ricorda anche la storiella dei nasi di Rodari. Ciao!

    ---
    Within me, bursts its watery syllable

    [ ]

    Tutta colpa della frittura di calamari!
    Contributo di: rita iacomino on Friday, 20 September 2013 @ 18:12
    Mamma mia che incubo, fino alla fine! Ecco perché' da anni non mangio
    più i fritti! Bella fantasia Lele!










    ---


    rita iacomino ---

    www.ritaiacomino.weebly.com



    [ ]

    Opzioni  
  • Invia il Contributo a un amico
  • Contributo in Formato Stampa

  •  Copyright © 1999-2020 ..::Il Club dei Poeti::..
     Associazione Culturale Il Club degli autori Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153
    Tutti i marchi e copyrights su questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.